venerdì 19 marzo 2010

Chi e come sta mettendo i bastoni tra le ruote a Catarci?


Riceviamo e pubblichiamo un comunicato stampa dall'XI Municipio. Un Municipio in cui, da l'altro ieri, tutti vorremmo vivere. Un Municipio in cui, in un modo o nell'altro, hanno deciso che i cartelloni pubblicitari sono una cosa che fa schifo e che va abbattuta. Ma è così difficile?



“DEMOLITION DAY” DEL MUNICIPIO ROMA XI
LA GIUNTA ALEMANNO NON OSTACOLI LE RIMOZIONI


“Sta proseguendo anche oggi il Demolition day del Municipio Roma XI, a Via Sartorio e Piazza Lotto, nell’area del Parco dell’Appia Antica, con l’abbattimento di altri 5 impianti pubblicitari abusivi di grandi dimensioni. La task force, composta dal Municipio stesso, dall’Ufficio Antiabusivismo della Regione Lazio, dalla Soprintendenza e dall’Ente Parco, ha infatti raddoppiato l’impegno, perché proprio ieri notte, nelle stesse vie, sono state installate altre strutture 3x3 e 4x3, in ferro e con base in cemento, che sono state immediatamente sanzionate dalla Polizia Municipale e dai Guardiaparco.Il Municipio Roma XI replicherà la prossima settimana, in altre vie del territorio. Giungono ora voci di interferenze e pressioni per bloccare l’operazione da parte di quella Giunta comunale che finora ha tollerato e addirittura stimolato lo scempio della città: non ci si permetta di ostacolare l’indispensabile azione che si sta portando avanti, finalizzata a garantire la sicurezza della cittadinanza e il decoro urbano. Sicurezza, in quanto i mega impianti sono eretti nottetempo, senza nessun progetto che ne garantisca la stabilità e senza rispettare norme basilari del Codice della strada. Decoro, in quanto con il Demolition Day si contrasta lo scempio causato dall’elevatissimo numero di giganteschi cartelloni che hanno inondato intere vie, quartieri e aree di pregio, devastando paesaggi urbani, strade e marciapiedi. Si sta procedendo, infine, a sporgere denuncia per danneggiamenti nei confronti dei responsabili, a causa della rottura del manto stradale, delle buche che poi occorre ricoprire e dell’inutilizzabilità del tratto di marciapiede interessato”.
Il Presidente del Municipio Roma XI
Andrea Catarci

27 commenti:

  1. Pressioni? Testa di toro davanti alla porta?

    RispondiElimina
  2. Solidarietà ed appoggio a Catarci, De Luca e a tutti coloro non hanno paura di lottare per il decoro della città nella quale vivono e che è patrimonio dell'umanità. Tanto all'amministrazione che gli frega della città e delle periferie in particolare? le periferie sono terra di conquista, i marciapiedi vanno depurati dalle barriere architettoniche ma solo per rendere piu facile l'installazione di cartelli e cartelloni di ogni razza, magari in mezzo alla sede pedonale. Raccogliere le foto, le segnalazioni, gli antefatti (vedi minacce a Veltroni), la delibera salvatutti del comune e fare un bel pacco per la magistratura. Se si muove la gente non potranno dire che sono macchinazioni.....E' la volontà di migliaia di persone. Le quali persone vanno coinvolte e sensibilizzate facendo loro capire la truffa che c'e' dietro, il fatto che invece di piantare alberi e pali dell'illuminazione e pulire strade e marciapiedi si piazzano cartelli e cartelloni, che prima o poi cascano in testa alla gente e addosso alle auto.

    RispondiElimina
  3. Grande Catarci, continua così.

    E' vero, da ieri vorremmo tutti essere residenti all'XI Municipio.

    RispondiElimina
  4. Vi ho segnalato pochi giorni fa il fatto avvenuto in 18^ circoscrizione..andatevelo a rileggere se avete un pò di pazienza.Il pericolo per la VITA degli automobilisti, ciclisti, motociclisti e pedoni non è un'esagerazione isterica ma una realtà. Ma ai nostri ineffabili amministratori,agli Ale-Danno ai Bordoni, ai Paciello interessano i commi delle normative ,fatte apposta per fregare la collettività che subisce questo vergognoso oltraggio, per poter dire un giorno che loro non hanno colpa per quanto accaduto. Intanto il saccheggio criminale continua e queste merde sfidano provocatoriamente chi cerca di opporsi al loro strapotere, vedi i nuovi cartelloni impiantati in 11^ circoscrizione di cui parla l'articolo. Io credo che sia arrivato il momento di far capire a questi criminali che molti romani non ne possono più e quindi si devono organizzare azioni di boicottaggio nonviolento in tutta la città riunendo tutte le persone attive in questa lotta e coinvolgendo la cittadinanza. CATARCI Sindaco, e non è una battuta

    RispondiElimina
  5. Grande CATARCI.. facci sognare!

    Però oltre ai cartelloni ...di "problemini" non ne mancano..però..

    Come per : (Cartelloni abusivi, Catarci: "Buttiamoli giù") 2/2/2010

    Chi desidera avere una foto di un cassonetto della spazzatura con un bel "MANIFESTO" col nome di ANDREA CATARCI in bella mostra?
    Mi scriva ..

    Certo non sò se questo è comunque un danno "grave" dal punto di vista ambientale..come asserisce Catarci.

    E neanche se..può rappresentare un "rischio" per l’incolumità dei cittadini..Perché..non sò se installato di notte e tantomeno sò se in maniera frettolosa. Senza i canoni minimi di sicurezza?

    MA FATEMI IL PIACERE!
    Questa è la “teatralità”pre-elettorale? Il "bue", l'asino e.... il cartellone!

    Parliamo di ECOLOGIA ?
    Quadraro : Il mostro di degrado dal tetto d'amianto di via Cartagine L'amianto è in molti punti forato ed in via di decomposizione. Ma questo è solo “marzapane e cioccolata”, e leggendo comprenderete perché.

    Catarci Medici e Fantino.
    Presidenti rispettivamente dell'XI del X e del IX Municipio il cui impegno è infulcrato sul“Intercultura” e sugli approcci formativi all’insegna della multietnicità e multiculturalità.

    Immigrati rom e lavavetri:
    ''Ora i Rom dell'ex Fiera di Roma, sradicati a forza da una comunita' in cui erano integrati e accettati, vengono trasformati in 'figli di nessuno', in nome di un concetto di legalita', che sa sempre di piu' di perbenismo e FEROCIA SOCIALE '', conclude il presidente del Municipio Roma XI Andrea Catarci.

    Catarci forse non si è letto: Brescia, “civiltà” rom: malato di Aids sposa 12enne BIMBI E ZINGARI, QUANTI ORRORI .Non bastano le ricorrenti vicende dei rapimenti di bambini e dei piccini mandati a rubare: ci sono anche sposalizi aberranti..

