sabato 27 marzo 2010

Andrea's Version. I lettori ci scrivono







Bene, mi sono deciso. Sabato ho fatto una passeggiata al Flaminio con la macchina fotografica per documentare lo scempio, in quello che dovrebbe essere il parco delle architetture del novecento. Presto mi sono dovuto rendere conto che è pressocché impossibile fotografarli tutti, sono troppi anche lungo un percorso di poche centinaia di metri! Vi mando alcuni esempi (ma ne ho documentati molti di più) che riguardano Piazza Cardinal Consalvi-Ponte Milvio (Torretta del Valadier occultata dal recentissimo cartellone giallo, più molti altri di varia anzianità), Piazza Apollodoro, tra il Palazzetto dello Sport e lo Stadio di Nervi, la statua dei lottatori al Villaggio Olimpico, l’Auditorium di Piano. Vicino a quest’ultimo, tra una selva di cartelloni collocati anche nella rotatoria, un cartello dei più piccoli reclamizza i sui spazi per soli 100 euro al mese… Fatte le debite proporzioni, i conti sono da capogiro.
Le decine di migliaia di impianti sparsi per tutta Roma creano un giro d’affari multimilionario, a fronte di costi quasi inesistenti. Non è da paese civile che questo “affare” sia gestito con le attuali regole: è sostanzialmente consentito alle aziende del settore di decidere in assoluta libertà come e dove collocare i loro impianti sul suolo pubblico (che è di tutti), anche perché l’eventuale, del tutto ipotetica, rimozione dell’impianto, avverrebbe dopo tempo, consentendo comunque di conseguire lucrosi profitti. Sono indignato: perché se non è, giustamente, permesso ad un edicolante o barista di piantare un chiosco su un marciapiede senza autorizzazione o verifica preventiva dei requisiti, tutto è invece consentito ai cartellonari?
Andrea

17 commenti:

  1. Bella domanda Andrea.
    Speriamo che la Magistratura ci possa dare una risposta chiara, anche se nel frattempo Roma sarà diventata una città del 4° mondo, assediata da cartelloni a centinaia di migliaia, tags su tutti i muri e anche sui monumenti, milioni di locandine "sgombro cantine" e "vendesi appartamento"(ma dove cazzo staranno tutte ste cantine da sgombrà?) su OGNI palo della luce,escrementi canini,traffico da incubo, parchi abbandonati al degrado, migliaia di alberi tagliati..bè ci siamo capiti.
    CAPITALE? si..del degrado e del malaffare!
    ALE-DANNO e BORDONI: VERGOGNA! VERGOGNA!! VERGOGNA!!! avete venduto Roma ai cartellonari e vorreste pure il voto..

    RispondiElimina
  2. Ma pkè che anno di brutto qsti cartelloni?

    RispondiElimina
  3. Ottime le foto dove si vede il villaggio olimpico e le archittetture del grande pierluigi nervi, vanno portate stampate in grande alla convention prossima degli architetti di fama mondiale che avrà luogo a roma nelle date riportate gia su questo sito. Tra l'altro roma vorrebbe le olimpiadi....Vanno portate anche quelle foto dove si vedono viali alberati schermati dai tabelloni, le foreste di cartelli sulle aiole (ex), i monumenti impallati dai cartelli. Insomma foto significative che evidenzino la confusione e il degrado. Intanto un cartello è spuntato anche su via trastevere incrocio con lungotevere in mezzo alla strada che impalla la statua del Belli.

    RispondiElimina
  4. Caro anonimo che ti chiedi che hanno di brutto questi cartelloni, fai benissimo a porti la domanda perche' forse riesce a capire con l'aiuto di una persona competente, che cosa è per te il bello ed il brutto, cosa è per te la percezione di uno spazio e cosa in realtà essa è per le persone normali. Potresti imparare ad apprezzare la qualità e la qualità della vita, forse non sei mai andato in una civile capitale europea o anche in una città dell'estremo nord d'italia. Capiresti perche' li la qualità della vita ed il benessere sono molto maggiori soprattutto perche' vige il rispetto delle leggi e la socialità (di cui si riempie la bocca il nostro sindaco) è cosa sacra e reale. Poi se vedi solo i cartelloni e ti piacciono pure sei fortunato, non spendi i soldi per goderti un Caravaggio o un Raffaello e magari eserciti anche la lettura. Potresti fare cosa utile sradicando un po di cartelli e piantandoteli dentro casuccia tua.
    Carlo

    RispondiElimina
  5. anonimo, i cartelloni se troppi rovinano l'armonia architettonica della città e rubano spazio alle persone.
    Pensaci: sui marciapiedi sono pericolosi per chi cammina, sugli spartitraffico non fanno parcheggiare le macchine, sui guardrail disturbano la vista del guidatore, sui giardini deturpano l'ambiente.
    I cartelloni devono essere di meno e più belli, così tanti manco si leggono.

