martedì 2 marzo 2010

Così parlò il cittadino Carlo

La redazione di Cartellopoli riceve e pubblica una lettera. Continuate a inviarci i vostri sfoghi.


Piovono cartelloni ormai anzichè pioggia, alla faccia della banca dati che dichiara di avere il Comune, forse senza fondo... Tra ieri e oggi solo nelle vicinanze e sulle aree verdi degli svincoli tra salaria e olimpica sono apparsi altri sei cartelloni maxi, sono passato a Viale Parioli e ho notato decine di cartelli piu piccoli piazzati su entrambi i marciapiedi, quasi tutti senza pubblicita. Sulla Salaria nel tratto tra olimpica e gra quasi tutti i cartelli della ditta CBS sono rimasti senza pubblicita' solo foderati di brandelli di carta, squallore sopra squallore. Continua l'installazione di maxi impianti anche sulla Via Olimpica come all'altezza con Viale della Moschea.


Sempre sulla Salaria nel tratto prima indicato ogni 3 lampioni dell'ACEA c'è ne uno con su un cartello a doppia facciata gialla di un mobilificio di via ardeatina km 18 sono abusivi o Acea prende soldi in cambio? Anche l'area storica del Foro Italico comincia a riempirsi di impianti che coprono le architetture. Dagli svincoli tra Salaria e Olimpica si vedeva lo spettacolo maestoso della collina di Monte Antenne e del Parco di Villa Ada, ora sono spariti dietro file di maxi cartelloni piantati nelle ultime settimane. Viale Mazzini? Deturpata l'alberata al centro della strada da maxi impianti piazzati di traverso.

Corso Francia incrocio con Via di Vigna Stelluti, il giardino è letteralmente cucito da due muri di cartelloni. La percezione della gente è che ormai ci siano piu cartelli che alberi. Pensiamo allo scempio che aumenterà quando molti di questi impianti diventeranno semipericolanti o saranno abbandonati perche inutili.

Ogni giorno centinaia ne vengono piantati spaccando i marciapiedi. Vergogna, sembra di vivere in un recinto di cartelloni, ma la città è dei cittadini non dei cartellonari.

Intervenga la magistratura e si porti lo scandalo in sede Comunitaria, le periferie stanno diventando un schifo ancora peggiore: invece di piantare alberi e piante mettono cartelli di tutte le fogge uno piu brutto del'altro.

7 commenti:

  1. Faccio presente che, un paio di settimane fa, sono andato dai vigili per denunciare la presenza di numerosi cartelloni sorti in zona Eur, Via del Tintoretto.
    Come gli ho comunicato l'oggetto della denuncia, mi hanno gaurdato come se fossi un alieno, un Avatar ! Non capisco perchè se metti la macchina male, 5 minuti diopo hai la multa, se invece tappezzi Roma di cartelloni, come stanno facendo, la sanzione e la rimozione non arrivanno immediatamente: siamo alla frutta !

    RispondiElimina
  2. BUTTIAMOLI GIU'.

    Alemanno in queste ore fa il paladino della legalità, per la lista del PDL, magari così sarebbe costretto a operare anche per i beni comuni, come Roma.

    RispondiElimina
  3. Finalmente qualcuno che parla del degrado di Roma Nord!
    E' impressionante come i quartieri della 'Roma bene' siano tenuti da fare schifo dai suoi stessi abitanti!
    Palazzi imbrattati a due passi dal Coni e dal Ministero degli Esteri, il viadotto di Corso Francia coperto di scritte, il territorio di Flaminio e Salario invaso dai cartelloni pubblicitari e dai manifesti abusivi.
    -
    Un panorama disastrato e squallido eppure i cittadini non protestano!

    RispondiElimina
  4. Ponte Flaminio cioè il proseguimento di Corso Francia con la precedente Giunta era tempestivamente ripulito dalle scritte, ora è abbandonato a se stesso, mentre su Corso Francia si installano sempre nuovi cartelloni. Città sempre piu' brutta, chi governa???

    RispondiElimina
  5. A proposito di Roma Nord è stata stuprata la piazza davanti P.te Milvio (109 a.C per chi ci tenesse ancora) con un mega merdo-Cartellone di quelli ultimi arrivati con bordo giallo con tanto di autocondono con cartellino e sigla P = Permanente-irreversibile-attaccatevearcazzo-io ciòo fatta-ciòl'"amichi"

    Mentre a C.so Francia decine di finti operai stamani e ieri stavano devastando gli "inutili" spazi "vuoti" in "superflua" erba dietro la selva di merdo-cartelloni per carpire linee elettriche per illuminare la loro MERDA in prossimità di Ponte Flaminio (opera contemporanea di stile fascista, ma i nipotini oggi al governo-saccheggio della città pensano ad altro che allo "stile")

    RispondiElimina
  6. Le piazze? esistono ancora? in questa città già di per se asfittica e con spazi stretti, quelli che ancora erano fruibili visivamente (cioe' dal cervello per chi non lo sapesse) sono state riempite di cartelli e cartelloni.
    Ma un esposto documentato alla magistratura ancora no? Chi è responsabile di questo schifo ed il motivo che c''e dietro vanno messi alla luce del sole e magari sbattuti sui cartelloni!!! cosi la gente viene informata!

    RispondiElimina
  7. Fitzcarraldo2 marzo 2010 20:46

    Non si fermeranno
    mettetevelo in testa. Questo è il nuovo clan dei Casalesi e se continuiamo a indignarci in pochi e solo qui non c'è speranza di salvare Roma dallo sfascio definitivo.
    Io scrivo ai quotidiani, pagine nazionali, fatelo anche voi, vi prego! Ho scritto alle "Iene" e a "Report"..fatelo anche voi!!
    E cominciamo seriamente a pensare non a blitz notturni ma a proteste vibranti alla luce del sole, tipo mettersi vicino ai cartelloni in prossimità di importanti snodi di traffico con striscioni, cartelli di protesta, campanacci..mobilitando la stampa che troppo poco parla di questo pazzesco scempio che sta divorando la nostra città come un cancro maligno. Bisogna passare all'azione! Lo so, si rischia..sono mafiosi, come i Casalesi, ma possiamo assistere alla distruzione della nostra amata Roma solamente inviando lettere e scrivendo sui blog?

    RispondiElimina