giovedì 15 aprile 2010

Pedalare!


In tutta franchezza non sappiamo se la cosa sta effettivamente dentro o meno ai dettami di Sua Maestà il Codice della Strada. Ma ce ne frega poco. La pubblicità in questione non inquina, non deturpa, fa simpatia e, a differenza di altra pubblicità mobile come quella sulle apette (di cui presto parleremo) e quella sui camion, non può essere abbandonata e posteggiata da qualche parte.
Dunque cosa altro possiamo fare se non sensibilizzare tutti quegli inserzionisti e foraggiatori della cartellopoli romana a cambiare fornitore ed a servirsi presso le agenzie che fanno pubblicità su bicicletta?
Qualche nome? Ciclopubblicità e Velocittà. E' pubblicità che rende il doppio, che non vi fa passare da imbrattatori selvaggi del vostro stesso territorio. Cambiate! Change!

8 commenti:

  1. Carino! Se il responsabile del marketing di Pitran ancora ci legge: "Perchè non verificate la possibilità di ridurre la pubblicità su cartellone in favore di quest'altra?"

    SuD

    RispondiElimina
  2. Caro Responsabile marketing: perché non pensare a campagne innovative come queste? Il fatturato schizzerebbe...

    RispondiElimina
  3. In questo infinito scandalo in cui la Città è precipitata oggi,ahimè, mi è toccato vedere due scene orrificanti:
    A) Sulla laterale della Colombo altezza Largo Fochetti- già abominevolmente massacrata da cartelloni e cartellucci - stamane è spuntato un nuovo orrore di quelli in plastica con due gambucce nere e pannello bianco dove campeggia la scritta in giallo "Spazio Disponibile"su sfondo nero, che manco in un paesino della provincia più sperduta di un qualunque Paese povero...a due passi dalle mura aureliane!!!;
    B) Via di Decima, altezza svincolo per la Colombo, appena riqualificata -con una grande rotonda- un Camion zeppo di orrori di plastica come quelli descritti sub A) li stava disseminando in tutta la zona: INSOMMA UN VOMITO SENZA FINE!!!!!
    Mc Daemon

    RispondiElimina
  4. Mc Daemon devi fare foto e video!!!

    RispondiElimina
  5. Catarci lo accendiamo ? (il Frullino)

    RispondiElimina
  6. @ sessorium.
    provo a fare delle foto. Il fatto è che passo sulla (ormai povera derelitta)Colombo in macchina per andare al lavor e fermarsi non è proprio agevole. Pensare che è la strada di accesso dall'Aeroporto Intercontinentale...poveri noi, che pena!
    Sempre sulla Colombo altezza Via Malfante avete notato quel'orrore sempre in plastica che reclamizza un'impresa funebre che ha il "negozio" proprio lì(mi pare Giovannoni..o qualcosa del genere) e che ultimamente ha affossato così tutta l'area dela C.ne Gianicolense ?
    Mc Daemon

    RispondiElimina
  7. In questo infinito scandalo in cui la Città è precipitata oggi,ahimè, mi è toccato vedere due scene orrificanti:
    A) Sulla laterale della Colombo altezza Largo Fochetti- già abominevolmente massacrata da cartelloni e cartellucci - stamane è spuntato un nuovo orrore di quelli in plastica con due gambucce nere e pannello bianco dove campeggia la scritta in giallo "Spazio Disponibile"su sfondo nero, che manco in un paesino della provincia più sperduta di un qualunque Paese povero...a due passi dalle mura aureliane!!!;
    B) Via di Decima, altezza svincolo per la Colombo, appena riqualificata -con una grande rotonda- un Camion zeppo di orrori di plastica come quelli descritti sub A) li stava disseminando in tutta la zona: INSOMMA UN VOMITO SENZA FINE!!!!!
    Mc Daemon

    RispondiElimina
  8. A mc daemon stai sempre a gira' ma nun te' fermi un attimo .

    RispondiElimina