domenica 7 marzo 2010

Siamo giunti a questo...



Spett. le
WEBMASTER
del BLOG WWW.CARTELLOPOLI.COM
cartellopoli@gmail.com
blogantidegrado@gmail.com


Oggetto:
APA Agenzia Pubblicità Affissioni S.r.l./espressioni diffamatorie sul Blog Cartellopoli.com




In nome e per conto della APA Agenzia Pubblicità Affissioni S.r.l., dalla quale ho ricevuto espresso mandato, Vi invito a rimuovere immediatamente dal Vostro Blog qualsiasi riferimento diffamatorio e/o offensivo nei confronti della suddetta Società e di qualsiasi rappresentante della stessa.
Nello specifico le allusioni dell’articolo del 15 febbraio u.s. “Apa…rte tutto…”, l’articolo del 22 febbraio 2010 “Ancora sull’APA” nonché l’articolo “Analisi quotidiana” del 24 febbraio u.s. e il commento alla rettifica della dott.ssa Anastasia Paglia e/o qualsiasi altro articolo e/o allusione che leda l’immagine della mia cliente.
Resta inteso che laddove, dal ricevimento della presente, non dovesse essere rimosso quanto sopra, mi vedrò costretto a tutelare le ragioni della mia assistita nelle opportune sedi giudiziarie.
Certo di un Vostro sollecito riscontro, distinti saluti.



Ora ci impegneremo a togliere quanto risulti diffamatorio, per carità, lungi da noi la volontà di ledere l'immagine di alcuno, ne di offendere: noi parliamo citando articoli del codice della strada e del regolamento comunale, figurarsi. Non si capisce poi perché l'immagine della città, quella, non vi sia nessun famoso studio legale -come questo che se la piglia con un piccolo blog- che la difenda....

18 commenti:

  1. Invece di prendersela con dei cittadini liberi di esprimere la propria disapprovazione per lo scempio e lo schifo che sta deturpando la città di Roma patrimonio dell'umanità alla faccia delle leggi e dei regolamenti comunali la ditta in questione dovrebbe prendersela con le ditte che fanno scempio delle regole e con l'Amministrazione che permette ciò.Se la ditta in questione rispetta tutte le regole e ha a cuore la città e vuole fare un business sano nel rispetto dei cittadini, deve pretendere che altri non facciano i furbi, perche' cosi evita di andarci di mezzo anche lei, perche' poi non si puo' pretendere che il semplice cittadino stia a ricordare tutte le etichette che appaiano, quando appaiono, in cima a migliaia di cartelli di ogni tipo e misura. La ditta in questione se sa fare pubblicità e comunicazione sa bene come attirarsi le simpatie del pubblico. Per la cronaca da utente della pubblicità dico che il caos che si vede in giro è una offesa alla pubblicità e da solo fastidio e i cartelli si nascondono uno con l'altro, sfido chiunque a ricordare una pubblicita vista in giro.!!!!

    RispondiElimina
  2. Cioè, se non ho capito male ci portano in tribunale? Fantastico, così potremo finalmente portare all'attenzione della magistratura, della stampa e dei media tutta la documentazione necessaria per testimoniare lo scempio compiuto in questi ultimi anni ai danni della città.

    RispondiElimina
  3. "Ora ci impegneremo a togliere quanto risulti diffamatorio, per carità, lungi da noi la volontà di ledere l'immagine di alcuno ne di offendere:"

    Perchè quando dici, mafiosi, criminali,etc,etc che cosa pensi di fare?

    "noi parliamo citando articoli del codice della strada e del regolamento comunale, figurarsi."

    No!, voi parlate di persone, aziende, politici, fate nomi e cognomi di tutti usando un linguaggio offensivo e diffamatorio!


    Sei fortunato se non ti chiedono i danni! esprimere parere su di un blog non significa poter "vomitare di tutto" educazione, linguaggio corretto, e buon senso, mi sembrano il minimo.....

