mercoledì 24 marzo 2010

Un grande movimento d'opinione

Non abbiamo altro potere se non quello di divulgare il nostro verbo. Siamo, noi che seguamo e che scriviamo su Cartellopoli, tra i pochi cittadini che vedono il degrado. Che lo notano. Che fanno confronti tra città e città. Che distinguono la normalità dallo schifo più profondo e malvagio. Per gli altri è assolutamente trasparente.

Non possiamo fare altro che far notare a tutti la situazione delle affissioni esterne a Roma. E la cosa dà delle soddisfazioni. Poiché persone che fino ad oggi risultavano (come tutti i romani) assuefatti al degrado, magicamente si svegliano. "Oh, ma lo sai che da quando mi ci hai fatto fare caso... Ma che schifo. Ma che scandalo. Io li butto giù a spallate". Insomma, ecco cosa dobbiamo fare: SVEGLIARE QUANTA PIU' GENTE POSSIBILE.

Lo abbiamo già detto: deve diventare un movimento d'opinione. E per farlo abbiamo bisogno di tutti i mezzi leciti. Uno di questi è Facebook: il gruppo è già nato, occorre iscriversi e soprattutto fare iscrivere più persone possibili. Dobbiamo arrivare alle migliaia. Datevi da fare, il nome del gruppo, naturalmente, è CARTELLOPOLI.

10 commenti:

  1. Infatti la gente deve farci caso e poi capisce...Ho segnalato il sito anche sulla pagina facebook dell'appello di Saviano per un voto regolare, dove sono iscritte migliaia di persone, invitandole a visitare il sito di cartellopoli. Ho scritto su VignaClara Blog, giornale online di roma nord..Insomma diamoci da fare.

    RispondiElimina
  2. Voi vi sbagliate, darsi da fare non significa spammare tutti i blog di un blog concorrente . Io resisto alle minacce e non demordo.
    Sono una persona perbene !

    RispondiElimina
  3. No, non è un invito a fare spamming. Solo a divulgare il più possibile una campagna civica, cosa c'è di male?
    Mica per farci conoscere andiamo a installare cartelloni abusivi in giro eh...

    RispondiElimina
  4. Anonimo basta. I cartelloni è la forma di propaganda più antiquata. Portano degrado e altro ! Più siamo meglio è. Io direi di organizzare uno sciopero dei cittadini civili contro i cartelloni. Scioperiamo ! Finiremo su tutti i giornali e finalmente anche i cittadini meno sensibili si accorgeranno di noi e dei nostri ideali !

    RispondiElimina
  5. Sessò mi togli una curiosità ? Se eri consigliere comunale che facevi ? Perchè non ti canditi cosi combatti da dentro cartellopoli.
    Facci un pensierino e comincia già oggi a farti un seguito.

    RispondiElimina
  6. Perché le battaglie di civiltà si possono fare solo mediante la politica? L'impegno civico, secondo te, è patetico? O magari può essere proprio l'impegno civico a sollecitare una buona politica? Hai idea di quanti politici piccoli o grandi stanno cambiando il loro approccio grazie ai blog (non solo a questo). Bhe te lo dico io: TANTI.
    Quanto a me, me ne guardo bene. Come sai se segui i miei blog, non ho una grande opinione della democrazia.

    RispondiElimina
  7. LO so che sei contrario alla democrazia, ti dico di sfruttare le masse . Non mi fraintendere, anzi a dirla tutta il primo dovrebbe presupporre il secondo. Un politico deve esser mosso dall'impegno civico. Ricordo che ti sei gia presentato una volta, e dicevi che le cose si cambiano dal dentro. Il tuo impegno civico è ammirabile, però ti ritrovi sempre indietro. Se ti muovi dall'interno riesci ad agire più indisturbato . Comunque non ti posso costringere di certo.
    Mentre , purtroppo, non credo che i politici hanno cambiato approccio grazie ai blog...purtroppo vedo che molti politici vedono i blog come un luogo per approcciarsi ai voti . La cosa è un pò diversa.

    RispondiElimina
  8. ma quale spamming, dai sei ridicolo, secondo te fare una propaganda civile, chiedere la partecipazione dei cittadini per la difesa del decoro di Roma secondo te è spamming ????? Allora è spamming pure chiedere di donare il sangue o aiutare i terremotati. Ma per favore...
    carlo

    RispondiElimina
  9. Bha staremo a vedere che conformazione prenderà questa nuova modalità di fare informazione. Magari ci tapperanno la bocca prima di diventare davvero influenti (ma già lo siamo, anche se pare incredibile).
    Riguardo a me, è vero, una volta -dietro richiesta- ho provato, anche per capire come è il meccanismo. Come il medico che per una volta studia una malattia avendola contratta. Ma la cosa è bastata e avanzata.
    Certo se poi mi offrissero l'assessorato ai cartelloni, bhe, un pensierino ce lo farei. Ma passare per la volgarità delle votazioni, del mercimonio dei voti, dello scambio, delle spese portate dai candidati a casa delle vecchiette per raggranellare qualche preferenza... No! Non me lo puoi chiedere.

    RispondiElimina
  10. Eh lo so il voto è quello. Le vecchiette rinco con le buste della spesa che al 90% sbagliano anche ! La democrazia è questa. Il tuo voto vale come quello di un altro. Alemanno , forse, si è imposto anche per questo.
    Hano provato a chiudere la bocca dei blog, ora provano a " dirigerli" in una certa maniera . Chissà magari anche con l'uso dei troll (sia anonimi sia con nomi ben precisi).
    Lo so che sono influenti...certo non tantissimo . Lo sai che Veltroni fece fare carriera all'interno della sua segreteria ad un blogger (che ovviamente era molto di parte).

    RispondiElimina