    Torniamo nel nostro povero Municipio. Cercando con google “fonte appia rom” troverete:
    “..quei mostri ci sono falde acquifere che ogni giorno vengono contaminate...mettendo a rischio appunto la fonte EGERIA...acqua santa di Roma invidia del mondo..mi sento rispondere sempre con la solita sufficienza..cito alcune frasi..(112) NON è NELLE NOSTRE COMPETENZE DEVI RIVOLGERTI AI VIGILI DEL FUOCO...(115)SI CI HANNO GIà AVVISATI MA NON POSSIAMO INTERVENIRE SIAMO DISARMATI..ogni sera è la solita storia..incendiano pneumatici macchine e ogni sorta di plastiche e tutto senza che nulla accade..faccio presente che sono di sinistra e quando dico sinistra intendo estrema sinistra..”

    “Bruciare copertoni su una falda acquifera non è molto “ECOLOGICO”, Medici e Catarci lo sanno ?”

    RispondiElimina
  6. LA FONTANA sulla salita del quadraro?
    Un art. recita: Tutto abbandonato, le lampade che illuminano la fontana o quelle poste nei cespugli a livello della terra sono spente da anni. Le piante hanno come contorno buste di plastica appiccicate da secoli. Il canaletto che da sopra faceva scorrere l’acqua, tipo ruscello a cascata, è pieno di foglie morte e bottiglie schiacciate. La fontana è crepata e invece dell’acqua c’è la mondezza. Abbiamo sollecitato qualche consigliere del X Municipio a provare a smuovere le acque (si fa per dire) ma a distanza di mesi nulla. DOVE DOVEVA ESSERCI UN PARCHEGGIO? UN FIUME FINTO?
    Ora ovviamente abbandonato.. una discarica.. la giusta immagine del decantato ARREDO URBANO!

    Problema “CASA”:
    La VERITA’ in sordina emerge e la FEROCIA SOCIALE ha nomi e cognomi:
    - I no “global” occupano case e poi le affittano in nero... Sfruttati, minacciati e, assicura qualcuno, picchiati. Con la benedizione di una parte dell'estrema sinistra. 11/9/2009. Libero News

    Passano pochi giorni Catarci prende posizione :
    CATARCI: «ACCUSA RACKET ODIOSA E FANTASIOSA»(OMNIROMA) 14/9/2009

    Catarci (XI’) come peraltro Medici(X’) e Fantino(IX’) quindi vicini ad Andrea Alzetta, esponente di “Action” che sostiene il blocco degli sfratti".. In campagna elettorale il suo slogan era: «Occupare case è reato? Ma Tarzan lo fa!». Durante una discussione in Aula Giulio Cesare, ha bestemmiato.
    Ma lo ricordiamo per altre suoi sofismi: «L'Udc fa cagare» Il Tempo-2/02/2010

    Andrea Alzetta alias “TARZAN” “occupa” le case? Ma di lui leggo che : “TARZAN NON ABITA PIU’ NELLA FORESTA” Alzetta in arte “Tarzan” leader di “Action”: Movimento che promuove l’occupazione di immobili. Eletto al Consiglio comunale con la Sinistra arcobaleno. Il 17/12/ 2008 Tarzan si aggiudica un locale in via Masurio Sabino 32. Strano! Uno dei requisiti per l’assegnazione è il basso reddito e la busta paga da consigliere è vicina ad i duemila euro, più vari benefit funzionali alla carica politica. Situazione paradossale, da relazionare con varie recenti e trascorse indagini giudiziarie.

    Dove alcuni “SIGNORI” avrebbero preteso una serie di “favori” di diversa natura: un canone valutato dai 15 ad i 150 euro al mese e la partecipazione alle manifestazioni e ai picchetti organizzati dai centri sociali. A chi si sottometteva la regolarizzazione della sua posizione, (grazie alle istruzioni locali), chi non soggiaceva buttato fuori.

    Dopo il letame scaricato dai no global (3 ottobre scorso) davanti al portone di Palazzo Grazioli, residenza privata di Berlusconi, Nunzio D' Erme fu costretto a rinunciare alla delega del sindaco Veltroni al “BILANCIO PARTECIPATO”. Ora, dopo essere stato messo agli arresti domiciliari dalla Digos per gli scontri all' Eur con la polizia.. (13/1/2004) - Corriere della Sera

    Ma sulla questione di assegnazioni delle case popolari per comprendere è sufficiente cercare l’articolo. “CASE POPOLARI, E’ SCONTRO POLITICO”..«Abbiamo chiesto un risarcimento di un milione di euro agli imputati e ci costituiremo parte civile nel processo.
    L'amministrazione ha fatto emergere una situazione gravissima. Ho visto le graduatorie, con case assegnate a persone che erano al “QUINDICIMILLESIMO” posto…
    «L'inchiesta nata dall'esposto presentato alla procura da Raffaele Marra, direttore dell'ufficio per le Politiche abitative del Comune appena dopo il suo insediamento in ragione delle anomalie e illegalità delle graduatorie per l'assegnazione delle case popolari sta producendo risultati eclatanti…»..«Gli unici responsabili sono i politici», tuona Andrea Alzetta (Romain Action).“Corriere della sera” 6/2/2010

    RispondiElimina
  7. Perché accade “QUESTO” ? La Corte di Cassazione con sentenza nr.35580 ha stabilito che "occupare le case popolari non sempre è reato". Lo stato di indigenza può costituire giustificato motivo dell’occupazione della casa, «bene primario». Calpestando i diritti di chi si rivolge per la via legale richiedendo l’assegnazione di un alloggio ed è inserito in una legittima graduatoria, che come si evince tanto legittima non è visto l’assegnazione di un alloggio al QUINDICIMILLESIMO posto.
    Il presidente dell’Aler di Milano Luciano Niero ritiene che: “questa sentenza può aprire un percorso grave e pericoloso. Perché non distingue tra chi esprime un bisogno nella legalità e chi viola la legge”. Il fenomeno già senza questa sentenza è diffuso in tutta Italia (migliaia di alloggi occupati solo tra Roma e Milano oltre 10.000), esiste anche un vero e proprio mercato di compravendita: 50-60 mila euro per subentrare nell’occupazione abusiva passando per un periodo di “convivenza” cartolare che ne giustifica il passaggio…

    Senza contare a quanto già chiarito con : I no “global” occupano case e poi le affittano in nero... Sfruttati, minacciati e, assicura qualcuno, picchiati. Con la benedizione di una parte dell'estrema sinistra. Quindi OCCUPARE la casa di una anziana ricoverata in ospedale NON E’ REATO!

    Legalizzare l’OCCUPAZIONE o il REQUISIRE?. Come leggo un vecchio articolo: La Digos nel IX, X e XI municipio per i documenti sulle “REQUISIZIONI” degli appartamenti Il presidente dell'XI Catarci è “convinto che l’assenza di elementi di dolo verrà confermata” - 22/10/2007

    La Politica “edilizia” ?:Tangenti, sequestro da 1,5 milioni al geometra del Municipio X La Squadra Mobile della Questura di Roma ha sequestrato beni per oltre 1,5 milioni di euro a G.D., il geometra di 54 anni del X Municipio, arrestato il mese scorso per un giro di tangenti nell'edilizia. (La Repubblica 11/12/2009)

    Esiste la crisi “abitativa”? Ma a Roma lo stesso Andrea Alzetta dichiara 270 mila case sfitte!
    Il motivo è chiaro, per tutti! Nessuno affitta se poi si rischia di perdere la casa grazie alle proposte di “blocco” degli sfratti di Alzetta, o alle “REQUISIZIONI” di Catarci e compagnia.

