giovedì 4 marzo 2010

Illegali? Come riconoscerlo?

Il Comitato Residenti di Campo Marzio ci invia questa foto e ci chiede: "hanno montato questi osceni impianti a fianco di Piazza del Popolo. Come possiamo riconoscere se solo legali o no?".
Bhe, molto, ma davvero molto semplice. Basta cliccare sul nostro link DOVE NON SI PUO' per capire quanto questi orrendi tre impianti che si vedono nella foto siano da abbattere quanto prima. Innanzitutto perché si trovano in una zona tutelata del Centro Storico, vietato dal Codice della Strada riguardo alla presenza di pubblicità. Ma soprattutto per la vicinanza alle intersezioni viarie ed alle strisce pedonali (i due impianti piccoli dovrebbero essere a meno di 10mt, l'impianto grande a 30mt. Inoltre non è rispettata la distanza tra impianto e impianto che dovrebbe essere di 25mt (15 per i due impianti più piccoli).
Insomma tre impianti completamente illegali da abbattere subito. Con le buone o con le cattive. Per liberare almeno Piazza del Popolo dalla morsa della criminalità cartellonara.

4 commenti:

  1. faccio notare che a fianco del cartello piu' grande c'e' una buca in terra con quel che resta del tronco di un albero....Invece di piantare alberi o rimetterli dove non ci sono piu ci mettono i cartelloni. Mesi fa quarda un po'..in tutta Roma sono stati abbattuti migliaia di alberi..con la scusa che erano pericolosi...Chi ci ha guadagnato con l'abbattimento? Chi ci guadagna ora col business del cartellone?? Che servizio ne risulta ai cittadini? L'Assessorato competente che fa si nasconde dietro ai cartelloni? Il Sindaco è informato del degrado che avanza e di cosa si nasconde probabilmente dietro?

    RispondiElimina
  2. Immagino domande retoriche.

    RispondiElimina
  3. ma sono un inguaribile ottimista o il macchinone in mezzo all'incrocio ha addirittura una multa?

    RispondiElimina
  4. Qui si piantano cartelloni pubblicitari in maniera sempre più frequente, in DISPREZZO di qualsiasi legge o regolamento invece di PIANTARE ALBERI o essenze in questa nostra oramai IRRICONOSCIBILE CITTA' . Che tristezza.

    RispondiElimina