    RispondiElimina
  4. Non abbiamo né tempo da perdere né tantomeno soldi da dare agli avvocati, ci servono per acquistare i prodotti necessari per occuparci della nostra città: i raschietti, gli spruzzini, le spugne abrasive, i guanti, le mascherine, i solventi antigraffiti, i protettivi antigraffiti, l'acetone, l'ovatta, i barattoli di vernice, i pennelli e le pennellesse, le forbici, i taglierini.

    RispondiElimina
  5. il webmaster può anche rivedere le frasi un pò forti, ma la realtà è sotto gli occhi di tutti.
    Capito anonimo?
    La maggior parte dei cartelloni romani è abusiva per il Codice della Strada, il codice dei beni culturali e il regolamento comunale.
    Noi di Cartellopoli siamo per la pubblicità di qualità, vogliamo una Roma all'altezza delle altre capitali europee.
    Perché voi dell'APA anziché ribellarvi alle aziende da quattro soldi che hanno rovinato Roma, vi abbassate ai loro stessi metodi?

    RispondiElimina
  6. Quando si inviano questo genere di email bisognerebbe prima accertarsi di non avere scheletri nell'armadio. Sul sito dell'APA fa bella mostra un cartellone che si trova in prossimità di un'area archeologica sottoposta a vincoli naturali, paesaggistici e storico-artistici, in apparente violazione del codice della strada e dei beni paesaggistici. A me non piacciono gli avvocati e consiglio al blogmaster di abbassare i toni. Ma sono certo che la stampa avrà cura di approfondire questa faccenda, qualora dovesse avere spiacevoli risvolti legali.

    RispondiElimina
  7. Consiglio di rivolgersi ad un'associazione di tutela dei consumatori, dove sono presenti fior di avvocati assolutamente ben lieti di difendere un blog, se il caso, da imprese che probabilmente hanno intenzione di citare in giudizio i responsabili di un blog di denuncia. Certo, i termini utilizzati devono essere consoni, ma il costituzionale diritto di esprimere opinioni e denunciare irregolarità è sacrosanto. E Roma, la nostra città, sta diventando un città letteralmente TAPPEZZATA di cartelloni pubblicitari di ogni risma e dimensione che, spesso, risultano presenti illegittimamente. Vergogna.

    RispondiElimina
  8. Il problema è che queste società hanno "agganci" in Comune, se no avrebbero già tolto i cartelloni abusivi. Quindi se oltre a tappezzare tutta Roma, si permettono pure di paventare azioni legali, hanno sicuramente qualcuno tra politici, funzionari o rappresentanti dello Stato, che oltre a tollerarli, li appoggia e copre, facendoli operare tranquillamente nell'illegalità. E ora vogliono pure il silenzio....Chavez è un galantuomo in confronto !

    RispondiElimina
  9. antonius e tu credi che gli avvocati delle associazioni consumatori non si fanno pagare........beato te !
    Sex prima o poi capiterà, alzi i toni perchè ti fa sentire forte e prima o poi pagherai fior di soldoni . Probabilmente ti aiuteranno rip e les visto che ti appoggiano cosi tanto (anche se quando ci sono di mezzo i soldi gli amici spariscono, si sa).

    RispondiElimina
  10. Un'azienda pubblicitaria dovrebbe saperlo bene, farsi una cattiva fama non è mai una buona cosa. Se passeranno alle vie legali si giocherà a carte scoperte, e non c'è aggancio col Comune che possa salvarli da una plateale figura di merda. Che puntualmente arriverà, questo è garantito.

    RispondiElimina
  11. Certo è paradossale che vi si intimi di non diffamare da parte di chi, a quanto pare, contribuisce a diffamare l'immagine di Roma. I toni forti sono sgradevoli e possono far male, questo è vero, ma sembrano essere l'unico modo per scuoterci tutti da questo torpore civico che ci avvolge.