    La soluzione quindi è semplice: FAR RISPETTARE I CONTRATTI!

    Bloccare gli sfratti per 200 appartamenti, PER lasciarne vuoti 270'000 ? La politica “buonistica” eccola qui:
    “Porta Pia, ancora proteste dei cittadini per i sottopassi occupati”

    Votatela ancora la sinistra ecologica con annessa la libertà!
    Queste “politiche sociali” create come una “malattia” per vendere la “medicina”.
    Io come Pannella chiederò in questo caso "asilo politico".
    Vado in Polonia dove: "Presentata una legge per mettere al bando tutti i simboli del comunismo".
    Si vede che dopo tanti anni di politica “catarcica”.. anche loro proprio non ne possono più!

    Per la prostituzione?: Si propongono un < ..un parco dell’AMORE per ogni municipio..>
    In linea col “PROGRAMMA” di Bonino con Tinto Brass che propone: “EROS E LIBERTA”!

    Ma Andrea Catarci di “Sinistra e Libertà” è costantemente impegnato in operazioni “culturali”.
    Come il concorso di poesia "Casa mia..casa mia.." (tanto per restare in tema), indetto dall’associazione culturale R.E.G.I.S. e finanziato dalla Regione Lazio. Al fianco comunque di illustri personaggi come MARIO DI CARLO, ex-coda alla vaccinara con Cerroni, ancora oggi ben in sella alla poltrona.

    Chiudono gli ospedali? Leggo “pioggia di euro sui Castelli Romani”, piste di ciclocross e affini, al “PARCO” si monitorizza un nido di un falco a 50'000 euro, sito internet 23'000. Bilancio completo?
    Milioni di euro.

    RispondiElimina
  8. Nel parco dell'Appia, come accennato si sbandierano grandi azioni contro l'abusivismo?
    Infatti si è “RIMOSSO” Un parcheggio di un ristorante. MOTIVAZIONE:
    Le macchine avrebbero rovinato i reperti archeologici fino a 80 cm…
    Pertanto ci son passati con un TRATTORE ed un ARATRO!
    Sembra una barzelletta?

    Abbattuta la "VILLA" di Gaucci ? Dalle foto si evince una "baracca" senza porte e finestre, un tetto in lamiera..e si parla di "sopraelevazione"?
    Non di “villa” Tantomeno di recente costruzione!

    Il parco dell’Appia è uno “sfascio”, che contiene sfasci auto da 20 anni, col benestare di questa sinistra ecologica. Sfasci di cui uno in fiamme questa trascorsa estate. (Parliamo di un rogo di 1200 macchine ).


    Ma è necessaria una parentesi per il Presidente dello stesso Parco (ex CAPOLISTA DI SINISTRA) Adriano La Regina. Lui "ABUSIVO " nella "reggia" ricavata nel museo Palatino pagava 500 euro al mese, ma faceva lavori in "economia" di "falegnameria" nella sua nuova abitazione.

    “ECONOMIA”? Ma La Regina perché parla di economia?:
    Che tristezza, l’ex Soprintendente ai Beni Archeologici di Roma Adriano La Regina.
    Professore ordinario di Etruscologia e Antichità Italiche nell’Università “La Sapienza”,
    Presidente dell’Istituto Nazionale di Archeologia e Storia dell’Arte.
    Esperto dei Sanniti, nonché ai non troppo vecchi fasti Presidente di Zetema nel 2005.
    “Accademia dei Lincei”Presidente del Comitato Nazionale per gli Studi sul Sannio

    Presidente di Zetema ? Cosa guadagnava?Non trovo cifre ma dei successivi amministratori e presidenti vedo Ivana della Portella :75.000 euro e l’A.D. Albino Ruberti :120.000 euro.

    Dunque mi diletto a leggermi simpatiche quisquiglie:
    “La Regina e la sua reggia” --
    “Casa da Regina per l'ex soprintendente”
    “Il caso Al professore abitazione di lusso sul Colle Palatino”

    “Al professore abitazione di lusso sul Colle Palatino sede del museo Palatino”.
    Si «sussurrano» 500 euro al mese. Alberto Di Majo IL TEMPO Del 15/04/2009


    «Ecco, per tapparmi la bocca, non si rinuncia alle offese... », ha replicato La Regina. Aggiungendo: «Certo che me ne vado. E, se ce la faccio, prima della scadenza del contratto a fine anno. Alla mia nuova casa a Porta Latina, che ho ristrutturato con lavori in ECONOMIA, mancano solo alcune opere di falegnameria...». E il successore ai Beni archeologici, Bottini sceglie come residenza Palazzo Altemps
    L’art. si conclude così “..perché l'attuale soprintendente ai Beni Archeologici di Roma, Angelo Bottini, ha una casa di servizio a Palazzo Altemps? E quanto paga?

    Bottini al palazzo Altemps? Circa 5 anni fa potevate leggere:
    Adriano La Regina: Venduta un' ala di Palazzo Altemps così lo Stato può perdere un gioiello
    Repubblica 22/11/ 2005 …

    Passa solo un giorno e potevamo leggerci..

    "Acquisire tutto Altemps, un sogno". Il Soprintendente Bottini: "Ma serve un finanziamento ad hoc". La Repubblica del 23/11/05

    IL “SOGNO” è stato realizzato! E Comprato !
    “BOTTINI” ha il suo “ALLOGGIO DI SERVIZIO”!

    Siamo tutti felicissimi!

    Dunque Adriano La Regina al Palatino e Bottini al Palazzo ALTEMPS?

    Il Sen. Vallone nella sua interrogazione parlamentare parlava di “SOGNI”? : “..l’esistenza di un disegno volto, a spese dei contribuenti, ad acquisire prestigiose ville che andrebbero a costituire il futuro capitale immobiliare di Patrimonio S.p.A., e che poi finirebbero per appagare i «sogni nel cassetto» degli amici dei Ministri più fortunati…”

    RispondiElimina
  9. Caro Ministro Brunetta una domanda: Nel platonico politico”IPERURANIO”esiste il “danno erariale”?
    Attualmente, Adriano La Regina Presidente del Parco dell’Appia Antica. Invitato ora a Salerno da De Luca in buona compagnia quindi con il Sindaco di Salerno, anche lui impegnato nella questione morale contro Bassolino. Di cui un non troppo vecchio articolo oltre ai recenti: Nuovo filone negli accertamenti sul risanamento urbanistico della città. Sotto i riflettori un piano per spostare un’ impresa
    Salerno, il ds De Luca indagato per falso e truffa..(28 marzo 2006) – Corriere della Sera

    Più recente questo art. (Marco Travaglio da il Fatto Quotidiano del 20/2/2010) che spiega chiaramente:
    Enzo De Luca, sindaco di Salerno e candidato Pd a governatore della Campania, dà dei “cialtroni” a quanti (pochi) ricordano i suoi tre processi per reati gravissimi. ….Gliel’ha ricordato l’altro giorno il senatore del Pdl Vincenzo Nespoli (ex An, imputato per concussione): “De Luca ha già dimenticato quando, per il ballottaggio 2007, venne a chiedere i voti del centrodestra? Ha dimenticato quando incontrò i vertici regionali di An e Forza Italia? Noi finimmo per appoggiarlo, come male minore”. Chissà se già nel 2007 il centrodestra che appoggiò De Luca rappresentava il Clan dei Casalesi, o se ha cominciato subito dopo.

