giovedì 22 aprile 2010

Loro montano, a noi monta (la rabbia)




In quale città al mondo private società hanno titolo di massacrare il pubblico arredo di strade, angoli, vie e marciapiedi? Perché vi sono operai che lavora in corrispondenza di un'intersezione, ove non potrebbe ne dovrebbe esserci alcun impianto? Perché quando Lorenzo, autore delle foto, ha scattato queste immagini gli è stato urlato dietro? Se è tutto regolare come mai non si possono fotografare persone che lavorano?

14 commenti:

  1. ma come si fa ad autorizzare una cartellonistica simile?

    RispondiElimina
  2. Manco a Kabul...
    Alemanno, bella eredità che lasci...
    Mc Daemon

    RispondiElimina
  3. i lavori abusivi avrebbero dovuto essere sanzionati dalla polizia municipale:
    - camion in divieto di sosta,
    - nessun segnale di attenzione o pericolo
    - naturalmente nessuna autorizzazione per bucare il marciapiede (costruito con soldi pubblici, rubato da privati criminali)
    - occupazione di un incrocio.

    Ecco una delle differenze con le città civili. In quelle, quando qualcuno inizia a bucare il marciapiede, arrivano le forze dell'ordine a verificare quello che succede e l'abuso non si compie.
    Da noi evidentemente i vigili sono complici.

    LA PROSSIMA VOLTA PER FAVORE OLTRE A FARE LE FOTO CHIAMATE I CARABINIERI, SENNO' È INUTILE. Vedete poi come smontano questi mafiosetti.

    RiccardoMA

    RispondiElimina
  4. Addirittura un cartello di segnale stradale incastrato nei parapedonali !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  5. Ma come osate attaccare una impresa così seria come l'APA? Ma siete proprio prevenuti..
    Loro che lavorano da 70 anni con correttezza e professionalità. E dai no?
    Sig.ra Paglia, mi legge?
    FATE SCHIFO! VERGOGNATEVI,MASSACRATORI DI ROMA!!
    Siete tutti uguali, uno stormo di avvoltoi che divora la carcassa di una ex-capitale europea!!

    RispondiElimina
  6. Pagheranno caro, pagheranno tutto.

    RispondiElimina
  7. Che schifo indegno...

    RispondiElimina
  8. Ma questi zingaroni chi sono, amici dei alecazzo? Perchè non se la piantano in salotto la loro pubblicità de merda? Lorenzo la prossima volta se qualcuno ti rompe le palle tiragli un destro in bocca.

    RispondiElimina
  9. Finchè gli operai non torneranno a casa con qualche incisivo di meno e un paio di ossa rotte nessuno si porrà mai il problema.

    RispondiElimina
  10. Anche se in questo specifico caso non mi sembra, in genere e il più delle volte gli operai sono solo disperati extracomunitari a pochi euro che non sanno assolutamente che stanno facendo salvo l'ordine perentorio del BANDITO che ce li ha mandati....pochi euro per appropriarsi di spazi comuni, verde, monumenti, sicurezza, ma migliaia di euro di guadagni zozzi rapidi e migliaia di euro poi per una AGOGNATA MA SOLO EVENTUALE procedura corretta di notifica e rimozione secondo leggi di uno Stato che si ricorda solo allora di avere regole.

    RispondiElimina
  11. Dal cartellone la Polverini ringrazia, e questi affaristi schifosi ringraziano lei per i tanti anni che ancora potranno utilizzare per arricchirsi alla spalle del bene pubblico.

    RispondiElimina
  12. Quella ferraglia inguardabile la chiamano pubblicità?!!
    Ma per piacere, care ditte de noantri, fatevi un viaggio in Francia e in Spagna, andate a vedere come si fa pubblicità: impianti uniformi, retroilluminati, eleganti e rispettosi del territorio.

    RispondiElimina
  13. sPolverina
    come AlèDanno
    come Corrottolo da Arcore

    sono solo la completa espressione e rappresentnza reale dell'IMMONDA MAGGIORANZA DI ITAGLIOTI rozzi, imbroglioni e furbetti

    che da sempre speravano e sperano di rubacchiare un pezzo di spazio pubblico per farci i CAZI PROPRI

    dal villone abusivo, al percheggio feticcio esclusivo, fino appunto al PIZZO ESTORSIVO DEL CARTELLONE

    Il medioevo dei FASCIO-BANANAS è tuuutto qua davanti a voi...

    RispondiElimina
  14. Che cosa gli hanno urlato dietro?
    Ci provassero solo con me, gli chiamo i carabinieri all'istante

    RispondiElimina