martedì 16 marzo 2010

Prima e dopo razionalista


Ed eccola, timbrata. La foresteria di Del Debbio al Foro Italico. L'oasi urbana del Foro Italico, anche lei, completamente recintata di cartelloni. Tutti illegali, tutti abusivi, tutti installati in odio ed in contrasto al codice dei beni culturali (tutti gli edifici, qui, sono notificati) ed al codice della strada. Enrico Del Debbio, stuprato anche lui. Grande architetto razionalista morto a Roma nel '73, il suo archivio è stato acquisito dal MAXXI e sarà esposto nel nuovo spazio di Zaha Hadid al Flaminio (anche questo mangiato dai cartellonari, come vedremo tra qualche giorno con foto clamorose), negli anni Venti inizia a lavorare al Foro Mussolini: vi sarà impegnato per quaranta anni. La sua opera più grande è la sublime accademia di Educazione Fisica (l'unica università al mondo dedicata esclusivamente allo sport), poi lo Stadio dei Marmi e, appunto, la Foresteria Sud -qui nella foto-. E' di Del Debbio anche la pesante mole (certo meno riuscita di altre realizzazioni) della Farnesina, sede del Ministero degli Esteri, e la Facoltà di Architettura di Valle Giulia sempre a Roma.
Ecco il nostro contributo al bell'articolo che oggi il Corriere.it dedica alla questione e dal quale abbiamo preso la foto del "dopo"...

4 commenti:

  1. Io li voglio davanti al colosseo, e deve finire in apertura su tutti i tg del mondo .....

    RispondiElimina
  2. tranquillo Marco..sui tg di tutto il mondo ci andremo entro poco tempo grazie a questa imprenditoria caciottara, ad una giunta Comunale di infimo livello, incapace di progettare e di amministrare e consentimelo, anche grazie a noi che non li molliamo un attimo! Stasera posto foto dell'entusiasmante canto del frullino a P.zza Bologna!!

    RispondiElimina