    Ogni popolo ha il governo che si merita? Cari Salernitani “godeteveli” !

    Ma Adriano La Regina perché è costretto a : LAVORI IN ECONOMIA?
    Perché mancano solo alcune opere di FALEGNAMERIA?
    Dichiarando: “Non intendo certo restare più del necessario, ma neanche affrontare ulteriori disagi, per cui renderò disponibile l'alloggio appena possibile, e comunque non oltre la scadenza contrattuale,essendomi nel frattempo impegnato nell'adeguamento dell'appartamento in cui andrò ad abitare”.

    Be questa sua precisazione riguardo al fatto che non resterà oltre la scadenza contrattuale gli fa onore! Costretto anche a pagare “si sussurra” ben 500 euro per appena 130 metri quadrati.
    Costretto ora come leggo: “Abbandonare l'abitazione sul Colle del Palatino, a lui destinata quando ricopriva l'incarico di Soprintendente ai beni culturali, ruolo che non esercita più addirittura dal 2005, circostanza che avrebbe dovuto indurlo già quattro anni fa a lasciare quel prestigiosissimo domicilio, senza attendere la scadenza del contratto a fine anno 2009».

    E Francesco Giro dichiara:"La Regina farebbe bene a lasciare subito l'appartamento perché credo che ormai si stia delineando il profilo del DANNO ERARIALE del quale qualcuno dovrà pure rispondere".

    A tal proposito vorrei sottolineare che La Regina, sono 4 anni che non alcun ruolo nell'ambito della amministrazione dei beni culturali. E ripetutamente è stato invitato a traslocare anche dalla stessa amministrazione Rutelli. Come precisato da Giro.

    Ma nella interrogaz. parlamentare del Sen.Vallone sempre a proposito di ADRIANO LA REGINA leggo poche, ma interessanti righe: Soprintendenza Archeologica di Roma, protocollo n. 31074, il Soprintendente- ADRIANO LA REGINA
    ... informava che durante il lasso di tempo intercorrente tra il 10 ed il 26 ottobre 2002: “…saranno effettuati sopralluoghi da parte dei tecnici della Soprintendenza CHE ACCOMPAGNERANNO LE DITTE INVITATE ALLA GARA D’APPALTO PER I LAVORI DI CUI SOPRA”;

    Una seconda missiva della stessa Soprintendenza di Roma “SEMPRE” del 10/10/2002, protocollo n. 31085, (11 n.di protocollo dopo) la responsabile del procedimento, Rita Paris, scriveva: “A SEGUITO DELLA STIPULA DEL CONTRATTO CON L’IMPRESA “ISARM” E DI QUANTO COMUNICATO CON LA NOTA PROT 31074 DEL 10.10.02 SI COMUNICA CHE IL 14.10.02 avverrà la consegna dei lavori sul posto per interventi urgenti presso la dependance della proprietà..”
    Leggo quindi che si accompagneranno ditte per una gara d’appalto dal 10 al 26 /10 2002, solo dopo pochi n”di protocollo LA GARA è STATA AGGIUDICATA?

    S T R A N I S S I M O !

    RispondiElimina
  10. Ma in linea perfetta con quanto accade successivamente:
    “Troppi incarichi a Zetema, la società dei musei” Corriere della sera del 6/4/ 2006
    ………PASTICCI di cui si son resi responsabili Walter Veltroni e Adriano La Regina”
    …...affidamento in house in maniera a dir poco avventurosa..”
    … “TRAMITE AFFIDAMENTO DIRETTO DEI LAVORI E APPALTI”.

    Ci sarebbe da scrivere un corposo libro.. ma tornando a Catarci leggo :
    "LA BEFANA DEI PRESIDENTI DI MUNICIPIO"
    La Befana ha portato dolci e premi perchè " Ha vinto la battaglia sull’emergenza abitativa di via Salvatore Pincherle, ha trascorso l’estate in città per abbattere le ville abusive sull’Appia Antica e si è contraddistinto per una buona azione di promozione della cultura.."

    Cari signori, le "VILLE VERE” le potete vedere con google, e son ben in piedi! Come in piedi sono i capannoni affittati come dormitori, gli accampamenti di extracomunitari, le discariche industriali, gli sfasci auto. Piazzali completamente“RECENTISSIMAMENTE” asfaltati, ruspe e camion parcheggiati..

    Dicevamo che la Befana ha motivato i dolci a Catarci per la "CULTURA"..
    Infatti cercando con google questo successivo art. troverete anche il mio chiaro commento :
    "Grillo incontra gli studenti del Municipio XI"

    E su cosa verte la “LEZIONE”?
    Ovviamente sull’illustrare le ragioni per abbandonare l'illusione dell'energia atomica ed investire nelle energie rinnovabili. Fortunatamente si inizia a guardare nella giusta direzione, grazie a Berlusconi, e mi auguro presto sia possibile affrancarci dal giogo energetico imposto da questi verdi pseudo scienziati.

    RispondiElimina
  11. Le vere bufale sono cari “contribuenti” le energie rinnovabili, i bilanci disastrosi che comportano, sia economici che ambientali. La bufala è lo scioglimento dei ghiacci.. la co2. Il tutto condito dal catastrofismo.
    Leggetevi i vari articoli che iniziano a sbuggiardarli: “Il giallo delle email rubate” «Sul clima dati falsificati» Hacker vìola un archivio. E scopre i trucchi degli scienziati. Scettici contro catastrofisti.

    Di Grillo vi ricordo : I “grillini" si ribellano a Beppe: "Ci sfrutta per avere soldi e voti"
    «Ora non ci stupiscono più le notizie che descrivono un Grillo ecologista che ha posseduto anche due Ferrari (classificata tra le auto più inquinanti in commercio), più Porsche, Maserati, Chevrolet Blazer, eccetera e gira su motoscafi altamente inquinanti, che parla di risparmio energetico e nella sua villa ha una fornitura da 20 kilowatt contro i 3 kilowatt medi delle case italiane; personaggio che si erge a moralizzatore del malcostume italiano che tuona contro i condoni e poi, appena si presenta l’occasione, si avvale per ben due volte del cosiddetto condono fiscale tombale oltre che del condono edilizio». Se il Grillo frinisce, i «grillanti» ruggiscono. Il Giornale.it 7/9/2009

    I “dolci” della Befana per il “concorso di poesie CASA MIA” “FINANZIATO” dalla regione ?
    Io onestamente non saprei. Forse la Befana ha valutato anche l’istituzione dei “Pua”, punti di accesso unico ai servizi sociosanitari. In pratica: “Punti di accoglienza rivolti ai cittadini, per fornire informazione e orientamento sull’utilizzo dei servizi sanitari e sociali in tutto il territorio della Asl”.

