martedì 23 febbraio 2010

Diamoci un modello

La mail nuova da utilizzare per le comunicazione è la seguente: segnalazioniaffissioni@comune.roma.it. E noi che ci aggiriamo attorno al Comitato Cartellopoli dobbiamo essere i suoi più calorosi clienti. Denunciamo tutto. Sempre. Ma quello che dobbiamo fare deve avere almeno una allure di professionalità, non ci possiamo presentare all'amministrazione come dei pressappochisti improvvisati.
Bene, quello che ci serve è un modellino da compilare volta per volta prima di inviare la lettera alla mail qui sopra.


LUOGO
NUMERO CARTELLONE
COLLOCAZIONE RINTRACCIATA NEL CARTELLONE

UNA FOTOGRAFIA

CARTELLONE ILLECITO PERCHE'; e qui le argomentazioni, per punti, da crocettare volta per volta

E così via. Insomma, cambiamento di tutto per non cambiare nulla. Quello che occorre è qualcuno che si pigli la briga di farlo davvero sto modellino volta per volta da compilare e inviare. Così' lo potremo tenere qui, su Cartellopoli, per tutti coloro che vorranno scaricarlo e utilizzarlo. E per vedere la reazione del Comune. Diamoci da fare.

12 commenti:

  1. Che intestazione mettiamo? Contatti? Ognuno mette il suo? Suggerimenti per i punti?

    Lck

    RispondiElimina
  2. http://roma.repubblica.it/dettaglio-news/roma-14:11/27436

    A quanto pare anche Zingaretti non ha capito molto della situazione attuale.

    RispondiElimina
  3. A me l'iniziativa del presidente Zingaretti è parsa lodevole, ha dato il via alla rimozione dei cartelloni dalle strade consolari e provinciali.
    Certo il lavoro andrà ben svolto ma pare un buon segno che anche la provincia inizi a rimuovere i cartelloni abusivi.
    Vigileremo sui risultati concreti sia di Zingaretti che del duo Alemanno-Bordoni (su loro ho molti dubbi!)

    RispondiElimina
  4. Come funziona con le spese? Alla fine chi le pagherà?

    RispondiElimina
  5. Funziona che rimuovere lo schifo fatto costerà molto più delle entrate dei cartelloni legali degli ultimi decenni: bisogna proibire tutta la cartellonistica!

    RispondiElimina
  6. http://roma.repubblica.it/dettaglio/ardeatina-via-i-cartelloni-abusivi-la-provincia-ripulisce-le-consolari/1868469

    RispondiElimina
  7. Comunque su Zingaretti, in larga parte, avevo equivocato io! :-)

    RispondiElimina
  8. Il rischio che si debba spendere più per rimuovere i cartelloni rispetto a quanto il Comune abbia finora incassato è più che concreto... soprattutto se si pensa che il comune deve ANCORA incassare 227 milioni di euro di oneri concessori e multe che si sono accumulati dal 1993 in poi (cfr. Il Messaggero del 26 novembre 2009).
    Secondo me bisogna battere il ferro fino che è caldo e puntare all'eliminazione di tutti i cartelloni pubblicitari - che ci fossero da prima o no - dal centro storico di Roma (per poi ridurli drasticamente nel I Municipio e così via).

    RispondiElimina
  9. Paolo Conti su Corriere Roma parla di cartelloni abusivi
    -
    http://forum.roma.corriere.it/una_citta_mille_domande/23-02-2010/per-uno-abbattuto-ne-hanno-fatti-impiantare-1000-1487318.html

    RispondiElimina
  10. spendiamole due parole anche per l'inizitiva di zingaretti

    RispondiElimina
  11. Ti ho appena mandato una prima bozza di "segnalazione standard" di impianti abusivi, fatta in modo da addossare tutta la responsabilità al comune.

    RispondiElimina
  12. ieri ho mandato una segnalazione (senza foto e meno "strutturata") su un cartellone all'eur ed oggi ho ricevuto questa risposta:

    La ringraziamo per la Sua segnalazione. Il Comune ha predisposto le
    opportune verifiche a cura del Comando territoriale di Polizia Municipale
    e dell’Ufficio Affissioni. Gli impianti abusivi, non censiti nella Banca
    Dati del Comune di Roma, saranno rimossi e sanzionati. Le strutture
    autorizzate ma segnalate saranno oggetto di ulteriori controlli e soggette
    ad eventuale ricollocazione.

    Cordiali saluti.

    Segreteria Assessorato alle Attività Produttive del Comune di Roma

    RispondiElimina