martedì 23 febbraio 2010

E l'ennesimo fratello del clan De Lillo umiliò il Lungotevere

Legale? Illegale? Abusivo? Probabilmente quest'ultima è l'ipotesi più plausibile. Ma non ci importa, quello che ci importa è l'abisso di cattivo gusto a cui sono arrivati i nostri politici, degni di campagne elettorali che neppure in Sudamerica, neppure nei Balcani. In un paese che sempre di più si conferma drammaticamente inadatto alla democrazia. Questo è De Lillo, fratello dell'attuale assessore all'ambiente del Comune di Roma. Per 'abbellire' il suo comitato elettorale ha trasformato in un pezzo dell'autodromo di Monza il Lungotevere Flaminio. E poi questa gente, una volta, eletta, dovrebbe difendersi dalla cafonaggine dilangante, no?

14 commenti:

  1. A me sta quasi venendo il sospetto che alla magioranza della gente piaciano anche queste cose! :-(

    Lck

    RispondiElimina
  2. Ma cos'è, un cancello elettrico?
    Tutti i neuroni li spendono per inventarsi cartelloni sempre più brutti!
    -
    Lck, complimenti per il blitz a Tecnocasa!
    Ricordiamo che annunci e locandine affissi ai pali sono vietati dall'ordinanza dell'8 febbraio che non viene rispettata!

    RispondiElimina
  3. Grazie Les,

    in effetti sto raccogliendo altra loro cartaccia... quando ne avrò un nuovo bustone glielo consegnerò con il testo dell'ordinanza.
    Credo che prima o poi si renderanno conto che non gli conviene affaticarsi per attaccare degli annunci per vederseli strappati dopo un paio di ore....

    Cosa mi dici invece dei volantini o dei libretti che vengono infilati direttamente nella cassetta della posta o nelle cassette condominiali?

    Si configura sempre come volantinaggio?

    Lck.

    RispondiElimina
  4. Nella cassetta della posta sono legali (non so se devono pagare una tassa per la pubblicità) invece i contenitori per volantini fuori dai condomini, accanto al portone, credo non siano regolamentati ed è un errore.
    I contenitori condominiali per volantini non hanno il coperchio e i volantini cadono tutti per strada!

    RispondiElimina
  5. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  6. Il fatto è un altro
    Che tutta questa marèa di manifestini cartelli cartelloni volantini non serve a NIENTE !
    Utilità economica nulla o quasi
    Possibile che ancora non l'abbiano capito ?
    La gente quando vede 11 cartelli 4 x 3 uno di seguito l'altro (via portuense altezza incrocio via casetta mattei, vedasi qui http://bit.ly/dD6TuX ) ma come può focalizzare l'attenzione su uno solo ??!!

    RispondiElimina
  7. ART. 5
    Norme particolari in materia di pubblicità tramite manifestini e simili
    1. La distribuzione di manifestini e simili deve essere eseguita con la consegna diretta
    alle persone. E’ vietato distribuire, affiggere ed esporre in ogni forma manifestini e
    simili collocandoli su beni situati, anche temporaneamente, in luoghi pubblici ed
    aperti al pubblico, ivi comprese le chiusure dei locali.
    2. Ciascun manifestino deve richiamare, in modo visibile, l’obbligo di utilizzare cestini o
    cassonetti per gettarli.

    RispondiElimina
  8. Grazie a tutti per la risposta. Ineffetti mi domandavo quale fosse la situazione alla luce delle nuove delibere.

    I manifestini quindi vanno dati a mano e non possono essere infilati nella posta? Oppure la cassetta postale, essendo nominativa è assimilabile alla consegna a mano?

    Sull'inutilità di questa montagna di carta sono assolutamente d'accordo.

    Lck.

    RispondiElimina
  9. Però a leggere queste sentenze, sembrerebbe che non fosse legittimo neanche prima utilizzare i volantini nella cassetta della posta:

    http://www.federconsumatori.it/robin%20web/febbraio/condanna.htm

    RispondiElimina
  10. Comunque i "volantini" di protesta che sono arrivati ai presidenti dei municipi e (pare) anche a qualche cartellonaro non erano volantini, ma semplici fogli fotocopiati, uguali a quelli in cui era scritta la relazione di Bordoni, e per di più sono stati distribuiti in un luogo chiuso. Mi meraviglio che i vigili si siano fatti intortare dal primo cojone di turno.

    RispondiElimina
  11. Corretto! Non erano volantini. Non era pubblicità. Non era comunicazione commerciale. Dunque non doveva sottostare a nessuna norma. E' come se, in un qualsiasi liceo della città, la professoressa fosse segnalata perché consegna delle fotocopie di un libro ai suoi alunni senza segnarvi sopra il riferimento allo smaltimento. Una follia. Una follia possibile solo in una città ove la polizia e le forze dell'ordine sono al servizio della mafia.

    RispondiElimina
  12. Un vigile di quelli anziani e rispettati mi ha contestato che non c'era scritto "non gettare per terra" sul volantino di protesta.
    Io gli ho detto che non era pubblicità e che rimaneva all'interno del luogo della riunione.
    Sui prossimi scriviamolo, comunque

    RispondiElimina
  13. ho chiamato ora la Polizia Municipale dell'VIII Municipio:

    gli dico che ho letto che dai primi di questo mese è in vigore un'ordinanza che vieta la consegna di volantini pubblicitari se non a mano e con l'indicazione di gettarli nel cassonetto.

    Sì, mi dice spavaldo.

    Gli chiedo come e a chi posso segnalare delle ditte che continuano ad infilare nella cassetta della posta o condominiali o sui parabrezza la pubblicità. Tra l'altro senza la segnalazione di gettare la carta dei cestini.

    Lui dice che non c'entra niente. Quella è un'ordinanza sul decoro urbano e riguarda le strade. Viene multato chi prende il volantino dal parabrezza e lo getta in terra. Le società possono continuare a distribuire i volantini. "Quelle sono attività finanziarie, mica possiamo fermare il commercio."

    Io gli dico che mi pare che non abbia capito molto dell'ordinanza, dato che quell'articolo riguarda proprio chi fa informazione commerciale e non chi getta per terra l'informazione commerciale ricevuta (che viene punito a norma di altri articoli).

    Lui allora mezzo stranito mi dice, "Senta, io sono del pronto intervento telefonico, mica posso stare al telefono mezz'ora con lei a discutere di politica!"

    Io gli rispondo di leggersele le ordinanze, perchè è deprimente che loro siano i primi a non conoscerle.

    Mi saluta dicendo di chiamare la centrale operativa... sempre infastiditissimo!!!

    Che tristezza... qui è un muro di gomma!

    :-( :-( :-( :-( :-( :-( :-( :-(

    RispondiElimina