martedì 9 marzo 2010

Cartellopoli cerca volontari per giovedì

Giovedì 11 marzo ore 11.30 si presenterà presso la sede della Stampa Estera, a Roma in Via dell'Umiltà 83, la mostra di fotografie di Luca Capuano "I luoghi italiani patrimonio dell'Unesco". Verrà presentato anche il sito internet www.rivistasitiunesco.it. Interverranno, tra gli altri, Claudio Ricci (Presidente dell'associazione Città e Siti Italiani patrimonio Unesco) e Marina Cogotti (soprintendente per l'architettura e per il paesaggio delle province di Roma, Frosinone, Latina, Viterbo e Rieti).
The queston is: non sarà mica il caso di imbastire uno dei nostri volantinaggi. Il contesto sarebbe super super super efficacie...
Non ci sarà la presenza della criminalità cartellonara come nella riunione presso i Vigili Urbani della scorsa volta, per cui il compito potrebbe essere super facile. C'è qualcuno che può farsi sotto?

4 commenti:

  1. ottima idea, io farei un volantino (con scritto "non gettare in terra") su cartelloni e graffiti, domani vi faccio sapere se vado io

    RispondiElimina
  2. fitzcarraldo9 marzo 2010 14:22

    Sul volantino dovrebbero apparire un paio di immagini del Grande Scempio e il riferimento al sito di cartellopoli. Io, purtroppo, sono al lavoro, ma mi ero ripromesso di contattare la stampa estera per dare risalto internazionale al massacro di Roma che nessuno sembra in grado di fermare. Una mia amica mista aiutando a preparare il testo. Se qualcuno di noi andrà cerchi di contattare qualche corrispondente di giornali europei ed americani.
    Cartellonia delenda est

    RispondiElimina
  3. io metterei in risalto che prima si sono abbattuti migliaia di alberi e poi si sono piantati (spesso negli spazi lasciati liberi) migliaia di cartelloni. Gli alberi erano la ricchezza di tutti, i cartelli quella di pochi.
    Altro messaggio potrebbe essere: se il cittadino sosta 5 minuti in divieto gli viene portata via l'auto, se il cartellonaro pianta migliaia di impianti dove gli pare nessuno dice nulla.

    RispondiElimina
  4. Qual è lo studio legale che vuole farci causa?

    RispondiElimina