    Peccato che la Regione ha già provveduto a chiudere numerose strutture, affossando la sanità laziale: “Mentre Marrazzo andava a trans, la sanità del Lazio andava a picco”
    Il grande bluff del «piano di rientro». Dal 2006 le Asl registrano ogni anno perdite per miliardi.
    E oggi la regione causa da sola il 60% del deficit sanitario nazionale. 14/2/2010 “Il Giornale”.

    Quali informazioni vuole dare Catarci? Per quanto ora grazie a questa, “gestione di sinistra”, non esiste più?

    Lo stesso Catarci infatti scrive in questo articolo :“Garbatella, ambulatori ASL inagibili ” di Patrizia Miracco -del 13/01/2010 Preoccupazione sullo stato della struttura di piazza Pecile “…Il sistema è, infatti, insufficiente a dare risposte ad una domanda sanitaria crescente, che è ulteriormente minata da quei tagli dei posti letto del CTO a cui ci siamo e continueremo fortemente ad opporci”.

    Si OPPONE Catarci a chi finanzia le sua manifestazioni di poesia? Posso dubitare?

    Ci propone Catarci : PERCORSI GARBATELLA-ITINERARI TURISTICI DEL QUARTIERE”
    Forse fra gli sfasci auto? Fra le ruspe cingolate? Nei campi “rom”o nelle discariche abusive nel Parco?

    Di certo è che i Guardiaparco con il Capo Guardiaparco Guido Cubeddu inanellano le upupe e picchi verdi, non di meno si pagano consulenze per studiare i "micromammiferi" (toporagni), fra gli sfasci auto e il sito internet del Parco è rinnovato a migliaia di euro .

    Lo “sviluppo” lo potete evincere da queste dichiarazioni: “NON esiste la rete fognaria.. È per questo che GUIDO CUBEDDU lancia un appello: “VENGA LA GUARDIA DI FINANZA A FARE ACCERTAMENTI SU QUESTE VILLE, perché a mio giudizio dietro i paravento del catering stanno mascherando attività di ristorazione che andrebbero TASSATE e AUTORIZZATE con tutti i permessi previsti dalla legge”.

    E IL PROGRAMMA DEGLI “ECOALBERGHI” CHE TROVO NEL BILANCIO DEL PARCO?

    ANCHE QUI NON ESISTE RETE FOGNARIA!
    NON il rispetto dell'ambiente magari chiedendo giustamente l'uso di fitodepuratori!

    BASTA CHIUDERE LE ATTIVITA'! Arandogli i parcheggi dichiarati appositamente“ABUSIVI”?

    Mettendo in croce chi disgraziatamente ancora vive e lavora in questo delirio, negando qualsiasi miglioria! FOSSE ANCHE RIPARARE UN TETTO!

    RispondiElimina
  12. Ma che bella cosa sarebbe trasformare tutto in un deserto, un inferno in terra! Con l'erba alta a proteggere i toporagni tanto sponsorizzati nei video ? Di cui pagare come vedo consulenze e studi?

    Poi se va tutto a fuoco, meglio! Così possiamo INTERVENIRE E CHIEDERE ALTRO PERSONALE DA “IMBUCARE”!
    Lo chiedo sul serio a cosa serve un VIVAIO da 413 MILA EURO. PER SPECIE AUTOCTONE?
    Dopo aver espressamente “SCRITTO” nel piano del parco: “VIVAI PRIVATI INCOMPATIBILI”

    E VISTO CHE CHIEDO, SAREI CURIOSO DI SAPERE ANCHE DEL PIANO ANTINCENDIO!
    Quanto è costata la predisposizione documentale del piano antincendio redatto da Guido Cubeddu?
    Sarà stato gratis? Rientra nelle sue mansioni?
    Chiedo perchè leggo nel sito del Parco Arcipelago Toscano “Presidente Mario Tozzi” “SOLO” "LA predisposizione documentazione e controllo elaborati del piano antincendio costa - 33'000 (SOLO GLI INCARTAMENTI?)Ma anche sapere delle varie consulenze legali in bilancio visto che l’Avv. dello Stato è preposta a questo scopo!

    Ma sempre a Mario Tozzi dobbiamo : La Regione Lazio stanzia 900 mila euro per una CAMPAGNA sulla raccolta differenziata : “Insieme facciamo la differenza’ T O Z Z I e Marrazzo “.
    SCOPO: migliorare LA”C O N O S C E N Z A” in materia di raccolta differenziata dei cittadini del Lazio.

    Del 06/01/2008 Il Giornale “I tagli e le tasse di Marrazzo frenano l'economia regionale»
    Quindi per favorire l’economia DI CHI? NON RIESCO A SPIEGARMELO!
    SI SPENDONO 900'000 EURO IN PUBLICITA’! Per la CONOSCENZA della raccolta differenziata?
    Non bastava un semplice annuncio e dei cassonetti nuovi per strada?

    All’ecologista Sandro Medici invece vorrei chiedere: “X Municipio, una tana di degrado protetta da un tetto di amianto di fronte ad una Asl”: Accanto a palazzine abitate, al X Municipio, precisamente in Via Cartagine, “vive” un "Mostro di degrado", coperto da un tetto di Eternit in stato di deterioramento.

    Questa è la "sinistra ECOLOGIA e libertà"?

    RispondiElimina
  13. Gli stessi Catarci e Medici ai semafori solidali ai lavavetri, per esprimere il loro dissenso all'ordinanza di Alemanno ..a lustrare parabrezza! Ottima iniziativa!

    MONTINO ora “CAPOLISTA” alle elezioni regionali, dalle milionarie proprietà, e la sua “compagna” Monica Cirinnà, sempre tanto ambientalista:
    -- “Botticelle: Birillo non può morire invano, Alemanno emetta subito ordinanza” --
    --“Abbacchio IGP ? A Pasqua meglio menù vegetariani”--
    Cirinnà si dichiara ANIMALISTA e “VEGETARIANA”?
    Per poi leggere di”..Un piccolo impero su cui svetta la fattoria di Capalbio che nell’omonimo comune possiede 64 ettari e altri 70, 48 nel comune di Orbetello, vicino a Monte Argentario. Nelle stalle ci sono 37 vacche maremmane, una manza della stessa razza, sette MANZE CHIANINE, due vitelli di razza maremmana e 15 tori della stessa razza..«Nel suo partito – conclude Libero – si sostiene che fosse ricco di famiglia. Non è vero: dal padre insieme ai fratelli ha ereditato una sola abitazione a Maccarese, venduta a mamma per la cifra simbolica di 18 milioni..e proprio nella tenuta agricola che allora era dell’Iri a vent’anni è entrato come bracciante.