    Se APA vuol rispondere in modo positivo alle provocazioni di cartellopoli, e se vuole dimostrarsi migliore di quanti operano in questo settore senza farsi alcuno scrupolo, rilanci piuttosto che prospettare azioni legali! Dimostri di avere a cuore il decoro di Roma e si affianchi a cartellopoli nella lotta contro chi calpesta leggi e normative per il proprio tornaconto personale. La pubblicità che glie ne verrebbe sarebbe certamente più importante e positiva di quella di un'azienda che minaccia azioni legali contro il webmaster di un blog.

    RispondiElimina
  12. fitzcarraldo8 marzo 2010 16:45

    Noi abbiamo tutto il diritto di alzare i toni, egregio sig. Anonimo e Roma avrebbe bisogno di passione civile non della sua ironia pietosa da Bar Sport. Invito tutti i blogger a non usare termini offensivi o lesivi della reputazione di persone ma di attenersi ai fatti.
    Caro sig. Legale, se mi legge, Lei sa benissimo che la maggiorparte dei cartelloni pubblicitari installati, ANCHE QUELLI DELL'APA, SONO AUTORIZZATI MA ILLEGGITTIMI PERCHE' VIOLANO PALESEMENTE IL CODICE DELLA STRADA e i regolamenti comunali. E' questione di forma e di sostanza. All'azienda della sua cliente non importa nulla del codice della strada e dei regolamenti comunali, pensate di essere al di sopra delle Leggi, come tanti esponenti politici in questo periodo? Risponda, adesso..non mi sembra di aver offeso nessuno.
    In un paese normale le autorità individuano le aree dove installare i cartelloni pubblicitari, ne stabiliscono il numero, le dimensioni e possibilmente una foggia decorosa.Invece in questo bel comune, che amministra una città Patrimonio dell'Umanità, si è dato il via libera ad un' invasione pazzesca e senza limiti che sta massacrando il paesaggio e che non si capisce quando finirà visto che le installazioni proseguono senza sosta. Un'ultima cosa sig. Avvocato, le sembra normale che ormai un gran numero di cartelloni riporti la scritta "spazio disponibile" da mesi ma nel frattempo continuino le installazioni?
    Risponda adesso se le aggrada

    RispondiElimina
  13. Il proverbio dice: tienti stretti gli amici, e ancor piu' stretti i tuoi nemici.

    RispondiElimina
  14. Certo che se la prendono, hanno paura che gli roviniamo il businnes!! Per questo dobbiamo continuare su questa strada, magari senza fare espressamente nomi esatti, ma questa mail giunta è prova che abbiamo toccato il nervo giusto, il nervo della legalità, della giustizia.

    RispondiElimina
  15. Cosa ricordano certe intimidazioni?
    Chi ha i migliori avvocati, e per coprire cosa?
    Che ribrezzo, Che brutta fine ha fatto 'sta città.

    RispondiElimina
  16. Non fatevi mettere i piedi in testa.

    RispondiElimina
  17. GRazie ragazzi sono con voi,mi sento anche un po in difficoltà dovrei e dovremmo fare molto di piu.....andiamo a mettere tanti cartelloni davanti al campidoglio, poi vediamo se fanno qualcosa per rimuoverli almeno quelli...

    RispondiElimina
  18. hanno la faccia come il c...ielo (non si sa mai dovessero fare causa, POVERINI!!!!); delinquono e poi si lamentano SE QUALCUNO GLIELO DICE!!!! Ma andate a rimuovere tutta l'immondizia che seminate per la città e ripristinate lo stato ORIGINALE dei marciapiedi, delle aiuole, eccetera eccetera!!! Con che faccia tornate a casa e raccontate alle vostre famiglie cosa fate per vivere?!?!
    Mi immagino la scenetta: Caro, mi passi il sale? E com'è andata la giornata? Ah, oggi ho messo 100 cartelloni abusivi, c'abbiamo alzato 10000 euro, tolta 1000 per l'allungo al decoro urbano e ai vigili, abbiamo fatto bei soldoni... certo, questa città sta diventando uno schifo, ma a noi CHE CE FREGA...!!!!!

    RispondiElimina