lunedì 1 marzo 2010

E i cartellonari ci rubano la possibilità di avere il bike-sharing

Invitiamo tutti i lettori a comprendere cosa significa -oltre al degrado e alla vergogna estetica, oltre alla totale perdita di dignità del panorama- avere una informa mafia che governa il mondo delle affissioni. Leggete e divulgate questa interessante intervista di Bike-Sharing Roma e comprenderete come veniamo considerati dalle società serie, che fuori da Roma offrono servizi di altissima qualità in cambio di spazi pubblicitari. Siamo peggio di tutti, peggio di gran lunga anche di Napoli...
E così i cartellonari ci rubano, oltre al cielo, anche la possibilità di avere un bike-sharing. Il servizio che sta cambiando il modo di trasportarsi in decine di città al mondo. Trasformando nettamente la mobilità della città e il modo di viverla.

Nessun commento:

Posta un commento