lunedì 22 febbraio 2010

Ancora sull'Apa

Arrivano, naturalmente di notte, con un camion di cartelloni tutti in nuovo formato e tutti già dotati di pubblicità (sovente film). Massacrano il marciapiede. E installano. Spesso in centro. Addirittura dentro la ztl: dove secondo il regolament comunale di impianti non ce ne dovrebbero proprio essere. Questo qui sopra è in Via Ludovisi, sovrapposto a affissioni abusive. L'illecito (cartelloni, attacchini) prospera alla grande, solo il palo pubblico recante la segnaletica verticale sembra davvero malconcio, quasi cadente... Una immagine che è metafora della città.
Ad ogni modo, per chi volesse chiedere informazioni, ad esempio, su come fa l'Apa a piazzare cartelloni addirittura dentro la Ztl, c'è una possibilità. Perché questa azienda è una delle poche con un bel sito: www.affissioniapa.it

30 commenti:

  1. A Via dei Colli Portuensi altezza rossopomodoro si sono inventati dei finti lavori allo spartitraffico centrale al solo scopo di piazzare cartelloni.

    RispondiElimina
  2. Che schifezza di cartellone, attaccato al muro!
    Aggiungiamo i manifesti abusivi sui mattoni e l'estetica di Roma è distrutta.
    Ma perché non abbiamo una azienda seria di advertising?

    RispondiElimina
  3. Quando rimuoveranno quel cartellone illegale, nel 2100, dopo l'invasione della Francia, troveranno i manifesti elettorali ancora affissi là dietro. I turisti faranno la fila per vedere questa testimonianza storica assolutamente unica.

    RispondiElimina
  4. Il tocco di classe è il palo sbilenco dell'indicazione del senso unico. Un evergreen a Roma.

    RispondiElimina
  5. Questo, come tutti gli orrori documentati sul blog, dovrebbe apparire sulla prima pagina di tutti i quotidiani europei. Non è tollerabile che Roma, patrimonio dell'Umanità, sia lasciata alla mercè di questi caciottari (mi scuso con i bravi produttori di caciotte...è per rendere l'idea) lanzichenecchi.
    Molte realtà si stanno muovendo per organizzare la resistenza a questa invasione criminale e dobbiamo fare il possibile per saldarle in un unico movimento sempre più determinato a portare la questione all'attenzione dell'opinione pubblica europea e mondiale (pensate ai flussi turistici..)e della MAGISTRATURA ( a cui basterebbe affacciarsi su Piazzale Clodio..).
    Roma - Amor

    RispondiElimina
  6. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  7. Guardate qui cosa spunta in mezzo all'animazione sul loro sito:
    http://i45.tinypic.com/141qf7d.jpg
    Incredibile.

    RispondiElimina
  8. Riprendiamoci, e la foto dei tre parapedonali in sequenza sullo spartitraffico (rigorosamente vietati dal CdS) con ancora il cemento fresco ??!!
    Sarebbe da mandargli una mailetta, chiedendogli, "ma come, esponete sul sito prodotti rigorosamente fuorilegge a norma CdS" ??

    RispondiElimina
  9. E si vantano del 9 x 3 (27 metri quadri, tacci loro !) a piazza barberini
    Risulta anche a voi che il formato massimo è 4 x 3 o me lo sò sognato ?

    RispondiElimina
  10. Fateci un post con quella foto!

    RispondiElimina
  11. Stramaledettissimi, le coordinate per mandare e-mail come comitato Cartellopoli ce le avete, sentiamo cosa hanno da dire. Le foto che hanno come dimostrative si riferiscono tutte a impianti fuorilegge!!

    RispondiElimina
  12. Sopra il 4x3 non si può andare salvo formati speciali. E quello è un formato speciale, su "suolo" privato tra l'altro... Come dire: fosse quello il problema...

    RispondiElimina
  13. APA: Agenzia Pubblicità Abusive

    RispondiElimina
  14. Mandiamo ognuno una email diversa o tutti la stessa? A una almeno risponderanno.

    RispondiElimina
  15. Io direi diverse!

    Se avete facebook, iscrivetevi alla pagina di Renata Polverini. Stiamo cercando di fare un po' di campagna antidegrado lì.

    Che vi costa?

    RispondiElimina
  16. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  17. Domanda: ma la normativa che regola il volantinaggio (quindi consegna a mano e scritta), vale anche per i volantini lasciati nelle cassette condominiali all'aperto?

