sabato 24 aprile 2010

La questione delle Ville Storiche





Villa Ada, il Parco del Pineto, il Parco Nemorense. In questa foto solo qualche esempio dei millemila che esistono in città. E che vanno ad arricchire il nostro capitolo del "dove non si può". Ebbene, sappiatelo chiaro e tondo: non si può nelle strade che costeggiano ville, parchi e riserve. Capito? Non si può!

6 commenti:

  1. la seconda foto è raccapricciante - uno splendido panorama verde coperto dai cartelloni - e che dire del signorile ingresso nella villa macchiato dal cartello veramente inutile in quel punto..

    RispondiElimina
  2. La cosa clamorosa che questi obbrobri stanno pure a ridosso della sede di legambiente a villa ada !!! Infatti a piazza di priscilla davanti al parco e davanti l'ingresso alle catacombe vi sono tre impianti tra i quali un 4x3, all'incrocio tra salaria e via di tor fiorenza a pochi metri dalla sede di legambiente che sta dentro il parco, due maxi dei quali uno svetta alto quasi otto metri tra le piante che arredano un terrapieno, è un mostro che sta li da anni senza pubblicità. Legambiente che fa? E' cosi che si educano i cittadini all'amore per l'ambiente?
    Carlo

    RispondiElimina
  3. Mandare a legambiente lazio una bella documentazione fotografica !!!! E far capire loro che ci siamo accorti che stanno muti !!!

    RispondiElimina
  4. Condivido pienamente l'idea di pasquino di qualche giorno fa : scendere in campo ed...imbrattare gli imbrattatori...togliere loro la certezza che i cartellazzi messi a casaccio restino integra fonte di guadagno per i loro avidi affari

    Mc Daemon

    RispondiElimina
  5. ragazzi per sensibilizzare i cittadini oltre a imbrattare, visto che su molto 4x3 hanno messo dei pannelli che chiudono le travi, tali pannelli si prestano ad accogliere scritto fatte con lo spry del tipo, ALBERI NO CARTELLI !!! un messaggio semplice ma efficace anche perche' veniamo da una recente campagna di abbattimenti di alberi da parte del Comune e perche' molti dei cartelli sono posizionati dentro o a ridosso di spazi verdi o addosso alle alberature. E molti viali stanno diventando viali cartellonati e non piu viali alberati!!
    carlo

    RispondiElimina
  6. L'assalto criminale più comodo e redditizio è proprio ai perimetri verdi pubblici, dai cortili delle scuole ai parchi cittadini anche storico-monumentali, passando per aiuole e spartitraffico di quartiere...

    "E se è de tuuutti vorà ddì che mò 'o faccio rennè, no? aahhha ahhhhaaa" si sganascia il ldml pappone dalle mani trasudanti euro facili.

    RispondiElimina