    RispondiElimina
  6. Stampiamo le foto in maxi formato, le attacchiamo su fantocci di cartelloni di cartone e li piazziamo all'entrata, per dare il benvenuto alla folla di architetti. In particolar modo i cartelloni che coprono architetture di pregio. Il sindaco farà una figura di merda colossale, se la ricorderà a vita. 'Sto stronzo.

    RispondiElimina
  7. vanno anche cercate le email di architetti tipo fuksas che è romano ma anche renzo piano che interverrà e gli vanno spedite le anteprime...e il link del sito...Cosi sanno gia di cosa si tratta ovviamente spiegando loro gli antefatti (le minacce a veltroni all'epoca delle demolizioni), il nuovo regolamento pagliacciata e i blitz notturni delle ditte e tutte le regole che infrangono..
    Carlo

    RispondiElimina
  8. Ma non gli rispondete nemmeno al solito "anonimo", non avete capito che è qui solo per trollare?

    Ignoratelo e basta.

    RispondiElimina
  9. Bravo tommy..ancora perdete tempo con questo coglione? E su..Pensiamo bene invece all'organizzazione dell'8 e 9 Aprile.
    Ho letto ottime proposte ma poi chi fa cosa bisogna saperlo per arrivare in grande stile all'appuntamento. Quindi chi ha fatto le proposte faccia sapere se poi le porta avanti.

    RispondiElimina
  10. Bloccare l'invasione dei cartelloni e sputtanare il sindachello colluso. Molti nemici molto onore.

    RispondiElimina
  11. http://roma.repubblica.it/cronaca/2010/03/27/news/palazzo_venezia_poster_senza_fine-2934641/

    RispondiElimina
  12. ho appena aperto un volantino elettorale del pdl di roma, l'opuscolo si intitola Roma, 2010, l'anno della svolta. A parte il fatto che se il 2010 è l'anno della svolta, dal 2008 a oggi la nuova giunta che ha fatto??? Comunque tra le paginette piene di promesse c'e' una che si intitola TOLLERANZA ZERO CONTRO IL DEGRADO, e se la piglia contro i writer e chi butta le carte in terra.Giusto ma allora ci spieghi il Sindaco perche' viene tollerato lo scempio in atto da mesi con decine di migliaia di cartelli e cartelloni uno piu brutto dell'altro e anche pericolosi e fuorilegge che vengono ogni giorno montati dove capita e che fruttano milioni di euro, non ai cittadini ovviamente. La lotta ai ragazzini che imbrattano i muri va bene ma lottate pure contro il racket delle affissioni.

    RispondiElimina
  13. Ma non capisci anò? E' il popolo della libbertà! Libertà di far soldi regalando la città agli amici. Volemose bbene e smettemola de rompe er cazzo. Lasciamo magnà in pace Alecazzo. Ha vinto lui e mo magna lui.

    RispondiElimina
  14. ragazzi, teniamo lo sfogo nel decente, se no diventa un blogghetto d'insulti

    RispondiElimina
  15. Oggi sono passato su Via Salaria, altezza Villa Ada. Sono (ancora) in corso lavori di rifacimento dei marciapiedi, sia laterali che quello centrale che divide le carreggiate (...ce n'era bisogno...). Ebbene, ovviamente, ancora con il cantiere in corso...il lavoro è già vanificato da un numero imprecisato di cartelli e crtelletti ancora una volta posti a cazzo di cane ! ...e devono ancora finire i lavori...!!! E' veramnete uno sconcio. Di questo passo tra poco proveremo invidia di Brazzaville

    RispondiElimina
  16. Tra l'altro aggiungo ancora una volta che, in base alla famigerata (e stravolta) delibera 37 le affissioni dovrebbero essere temporanee (max 1 anno) e non essere stabilmente fissate al suolo...basta leggere il fac-simile della domanda che si può scaricare dal sito dell'Ufficio Affissioni e Pubblicità del Comune di Roma

    RispondiElimina
  17. si sono molte settimane che la salaria è strozzata dai lavori di riqualificazione, pero' i marciapiedi dove erano bassi sono stato lasciati bassi pochi centimetri, non c'e' traccia di parapedonali nonostante i marciapiedi siano sempre occupati dalle auto, i lampioni spenti sono sempre tali, in compenso non si azzardano a togliere i cartelli manco per rifare i marciapiedi, guai a toccarli..

    RispondiElimina