    La VEGETARIANA CIRINNA’ alleva “CHIANINE” ossia razza tipicamente da “CARNE”?

    Salva il CAPRETTO e ammazza la VACCA? Questa è la COERENZA?

    Ridono anche i “polli” che hanno votato questa malsana sinistra!

    Sinistra “FONDATA” sulle bugie!:-“Dieci miliardi di debiti EREDITA’ di Storace”-Dichiarava Marrazzo e ora Luigi Nieri, assessore regionale al Bilancio, esponente di spicco di Sinistra ecologia e libertà.

    LA VERITA’: La Corte dei Conti, infatti, non solo ha riconosciuto del tutto legittima la ristrutturazione del debito della sanità operata dalla sua giunta, perché rispondente alle leggi, ma addirittura ne dà un giudizio positivo nel merito perché ha portato ad un SALDO ATTIVO di 124,8 milioni di euro per la Regione.
    (Il messaggero 15/8/2009)

    Certo “notizia” lasciata “nascosta” tanto è che leggo: I guai della sanità Costini: «Storace non è il colpevole»«Lascia stupiti come la notizia della sentenza della Corte dei Conti, con la quale è stato stabilito che "nessun abuso è stato commesso nella ristrutturazione del debito della Regione Lazio" durante la gestione della giunta guidata da Storace, sia stata di fatto ignorata, a parte un trafiletto di un quotidiano romano del 15 agosto». Il Tempo 18/8/2009

    RispondiElimina
  14. L’INFAMIA:Si accusò STORACE di cose gravissime. Così scriveva Ezio Mauro su Repubblica. (11/3/2006) “Nell'ordinanza, il Gip parla di un vero e proprio "piano" finalizzato "ad agevolare la vittoria elettorale di Francesco Storace", "ostacolando" la candidatura di Alessandra Mussolini e "screditando" Piero Marrazzo.”.. L’articolo terminava così: “..capire finalmente di che pasta è fatta la destra italiana forgiata da Berlusconi, e per questo, proprio per questo, mandarla a casa..”
    Storace si dimise, travolto da queste infamanti “FALSE”accuse

    LA “VERITA’”?
    Dopo anni: Il processo Laziogate è stato costruito a tavolino, le dichiarazioni del cosiddetto pentito Dario Pettinelli hanno avuto un compenso preventivo. Pagato da Lait spa, la società informatica della Regione Lazio, presidenza Marrazzo. Si è usata un’istituzione con i soldi dei cittadini per sbattere in prima pagina e non ancora in galera un avversario politico. (226'000euro!Una radio web mai nata)

    A NIERI Assessore al bilancio, sarei curioso di chiedere cosa ne pensa invece di questi titoli di giornali: “I lifting della Regione ci costano 3,2 milioni” Per l’esattezza 3.254.757 euro in barba a quella parsimonia e a quel rigore che invece molto spesso i vertici regionali sostengono di perseguire…L’art. prosegue con una sfilza di cifre ma simpatiche son queste: (30mila) il logo pubblicitario della Regione sull’agenda di Smemoranda. Ci sono inoltre pure casi limite. Come quello del manifesto. Al quotidiano comunista (così è scritto sotto la testata) sono stati pagati 96mila euro per della pubblicità istituzionale in occasione del Roma Fiction festival dal 23 maggio al 23 luglio 2009 scorso. Sono stati spesi dei soldi (20mila euro) addirittura per valorizzare la propria rassegna stampa. A questo punto serviva qualcuno che curasse il quadro d’insieme. Ed ecco il gruppo di lavoro per lo studio di un progetto per la gestione di un database dei contributi erogati per informazione e comunicazione.
    Il costo? 52.678,56 euro. E al seguito un altro gruppo per lo studio del progetto di l’archivio integrato dei contributi stessi. Importo 58.876,04 euro. Due iniziative praticamente gemelle. Miracoli dell’equilibrismo lessicale.

    RispondiElimina
  15. Comunque in Regione sono esperti in LIFTING come leggo da quest’altro articolo :
    “Brenda venne a Modena dal chirurgo estetico con i soldi di Marrazzo”..Le due sono partite per Modena imbottite di bigliettoni. Quei soldi glieli aveva dati Marrazzo. 30’000 a Brenda, 20mila Michelle..
    Bello anche : Regione, si moltiplicano le consulenze Incarichi a dieci nuovi esperti esterni 18/10/ 2009 -- Simpatico: “Regione, 23 milioni di spese telefoniche 31/12 2009

    Dal “MESSAGGERO” leggo a cosa siamo arrivati: “Disoccupata indignata”: “..in una Patria che spesso volge le spalle ai propri figli, tutelando spesso persone che arrivano da fuori, che pretendono ed ottengono.
    Lo affermo con cognizione di causa in quanto, dove ho lavorato per 3 anni con contratti di 3 mesi, noi italiani siamo stati sostituiti da personale straniero, che successivamente è stato assunto con contratti a tempo indeterminato, tutelato da un associazione che preferisco non menzionare..Per lavorare in Italia, bisogna andare fuori, cambiare cittadinanza e tornare qui?..”

    Ulteriori “FINANZIAMENTI” nell’occhio della stampa : “Ai gruppi gay Piero donò 256mila euro” Su questo non nulla da eccepire, saranno necessari come: “Dalla Regione 2 milioni e 700 mila euro all'audiovisivo” Per promuovere il settore nei paesi del Mediterraneo.
    QUESTA E’ STATA LA SINISTRA?“ IL TEMPO” del 18/12/2008 “appalti, bufera a Napoli” Romeo e Roma, 11 anni a servizio delle giunte Rutelli-Veltroni: 80mila euro per ogni chilometro di asfalto sulle arterie della Capitale, quasi 15 volte in più di una città come Bologna. I conti sono molto semplici (720:15 uguale a 48) 720 – 48 uguale a 672 milioni di euro SPARITI? Rutelli al riguardo dichiarerà : “Aggiudicazione che - a mio parere - è stata una pagina amministrativa ineccepibile”.

    RispondiElimina
  16. Leggo:”la Bonino pratica uno dei 10'141 aborti da lei promossi nel 1975, quando l’aborto era considerato omicidio, si serve di una POMPA DA BICICLETTA PER ASPIRARE IL BAMBINO DALL’UTERO, e di UN VASO DI MARMELLATA(Quest’ultimo, diceva “è un buon motivo per farsi quattro risate”) All’epoca è fondatrice del CISA, associazione che sostiene l’aborto e la sterilizzazione, membro dell’AIED, guidata da L. De Marchi, che propone la “pianificazione demografica” di Stato sino alla regolamentazione legislativa del problema della sterilizzazione e del limite dei figli per coppia e da Guido Tassinari, grande promotore in Italia dell’eutanasia.“ La "lista Bonino" nel 1999 propose 20 referendum abrogativi di cui ben 11 riguardo il lavoro e il sindacato. Ampio spazio e guadagno alle assicurazioni e ai presidi privati? Una sanità per i ricchi e una per i poveri ?
    L'ultima di Pannella?: «Presidente Napolitano, rinuncio alla cittadinanza» (15/2/2010 IL GIORNALE)..

