sabato 27 febbraio 2010

Taglie forti a Via Cesare Pavese

Ma questo cazzo di negozio, così famoso come è, non potrebbe risparmiarli i milioni che investe in pubblicità? Lo conoscono tutti e le pubblicità sono così brutte e sgradevoli che possono solo disincentivare ad andarli a provare. Ma perché non gli scriviamo una mail?

9 commenti:

  1. Di questi tempi a pensar male non si fa mai danno.
    Per me certe attività commerciali (specie quando hanno tanto da spendere in pubblicità) a volte possono coprire ..... e mi taccio .....
    (oppure siamo una città di obesi ?)

    RispondiElimina
  2. questo negozio per altro centrale e sotto gli occhi di un passaggio continuo ha invaso la città di cartelli di tutte le dimensioni, gia entrando in citta ad es. dalla salaria ci si ritrova il nome sbattuto in faccia...perfino a largo brancaccio a 10 metri dal negozio ha dovuto piazzare una palina in mezzo al marciapiedi!!! La foto dimostra come questi mostri di 4 metri siano spesso messi su marciapiedi strattissimi e addosso alle case. Come i tre all'incrocio tra via val melaina e via monte cervialto, di cui uno gia mezzo pericolante. Comunque per tornare al negozio per obesi, l'idea è NON COMPRARE da quei negozi che deturpano la città, in fondo di negozi e centri commerciali siamo pieni, si puo' scegliere.

    RispondiElimina
  3. perchè coprire questi manifesti con adesivi "boicotta chi imbratta Roma"?

    RispondiElimina
  4. Il sorcio ciccione li ha messi davanti a decine di monumenti e palazzi storici del Centro !!! oltre, ma è banale, a parchi, aiuole, piazze, viali, edifici pubblici (I PIU' AMBITI perchè nell'immaginario del VERME ITALICO robbbba de tutti = pro robbbba mmmia! - e poi chi controlla ? il bidello, il portantino aaaahhhahhh!!!!

    RispondiElimina
  5. Lascia, diciamo così, perplessi la quantità di cartelloni fissi che questo negozio ha in tutta Roma. Sono decine o forse centinaia. Non è difficile farsi 2 calcoli. Se i più ridicoli cartellini 1x1 sono affittati a 100€ al mese moltiplicate per 12 e poi per il numero di cartellini e cartelloni (più cari)che questo negozio per oversize paga...Quanto gli costerà ogni anno? E perchè mai un'azienda con 2 negozi, per quanto centrali, investe una simile somma in pubblicità (anche allo Stadio Olimpico vedete quel nome su sfondo giallo per 90 minuti..); sarebbe interessante approfondire..ma non disponiamo dei mezzi necessari..lo facesse chi di dovere

    RispondiElimina
  6. Si anche a me è balzata agli occhi l'anomalia..che fa il paio con un altro negozio o presunto tale, quello che sta sempre all'esquilino a via napoleone III che ha riempito roma di cartellini gialli con la scritta COMPRO ORO e DIAMANTI...(ma a roma tutta sta gente si vende oro e diamanti???). Il venditore di vestiti per obesi ha fatto anche di peggio tra cartelli e cartelloni spende un patrimonio...anche lui sta all'esquilino...zona non proprio limpida per il commercio ma questo non vuol dire nulla ovviamente. Sicuramente pero' ha tanti soldi da spendere, sicuramente supererà ogni controllo della Finanza a pieni voti, pero' appare una stranezza unica nel panorama...Possibile che ha tutti sti pantaloni in magazzino da vendere??????????????? Magari pure qua scopriamo qualche signor Obesovsky come la signora Gliudmilla Cartellova della ditta di affissioni che si mangia i nuovispazi....

    RispondiElimina
  7. ma non c'era un numero verde per segnalare cose strane alle fiamme gialle??? cosi mi sovviene l'idea..

    RispondiElimina
  8. Pitron Pitron Pitron eviva el cartelon, Pitron Pitron Pitron ciai rotto li coion !!!
    Da Pitron ogni pantalon te regala el cartelon.
    umberto Bozzi

    RispondiElimina
  9. anche io mi chiedo quanti soldi spende questo negozio in cartelloni (e sono in tutti i quartieri, a partire da val melaina per finire a cinecittà).....non vorrei che dietro questi obesi ci fosse qualche famiglia tipo 13ne, Samuel Little o Housemonica, tanto per dirne alcuni

    RispondiElimina