martedì 16 marzo 2010

Il presidente di Unesco - Italia alla portata...

Un'altra grande, grande occasione per sensibilizzare l'Unesco -un ente cui dobbiamo stare decisamente addosso- relativamente allo Scandalo Cartelloni romano. Domani, mercoledì 17 marzo, alle ore 12 si terrà al Macro (Via Reggio Emilia) un incontro sull'arte contemporanea nella Valle dei Templi di Agrigento. All'incontro è prevista la partecipazione di Giovanni Puglisi, presidente di Unesco-Italia. Ripetiamo: presidente di Unesco-Italia. Cartellopoli, come di consueto, cerca volontari per un volantinaggio soft durante l'incontro. Fatevi sotto, la mail la conoscete...

6 commenti:

  1. A tonè ma te sta a partì la testa veramente ! Ti pare che l'Unesco si intromette in una questione politica ...?? Quell'articolo che ti colpì tanto mi sembra ovvio che è stata una trappola. Ti pare uno risponde ad un'email privatamente e poi finisce sui giornali ! Tanto vale chiamare i giornali subito !!
    Credimi, ho l'impressione che stai veramente male...prenditi un periodo di vacanza.

    RispondiElimina
  2. l'unesco ha risposto a una email di residenti campo marzio sull'utilizzo improprio di piazza del popolo. vedrai che il nostro volantino susciterà interesse. tu comunque sei liberissimo di andartene in vacanza, anonimo.

    RispondiElimina
  3. ...e così, all'imbrunire nella città derelitta il lugubre cartellonaro panzone, annoiato da troppi guadagni facili sulle macerie di quella che un tempo chiamavano Roma, nettando il premolare con l'ingiallito unghione , nell'ormai irrefrenabile delirio di onnipotenza periferica si avventurò pure nei consigli socio-sanitari al povero bloggaro. Ma mala tempora currevant... (continua)

    RispondiElimina
  4. arieccolo, è riuscito il filosofo scemo, quello che vò salvà Roma a colpi de rime! MA VAFFANCULO VA!!

    RispondiElimina
  5. (continua)...gli orpelli inutili del villone abusivo sul bagnasciuga nella amena e ridente Torvajanica non riuscivano a consolarlo. I suoi soli 2 neuroni superstiti non addestrati al sordido imbroglio e alla misera furbettosità sub-italica scambiavano rime filosofiche per banale prosa di vile cronaca, e, veemente e digrignante il premolare appena nettato, si scagliava contro la scatola colorata davanti al suo volto sbavante.

    Ululava verde-bilioso che avrebbe ordinato ai suoi marocchini di montargli stanotte stessa 30 6X3 davanti S.Pietro e 30 davanti il Colosseo, in quelle inutili piazze improduttive ancora non conquistate dagli altri soavi imprenditori di cartellonia. Ma dal gonfio crasso una irrefrenabile immensa scorreggia riempì di muco avorio-giallastro i suoi raffinati pantaloni gessati....(continua)

    RispondiElimina
  6. Anonimo ma vacce te affanculo..COGLIONE, COGLIONE, COGLIONE, COGLIONE..è CHIARO IL CONCETTO?

    RispondiElimina