    Bonino nel Lazio con il Pd e in Lombardia contro il Pd. Ma i due maggiori candidati sono eletti consiglieri regionali. In caso di sconfitta, Bonino resterà nel Lazio a fare opposizione (dimettendosi da vicepresidente del Senato), o preferirà la sua comoda poltrona di Palazzo Madama?

    Forse per questo ora “SCIOPERO DELLA FAME” insieme ad Angelo Bonelli?

    Le bestemmie della Bonino in TV a Capezzone.. Dopo”trans”e cocaina? Il suo Tinto Brass propone nel suo programma: “EROS E LIBERTA’”!

    Sarà contento CATARCI che per la prostituzione: propone<..un parco dell’amore per ogni municipio..>

    RispondiElimina
  17. Le coppie di fatto? Le spese FOLLI?

    Voler affidare in adozione ad una coppia gay un bambino con due padri..due madri ?
    Si stà passando il limite?
    Giusta la massima libertà individuale! Và rispettata anche la libertà di un bambino di crescere ed essere educato da un padre e una madre?

    Cicciolina? Toni Negri, Sergio D’Elia dalla Bonino voluti in Parlamento? --

    La BONINO ora con Mambro e Fioravanti ex brigatisti “NAR” nel comitato elettorale 17 ergastoli in due! Lo stesso Oliviero Diliberto dichiara: ".. E' indecente che pluriomicidi, condannati con sentenza passata in giudicato, collaborino, seppur in terza fila, alla campagna elettorale del candidato del centrosinistra del Lazio Emma Bonino."

    Polverini, parlava di aiuto alle famiglie, di sociale, di pari opportunità.
    Polverini è “FASCISTA”?..Tanto è che dichiara:“Polverini in campo: no all’estrema destra” Libero 15/1/2010.

    Signori peggio di Marrazzo Polverini certo non sarà.. La Bonino può far peggio?
    Giudicate da soli:
    La "lista Bonino" nel 1999 proponeva 20 referendum abrogativi di cui ben 11 riguardano il lavoro e il sindacato.
    Ampio spazio e guadagno alle assicurazioni e ai presidi privati?

    Una sanità per i ricchi e una per i poveri ?
    Se desiderate "questo" RICORDATEVELO ALLE “URNE” ! Leggo Fitzcarraldo che scrive CATARCI Sindaco..
    Lo pregerei di rispondermi, previa verifica di almeno una delle tante notizie, da me riportate.


    Cordialmente. PIERO IANNELLI
    -- Segretario XI Municipio. “ La Destra ” --“Resp. Per le aree tutelate e vincolate”--
    -- pieroiannelli@gmail.com --
    N”.Cell. : 339’8513962

    RispondiElimina
  18. Piero Iannelli amico dei cartellonari!

    RispondiElimina
  19. Uno dei pochi pregi dei fascisti era di amare Roma, o almeno di dichiararlo.

    La deriva scondinzolante al padrone di arcore e ai suoi "imprenditori" così tanto "per bene" come i CARTELLONARI

    ne fa uno dei tanti schieramenti senza identità, se non quella di racimolar briciole dal capo insieme ai miserabili secessionisti del nord che presto distruggeranno l'intera nazione.

    RispondiElimina
  20. io credo che coloro i quali ancora si riconoscono nell'ideale fascista di patria ordine e socialità siano schifati da questa giuntarella pseudo sociale e pseudo destrorsa..sono affaristi neanche capitalisti e hanno paura di inimicarsi chi li ha sostenuti, cartellonari in testa. La malavita organizzata è sempre pronta a mettere le mani dove si fanno soldi con facilità e possibilità di moltiplicare l'affare. Con le affissioni a Roma è cosi, sono cose provate da indagini, ora è diverso?? Bene i cittadini attendono la dimostrazione pratica.

    RispondiElimina
  21. Andrini e Di Girolamo DOCENT

    RispondiElimina
  22. Sig. Iannelli
    ho letto con attenzione tutto quello che ha postato. La rassicuro, non ho l'anello al naso e anche se sinceramente antifascista non prendo per oro colato tutto quello che viene da sinistra. Lei ha scritto tante cose ma non ha speso 1 parola sul "Grande Scempio".
    Sia sincero e ci dica cosa ne pensa sinceramente.
    La difesa della bellezza e della Storia di Roma dovrebbe stare a cuore anche a lei, mi auguro.

    RispondiElimina
  23. Si. Gent. Fitzcarraldo.
    Non a caso sono resp. per le aree vincolate e tutelate pertanto la difesa del "bene comune", delle nostre bellezze e della nostra storia è il mio precipuo obbiettivo.

    Se per "antifascista" intendiamo il rifiuto della tirannia, delle leggi raziali, e la difesa del libero pensiero e di opinione.
    Sono forse ben più "antifascista" di Lei.

    E la mia "libertà" come la Sua è possibile solo in "democrazia" che io come Lei difendo.

    Mi dice : "..non ha speso 1 parola sul "Grande Scempio"."

    In realtà rileggendo attentamente vedrà che ne ho ampiamente parlato.
    E vi sono numerose mie denuncie depositate in Procura al riguardo, a cui credo sia collegato il proiettile nella posta, recentemente recapitatomi.

    Avrà notato che firmo con nome e cognome, e relativi recapiti, per due ragioni.
    Per la mia assoluta trasparenza, e per assumere piena responsabilità civile e penale riguardo le mie dichiarazioni.

    Non certo difendo i "cartellonari" e chi devasta le nostre bellezze, ma cerco semplicemente di evidenziare le discrepanze fra un "predicare" bene e un "razzolare" male.

    Non certo difendo "abusivismi" o chi "costruisce" in luoghi protetti, ma metto in evidenza situazioni paradossali, cercando di informare con notizie facilmente riscontrabili ma taciute.

    Evidenziando come si "perseguono" (con tanto di fanfare giornalistiche)situazioni realmente minoritarie, tralasciando al contempo situazioni di degrado estremo.

    Non è "destra" non è "sinistra" sono cose tangibili e facilmente verificabili. Tocchi Lei stesso con mano. Le basterà aprire Google maps cercare via Andrea Casadei, una delle tante strade del parco dell'Appia.

    Bene.
    Guardi dall'alto i vari capannoni, ovviamente completamente abusivi, le varie discariche e le ville sparse fra la vegetazione, spesso abusive anche quelle.

    Scenda a livello stradale, la percorra.. vedrà di cosa parlo, vedrà ruspe cingolate e discariche.

    Sappia però che dove fino all'anno scorso era semplice terra battuta...
    E' ora tutto completamente asfaltato.

    Ecco questa è la situazione, la reale situazione di degrado.