    Lck

    RispondiElimina
  18. Grande Lck! Una curiosità: ma sei tool? Complimenti per il blog!

    RispondiElimina
  19. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  20. Mitico Lck!!! La prossima volta portati il complice con la telecamera nascosta: promesso?

    RispondiElimina
  21. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  22. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  23. @ Lck

    Si, sono RiprendiamociRoma anche lì ;)

    RispondiElimina
  24. Lo stato non esiste e questi bastardi dilagano, non ci sono parole per quello che stanno facendo.
    Un paese di merda.

    RispondiElimina
  25. Bisogna vietare tutta la cartellonistica e multare pesantemente tutte le ditte che fanno pubblicità con i banditi. A Roma non servono i cartelloni, servono a questi vermi per arricchirsi, e via anche la pubblicità da palazzi e terreni privati. Tabula rasa, ripartire da zero. Le mezze misure, i compromessi saranno destinati al fallimento, come sempre.

    RispondiElimina
  26. I banditi vanno messi al fresco

    RispondiElimina
  27. Ultim'ora!
    Andate su Repubblica.it e cliccate sulla pagina di Roma! Zingaretti mitico!!!!

    RispondiElimina
  28. I politici onesti e non in malafede, quei pochi che ci sono, dovrebbero capire che i soli costi di rimozione dei cartelloni installati dai banditi saranno superiori agli introiti degli ultimi 20 anni da parte di quei pochi cartelloni legali. I cartelloni NON SERVONO a Roma, sono una piaga e vanno proibiti in toto, anche perché non abbiamo uno stato di diritto che controlla e vigila, ma un antistato anche all'interno delle amministratori.
    I cartelloni hanno arricchito solo i banditi e gli amministratori (capisc' a me!)

    RispondiElimina
  29. Ma possibile che NESSUNO dica la vera verità sulla storia dei cartelloni a Roma? Tutto cominciò con l'"ambientalista" Rutelli, responsabile del primo vero scempio pubblicitario di Roma con l'esplosione dei cartelloni, poi arrivò il "Pinocchio" Veltroni, che con tante "cazzate" e "bugie" coprì le responsabilità del suo predecessore nel frattempo diventato compagno di partito, ma almeno Veltroni evitò di far piantare a Roma altri cartelloni...poi infine è arrivato il sindaco Alemanno che ha affidato al "delinquente ambientale" Bordoni il compito di "murare" definitivamente la città coi cartelloni piazzati ormai ovunque e completando lo scempio iniziato da Rutelli e "protetto" da Veltroni......e poi basta stilare cifre sul numero dei cartelloni presenti a Roma con numeri irrisori: in questo sito si parla di 150.000 impianti, in pratica più di quanti tutte le altre capitali europee hanno installato messe insieme....a Roma gli impianti pubblicitari regolari, regolarizzati, regolarizzabili o comunque non rimuovibili per regole fatte ad hoc per farle violare già ai tempi di Rutelli arrivavaal milione...l'opera di Alemanno/Bordoni sicuramente non è da meno di quella dell'"ambientalista" Rutelli e probabilmente ormai il numero degli impianti si sta avvicinando velocemente ai 2 milioni....entro la fine del mandato di Alemanno, visto che ogni giorno centinaia o migliaia di nuovi impianti vengono installati tutti dotati di targhetta comunale, il numero dei cartelloni pubblicitari di vario formato dovrebbe sicuramente superare quello del numero degli abitanti di roma, raggiungendo un livello che probabilmente tutte le città civili del mondo intero non hanno messe insieme!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    Un commento finale viene spontaneo, o meglio uno slogan che si potrebbe utilizzare per coprire gli impianti di Roma durante le azioni dimostrative di protesta: "PRIMA RUTELLI E VELTRONI, ORA ALEMANNO. MILIONI DI IMPIANTI PUBBLICITARI DETURPANO ROMA, CENTINAIA NUOVI OGNI GIORNO. FERMIAMO LO SCEMPIO!!! ORA LA LEGGE LO CONSENTE: BUFFONI RUTELLI/VELTRONI/ALEMANNO SINDACI DELINQUENTI (AMBIENTALI)".
    E tante altre iniziative si potrebbero mettere in piedi per rendere + efficace la lotta contro 20 anni di scempio dei nostri sindaci.....io sono pronto a combattere veramente...chi segue?

    RispondiElimina