lunedì 1 marzo 2010

E anche questo, purtroppo, non è un fotomontaggio

Le Poste di Piazza Bologna sono tra gli edifici moderni e razionalisti più fantastici mai progettati a Roma. Il progetto, degli anni '30, è firmato da Mario Ridolfi. Ve lo mostriamo in una foto d'epoca e oggi, come è massacrato dal nuovo cartellone abusivo che gli è stato piazzato di fronte.

9 commenti:

  1. Ma questa è la giungla, come si può pensare di piazzare quel coso lì davanti all'entrata del cinema, e nessuno dice nulla?

    RispondiElimina
  2. No, non è un cinema. Quello è il Palazzo delle Poste di piazza Bologna, opera di Mario Ridolfi, una delle migliori espressioni del razionalismo a Roma.

    Il cinema con la metro davanti è il Barberini.

    RispondiElimina
  3. Non è un cinema, ma anche se lo fosse sarebbe assurdo uguale!

    RispondiElimina
  4. vero!! questa giunta manco l'architettura dell'epoca....rispetta!!!! Anzi ora i cartelloni come quello sono diventati TRE...di questo passo anche quell'edificio sarà scomparso.

    RispondiElimina
  5. Senza contare gli standard di sicurezza. In caso di evacuazione della posta e/o della metro un bel palo pubblicitario dove spiaccicarsi non fa mai male.

    RispondiElimina
  6. Fitzcarraldo1 marzo 2010 15:29

    Questa foto, insieme ad altre pazzesche che vi invierò a breve, documenta in modo inequivocabile la deriva definitiva della nostra città in mano ormai a una banda di criminali senza scrupoli che nessuno vuole o forse può fermare!
    Ieri ho visto cartelloni piccoli davanti al Battistero di S. Giovanni in Laterano (ma dico..vi rendete conto??)e a questo punto non è più una provocazione parlare di cartelloni in Piazza Navona o sotto il Campidoglio..pensate che pubblico per cotante opere d'arte!(i cartelloni..ovviamente)
    Dobbiamo organizzare iniziative mediaticamente molto visibili perchè questa gente è potente, ricca, e dispone di mezzi di persuasione imponenti (Rai-set), ma di fronte a immagini del genere non c'è molto da aggiungere se non che è ora che i cittadini degni di questo nome scendano in piazza per difendere la bellezza e l'identità del proprio territorio!
    CARTELLONIA DELENDA EST!

    RispondiElimina
  7. bisogna far capire alla gente che al posto dei cartelloni ci dovrebbero essere alberi ad abbellire la città, che i cartellonari privati per loro lucro rubano pezzi di città alla gente, che i cartelloni oltre che brutti sono pericolosi, cascano sulle auto e sulla testa della gente, che provocano incidenti stradali, che dietro ogni cartello si nasconde un affare di miliardi spesso poco puliti etc.etc. che se in una città delle ditte sono cosi potenti da piegare chi amministra qualcosa di molto grave c'e' dietro.

    RispondiElimina
  8. Vanno inoltre sensibilizzati gli uomini di cultura di ogni credo politico anche stranieri che facciano sentire la loro voce in modo da rendere visibile la protesta. Si mandi una bella raccolta di foto con elenco esplicativo delle gravità al Presidente della Repubblica. Comunque da moltissimi maxi impianti in poche ore è sparita la pubblicità, vedi ditta CBS sulla salaria tra olimpica e gra..Strano...

    RispondiElimina