venerdì 19 marzo 2010

Un prima e dopo archeologico... anzi archeoillogico



Quella li dietro, in quel contenitore in perspex largo e basso è la famosa vasca romana (qui una foto) ritrovata qui in Via Cesare Baronio per caso nel 1980.

7 commenti:

  1. Dopo la Vasca Romana si apre, anzi si "apriva" lo spettacolo della miracolosa Caffarella salvata.

    Sotto la merda cartellonara c'è inoltre la più bella e intonsa Catacomba del III sec.

    Ma la Sovrintendenza DOV'E' ?
    e la Magistratura DOV'E' ?
    (il Comune lo si capisce bene)

    ( piccola nota tragicomica: c'è il solito arruffapopolo del quartiere che "depista" i suoi fan indicando la presidente del IX municipio (perchè rifondarola) come responsabile...SENZA PUDORE)

    RispondiElimina
  2. La sottintendenza che rompe le palle per qualsiasi cosa ora dorme e ronfa alla grande!

    RispondiElimina
  3. Questa feccia vuole la guerra civile.
    Sono stati addestrati a capovolgere la realtà con tecniche di comunicazione mutuate dal Goebbels di buona memoria fino al marketing multilevel servendosi dei media ormai occupati manu militari (Minzolini scodinzola..su). Una cricca di banditi che hanno usato la politica per arricchirsi sulle spalle delle persone oneste che pagano le tasse (Mokbel e Andrini vi bastano?), anche degli sprovveduti che continuano a votarli e che oggi saranno pronti a credere alle siderali bugie dello psico-nano. Ma l'opposizione,a Roma, a parte De Luca, Valeriani, Catarci e pochi altri, sul Grande Scempio, DOV'E'? (forse è questo il problema..)
    Ripeto: DOPO LE ELEZIONI MANIFESTAZIONE SUI CARTELLONI IN CAMPIDOGLIO

    RispondiElimina
  4. La politica è quasi totalmente nelle mani della malavita, li mandano al potere e poi ovviamente vogliono il corrispettivo.. Il problema non è per loro e per qualche piccola condanna per mazzette..il problema è per noi cittadini normali perche' se va per aria il Paese a morire di fame saremo noi, non loro. Anche questo scempio dei cartelloni è un esempio lampante di quel che dico, infatti Veltroni fu minacciato di morte perche ha tentato di mettere ordine e decoro nel settore... Un cartello rende circa 5000 euro l'anno e costa due soldi metterlo e riempirlo di carta ad opera di operai spesso in nero che lavorano la notte per due lire...Moltiplicate il tutto per decine di migliaia di impianti...mesi fa erano 32.000 disse l'Assessore...ora saranno almeno il doppio...Il Sindaco Alemanno è al corrente??? Lo mandano in giro a fare le inutili rimozioni di cartelli che erano sotto sequestro da anni...Vuol dire che si sono accorti che devono far fronte all'immagine negativa...COme mai non fanno niente pero'??? Dove sta il motivo vero?? Chi sono i responsabili? Di chi è il business?

    RispondiElimina
  5. Ah avete notato che dove i cartelloni maxi sono retti da due travi ravvicinate stanno mettendo in fretta e in furia delle lastre di ferro a proteggere e blindare le travi????? Paura delle motoseghe??????

    RispondiElimina
  6. ma quale blindare, sono di lamierimo e servono solo a livello estetico, ma non dire stupidate!
    figurati se aziende multi milionarie possono avere paura di 4 cani sciolti! tra l'altro gli impianti sono assicurati contro atti vandalici e se li tagliano le assicurazioni li pagano pure, beffa delle beffe!
    Non è questa la strada giusta!!! bisogna sensibilizzare le autorità, i giornali, le tv.

    RispondiElimina
  7. La strada giusta è oscurare le pubblicità. Chi si fa pubblicità su questi impianti chiederà i soldi indietro.

    RispondiElimina