    La prego di guardare con i suoi stessi occhi, e di rileggere poi queste poche righe in cui tanto si parla di "LOTTA ALL'ABUSIVISMO".
    Rimosso parcheggio di un ristorante. MOTIVAZIONE:
    Le macchine avrebbero rovinato i reperti archeologici fino a 80 cm…
    Pertanto ci son passati con un TRATTORE ed un ARATRO!

    Onestamente, credo sia paradossale.
    E' vero, il famoso parcheggio sarà stato anche abusivo, non avrà avuto certamente i permessi, ma converrà con me che ruspe cingolate e asfalto restano..

    Come vede non le parlo di "ideologia" di dialettica, di vuote filosofeggianti teorie.
    Io la porto per mano con date, nomi, cognomi, situazioni, reali, tangibili verificabili con un semplice "pc".

    Il parco dell'Appia è uno sfascio, in cui sfasci si incendiano, in cui olio esausto è gettato serenamente in terra, in cui campi di extracomunitari bruciano pneumatici per ricavarne metallo, sulle falde della sorgente Appia..

    Ora il "parcheggio" abusivo eliminato assume un altro aspetto?
    E' SOLO IPOCRISIA?

    Per il "BENE COMUNE" io sono pronto ad essere ucciso, perchè credo sia evidente che io tocco "interessi" nascosti..

    Si chiederà "PERCHE'" ?
    Perchè un tale IANNELLI si espone tanto?

    Perchè sono nauseato.. sono stanco, sono esausto da questa "politica" a chiacchiere..

    Io ripulirò il Parco!

    E non ho "ditte" non ho interessi, non ho alcuna attività da "preservare" o agevolare.

    E Lei.. come tanti altri sarà al mio fianco.
    Certamente.. nella sventurata ipotesi.. al mio funerale.

    Nessuna bandiera, nessuna ideologia.
    "Antifascisti" credo lo siamo tutti.

    RispondiElimina
  24. Grazie sig. Iannelli
    sono convinto che la battaglia per tramandare ai nostri figli e nipoti la Bellezza, la storia e l'immenso patrimonio artistico ed archeologico di Roma debba essere condivisa da tutte le persone che hanno a cuore il bene comune e la salvaguardia delle proprie radici.
    Io, come lei, odio i maneggioni di ogni colore.
    Mi permetta solo di farle osservare, senza uscire troppo dal seminato di questo blog, che è l'attuale governo che ha inculcato nella testa degli italiani la convinzione che ognuno può fare quello che vuole (scudo fiscale, condoni edilizi, falso in bilancio, etc) tanto poi..aumma aumma, tutto si risolve (come per i cartelloni).
    Non ho preclusioni di nessun tipo.
    Se lei vorrà indicare un sito a cui fare riferimento per le sue battaglie sarò ben lieto di visitarlo.
    Grazie

    RispondiElimina
  25. Iannelli parla di pallottole, di lettere, di posta e quant'altro. Forse sarebbe opportuno approfondire. Domando: Iannelli lei ha la sensazione che, a seguito di sue denuncie alla procura contro alcuni cartellonari, le siano state recapitate delle intimidazioni? Ci faccia capire.

    RispondiElimina
  26. Mi si perdoni il ritardo nella risposta..
    Ma ho visto solo ora i restanti commenti.

    Avevo comunque lasciato non solo la mail, ma tanto di cell, per eventuali chiarimenti.

    Ovviamente i miei precedenti interventi, apparentemente fuori tema sono incentrati su un solo unico obbiettivo.

    Mettere in evidenza come una pur sacrosanta lotta ai cartelloni abusivi sia in realtà semplicemente "PROPAGANDA"!

    Ben più gravi, contingenti e seri problemi ci affliggono, mentre l'attenzione viene rivolta e indirizzata sui cartelloni.

    Vi pregerei di cercare con google maps: Via Andrea Casadei. Bene percorrendola a livello stradale potrete vedere capannoni industriali adibiti a dormitori per extracomunitari, canili abusivi, ville di ogni sorta e genere(totalmente abusive) ruspe cingolate parcheggiate.. aree completamente e recentemente asfaltate, il tutto dall'alto contornato da innumerevoli baracche non presenti sulle mappe catastali.
    Bene questo è il PARCO DELL'APPIA.. in cui si perseguono i "CARTELLONI"?

    Considerate che questa è una strada, ma nel parco ci sono innumerevoli sfasci auto, discariche industriali e un delirio inenarrabile.. E Catarci mi parla di "CARTELLONI"???

    Riguardo il "PROIETTILE" recapitatomi nella posta, non lo considero un "avvertimento"..

    Probabilmente qualcuno lo ha involontariamente smarrito?

    Nei miei precedenti commenti vi sono notizie ddettagliate e verificabili, con tanto di date nomi cognomi e avvenimenti.

    Il tempo è galantuomo.

    Un giorno qualcuno mi spiegherà che è normale, trovare un biglietto scritto a penna di ALDO CELLINI della soprintendenza archeologica di Roma, scrive di chiamarlo al cellulare..

    ( SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGICA DI ROMA. CELLINI-330-653705-CONTATTARE AL SEGUENTE NUMERO PER NOTIZIE URGENTI DA COMUNICARE).

    Qui da comunicare c'è solo la totale devastazione in cui sfasci di 1200 macchine bruciano serenamente..nel 2009 in un "parco" istituito nel 1988. I guardiaparco nel frattempo inanellano upupe e picchi verdi, il cui Presidente ADRIANO LA REGINA abita nell'appartamento ricavato nel museo Palatino "ABUSIVO" per 4 anni..

    Lo stesso viene a parlarci di "ABUSIVISMO"?

    Bene. Aprite google maps, fatevi un giro e guardate con i vostri occhi.

    Riguardo le varie soprintendenze "tutelatrici" del bene comune vi consiglio l'art.:

    Le rivelazioni dell'Espresso
    Bustarelle per i restauri del Pantheon
    Soldi per evitare i controlli durante i lavori ai palazzi simbolo della Capitale. Sul libro paga di un'impresa romana anche i funzionari della Soprintendenza.

    Chi ha smarrito il proiettile nella mia posta ha sbagliato "UOMO"..

    Io non mi fermo più.

    PIERO IANNELLI
    -- Segretario XI Municipio. “ La Destra ”
    --“Resp. Per le aree tutelate e vincolate”--
    -- pieroiannelli@gmail.com -–
    N”.Cell. : 339’8513962

    RispondiElimina
  27. Caro Iannelli, buttandola sul benaltrismo lei fa offesa alla sua, ma soprattutto alla NOSTRA intelligenza. Sappiamo benissimo che esiste la Mafia, la Guerra e la Fame nel Mondo, ma non per questo occorre desistere dalla lotta a crimini inferiori. Mi piacerebbe che ragionamenti che considero pericolosi come il suo non abbiano cittadinanza in questo blog. Lei è il benvenuto su tutta la linea, ma consideriamo davvero il benaltrismo come la forma più deteriore di fiancheggiamento al degrado. Se ne tenga lontano, ascolti un consiglio.

    RispondiElimina