venerdì 30 aprile 2010

Il Secondo Municipio non ne vuole più sapere

Ve lo ricordate o no il passaggio che doveva esserci in Consiglio Comunale del II Municipio. Ma si, proprio quella presentata da Alessandro Ricci a cui vi avevamo invitato a partecipare. Ebbene l'ordine del giorno è passato. Di più: è passato pur in un municipio governato dal centrodestra. Ancora di più: è passato all'unanimità. Ora, come dichiara Ricci a Cartellopoli: "devo fare di tutto per renderlo efficace".
Ricordiamoci che il dispositivo vorrebbe consentire di estirpare i cartelloni abusivi (di fatto tutti) alle ditte che si occupano della manutenzione stradale. Una cosa geniale, un uovo di colombo che permetterebbe di bonificare dagli impianti deturpanti tutte le strade che saranno oggetto di manutenzione.
Da parte del Secondo Municipio, uno dei più colpiti dalla piaga Cartellonara, una reazione d'orgoglio che ci riempie di speranza per il futuro. E che ci fa chiedere agli altri municipi di imitare, copiare, clonare, sfruttare, ripetere il meccanismo.
Chiunque non faccia il possibile e l'impossibile contro la mafia dei cartelloni, è connivente, complice e colluso del massacro della città che si sta perpetrando.
Amministratori, consiglieri municipali e presidenti di municipi ricordino il mantra che Cartellopoli ripete come un babbeo ogni minuto: NON ESISTE ALTRA CITTA' AL MONDO IN CUI LE AFFISSIONI SIANO GESTITE COSI'. DA NESSUNA PARTE AL MONDO!!!

6 commenti:

  1. l'intenzione è ottima, sommessamente dico solo che:
    ieri sono passato a PIAZZA VERBNO, e al posto del cartellone rimosso (che trovate in foto in questo blog) ne è stato messo un altro con tanto di targhetta autorizzativa;
    passo a corso trieste tutti i giorni, i lavori di rifacimento stradale e delle aiuole continuano, ma i cartelloni sono ancora tutti lì, inattacabili, per fare i lavori si rimuove di tutto, ma i cartelloni sono sacri.
    w i cartelloni abusivi, w l'italia

    RispondiElimina
  2. Cartellato, anche io passo lì quotidianamente, hai visto che mostro che hanno piantato sull'aiuola spartitraffico alla fine di Corso Trieste, altezza piazza Istria, davanti al locale "numbs"?

    Per ora è ancora "vergine", nessun manifesto ancora c'è stato messo, c'è solo la superficie di metallo a vista.

    Che ne dici se una notte andiamo a scriverci sopra la nostra opinione?

    Quanto al contenuto del post, per una volta sono felice di risiedere nel II Municipio! Speriamo davvero che l'iniziativa porti i suoi frutti.

    RispondiElimina
  3. ho visto anche io l'ennesimo modello di cartellone, il cartellone dalle gambe corte ma dal pannello extralarge...a corso trieste davanti il Numbs...una distesa di lamiera orribile sulla quale incollare lenzuoli di carta...uno schifo che nasconde totalmente l'aiola. Un bella scritta sui due lati in vernice scura del tivo ABUSIVO - ALBERI NO CARTELLONI

    RispondiElimina
  4. Contento per questa decisione del II Municipio, m'auguro che altrettanto sia deciso negli altri: la situazione che trovate nella vostra circoscrizione è identica OVUNQUE a Roma. Nella mia poi non ne parliamo proprio...

    Qui, invece di camminare su marciapiedi degni di questo nome, parchi dove ci sia verde visibile, monumenti tutelati, strade non dissestate, ci troviamo OVUNQUE panorami sempre più devastati da questi OBBROBRI ALLUCINANTI: una situazione che NON HA PARI IN ALCUNA CAPITALE EUROPEA, un DEGRADO ASSOLUTO.

    M'auguro che la Magistratura faccia chiarezza.

    RispondiElimina
  5. Andate a scriverci sopra:

    UN ALBERO PER OGNI CARTELLONE ABUSIVO.

    RiccardoMA

    (e complimenti a Rossi del II municipio: inchiodati alle loro responsabilità, nemmeno i politici del centrodestra hanno il coraggio di dichiararsi complici di questo scempio)

    RispondiElimina
  6. il mostro l'ho visto, forse alle 2 di notte potrebbe non essere difficile estirparlo, non mi sembra molto solido.
    w i manifesti abusivi, w l'italia, w il ministro scajola che riesce a comprare un appartamento di 180 mq al colosseo di 9 stanze a 600.000 euro e dichiara di avere la coscienza a posto

    RispondiElimina