sabato 13 marzo 2010

Autorizzati di essere illegali

Vedete questi due cartelloni? Ebbene sono illegali. Autorizzati dal Comune, ma illegali. Perché?
a. troppi vicini al semaforo
b. troppo vicini tra loro
c. in una strada adiacente ad una zona protetta (Parco del Pineto)

Siamo su Via della Pineta Sacchetti all'incrocio con Via San Cleto Papa. Aho, occhio ai commenti, non scrivete il nome di uno dei due gestori di questi impianti, che già hanno minacciato una volta di trascinarci in tribunale...

11 commenti:

  1. E aggiungerei che ostacolano il passaggio dei pedoni, soprattutto le categorie più deboli: pensate ad un portatore di handicap in carrozzella, dovrà scendere dal marciapiede per andare oltre. Che sensibilità verso il prossimo sti cartellonari!!!!

    RispondiElimina
  2. cartelloni in mezzo al marciapiede e si lamentano pure...

    RispondiElimina
  3. Esatto, impediscono il transito ai pedoni e in particolare ai disabili, cosa puntualmente vietata dalla normativa vigente, mia cara ditta dal color giallo.
    Appunto, adesso invece di minacciare querele, vediamo cosa ci dicono ....

    RispondiElimina
  4. Ma se è autorizzato è autorizzato. D'altra parte al Comune che je frega dei disabili? Alemanno cammina sulle sue gambe! E così pure tutti i consiglieri. E dunque via, libertà di smerdare la città come meglio si crede! Cani e porci, oink oink, smerdate come vi pare, quanto vi pare. Tanto ciavete l'autorizzazzzzione! Ebbene, c'è una legge non scritta che dà ragione a noi cittadini indignati da questo schifo. Se questo paese di mafiosi di merda non è più in grado di riconoscere le nostre ragioni, faremo di tutto perché la merda di connivenze che opprime questa cacarella di città venga a galla e finisca sputtanata a livello internazionale. DEVONO USCIRE FUORI ALLO SCOPERTO

    RispondiElimina
  5. Corriere della sera di oggi, pagina delle lettere di Roma..aoh ma ce l'hanno tutti co sta azienda, è na persecuzione!!!

    Mentre altri "Nuovi Spazi" vengono rubati sullo spartitraffico di Villa Pamphili che non arriva ad un metro di larghezza. Ma tra un pò vi racconterò l'incredibile vicenda di un cartellone pericolante fatto rimuovere dai Vigili del fuoco, chiamati dai Vigili Urbani del 18° gruppo, pochi giorni fa all'incrocio tra Via di Torrevecchia e Via di Boccea. I vigili telefonavano alla "ditta" responsabile e NESSUNO rispondeva e lo schifoso 4x3 stava per abbattersi sugli automobilisti e i pedoni.
    Amici cari, più passano i giorni e più cresce in me una determinazione feroce a lottare contro questo schifo planetario!!

    RispondiElimina
  6. Alla prima tromba d'aria conteremo i danni.

    RispondiElimina
  7. alla prima tromba d'aria e relativi danni CLASS ACTION contro le ditte e denuncia alla magistratura per tutte le irregolarita riscontrabili da centinaia di fotografie. Il comune li ha autorizzati??? il Comune non puo' non rispettare anche lui leggi nazionali e del codice della strada.

    RispondiElimina
  8. non solo quei due cartelli come altri migliaia sono piantati letteralmente in mezzo al merciapiedi costituendo cosi un pericolo e una barriera architettonica...E il Comune di Roma prende per i fondelli gli handicappati dicendo che vuole rimuovere le barriere architettoniche. Il consigliere GUIDI addetto alle problematiche handicap del comune di roma è a conoscenza dello schifo???

    RispondiElimina
  9. Frullino, piccone, LANCIAFIAMME!!!

    RispondiElimina
  10. Pensate a un cieco che passa per quel tratto di marciapiede e si squarcia la testa sullo spigolo del 4x3.

    RispondiElimina
  11. per la cronaca la targhetta del cartellone rimosso dai Vigili del Fuoco qulche giorno fa a Torrevecchia angolo via di Boccea era 0012/AA001/P.
    La "ditta "RB pubblicità" con sede in Via G.G.Belli 296 non era raggiungibile al telefono e il cartellone stava per crollare sotto le folate di vento sulle auto in transito.
    Che professionalità, che imprenditoria illuminata..Povera Roma mangiata viva da questi squali

    RispondiElimina