mercoledì 10 marzo 2010

Tanto, tanto materiale sul Parco di Veio

E' questo il link a cui troverete tutto il materiale (veramente da non perdere, ma fate in fretta: la possibilità di scaricarlo scade il 13 marzo, dopodiché scrivete a vas.roma@alice.it) a corredo di una ampia denuncia che l'Architetto Rodolfo Bosi e il Vas (Associazione Verdi Ambiente Società) hanno inviato al Comune a riguardo dello tsunami di cartelloni pubblicitari nel parco di Veio. Vi sono dozzine di foto, documentazioni impeccabili e testimonianze. Scaricatevi e leggetevi tutto quanto.
All'architetto Bosi rimproveriamo soltanto di dimostrarsi un po' tiepido verso le violazioni che i cartellonari fanno riguardo al codice della strada rispetto al codice del paesaggio. Le violazioni hanno (devo avere, ai fini della nostra battaglia) tutte quanti pari dignità: mettere un cartellone a due metri da un semaforo o da un incrocio è tanto grave quanto piazzarlo in un'area protetta!

7 commenti:

  1. Si prenderanno pure loro una diffida? Chi lo sa, fatto sta che lo schifo sta uscendo fuori e tra non molto sarà di dominio pubblico. Nel senso che lo vedranno tutti... ma proprio tutti... più pubblico di così.

    RispondiElimina
  2. Beh stamattina ne stavano piantando uno sulla Via Cassia Nuova (direzione Corso Francia).........che meraviglia però sta città tutta colorata e arricchita da cartelloni, cartellucci, sgombero qua sgombero la, quante feste, sagre, discoteche contengono quei pali gialli lampeggianti, vendo, sconto affitto, tag e aritag. Se non fosse per quelle fastidiose buche e quella brutta e asfittica segnaletica stradale potrei sentirmi a Times Sq.! A proposito ma voi mentre guidate ci capite più niente?

    RispondiElimina
  3. Si, ognuno fa come cazzo je pare, ormai è il far west.

    RispondiElimina
  4. a proposito di denunce...avete notato i cartelloni APA segnalati nel territorio del parco di Veio? E quello attaccato al mercato di Va Alessandria? E quello a Piazza della Libertà sulla rotatoria? E quello a Pineta Sacchetti (evidentemente hanno un debole per i Parchi..) Che impresa seria e professionale, vero avvocà!

    RispondiElimina
  5. Questo è clamoroso... anche le strade di Colle Salario, periferia nord, si stanno riempiendo di cartelli di ogni misura...Domenica scorsa è venuto in visita nel quartiere il Papa....bene udite udite....sul percorso fatto dal Santo Padre hanno subito prima cancellato le scritte sui muri, tagliato le erbacce a addirittura tolti 5 o 6 cartelloni 4x3 che su via Camerata Picena ricoprivano verde e alberi...Dunque anche il municipio sapeva dello squallore da maxicartellone...ma si è intervenuti solo perche' passava il Papa....infatti hanno messo striscioni di benvenuto a cura del Municipio....O è solo una incredibile coincindenza????? Speriamo che il Santo Padre, amante dell'arte e della cultura, giri piu' spesso per le strade e le periferie di Roma...
    Carlo

    RispondiElimina
  6. E' successo lo stesso per la visita di Alemanno al prenestino qualche mese fa (me lo ha raccontato mia nonna).

    Una bella iniziativa, dato che ormai è chiaro che fanno così, potrebbe essere fotografare un prima e dopo e informare i giornali, o direttamente volantinare in loco.

    RispondiElimina
  7. E bravo Aleciccio, se vergogna de fà vedè i cartelloni e li sega... ahahahahahahahahahahaa

    RispondiElimina