sabato 20 marzo 2010

E i cartelloni si presero la prima pistolettata

Ormai il Grande Scempio dell'invasione cartellonara entra anche, involontariamente, nella cronaca nera. E così, in attesa del primo morto per cartelloni che aspettiamo a gloria e che ci sarà presto (alla prossima tromba d'aria) e che finalmente farà muovere quei magistrati che stanno scaldandosi per partire lancia in resta contro i responsabili di questo scandalo nazionale, e così, dicevamo, oggi sulle cronache cittadine i cartelloni sono stati protagonisti di una sparatoria.
Sparatoria tra cartellonari mafiosi e volontari anti-degrado intenti ad imbrattare i panneli abusivi? No. Semplicemente un gioco (un po' pericoloso) che un ragazzi ha fatto dalla finestra con la sua carabina ad aria compressa. Cosa è andato a colpire il proiettile tirato per mostrare agli amici la perfetta mira? Ma naturalmente su un cartellone pubblicitario, come hanno riportato, le agenzie. D'altronde sono ormai talmente tanti che è la cosa più facile da colpire...

Nessun commento:

Posta un commento