venerdì 7 maggio 2010

Caro Assessore, ma di cosa dobbiamo discutere?

L'assessore Bordoni dice, in un lancio Ansa, di volere "incontrare" e "discutere" con le associazioni, con il fronte incredibilmente composito, vario, compatto, deciso, competente e preparato dei comitati e dei cittadini che hanno scritto e proposto dopo mesi e mesi di lavoro la Delibera di Iniziativa Popolare che reagisce alla ignobile e criminogena deregulation che il Comune, e dunque proprio Bordoni, ha proposto.
Caro Assessore, ma di cosa dobbiamo parlare?
Vuoi risolvere la situazione? Ebbene hai la nostra delibera, pronta: adottala e falla approvare, in via urgente, al Consiglio Comunale e poi applicala con l'obbiettivo, nel medio periodo, di mettere a gara tutto il comparto e trasformarlo in qualcosa di civile, occidentale e degno di una città come Roma. Hai la chance politica di farlo: fallo!

Abbiamo proposto una delibera perfetta, impeccabile. Abbiamo individuato tutte le magagne, i sotterfugi, le beghe che stanno dietro alle scelte amministrative dell'Assessorato e del Dipartimento. Scelte fatte, si badi bene, non per fare cassa come qualcuno pensa (giacché ai nostri amministratori di far recuperare soldi al Comune gliene importa il giusto), bensì, esclusivamente, per favorire alcune lobby. E qualche uccellino ci ha detto che la parolina "lobby" si può leggere anche sottoforma di mafie, camorre e dintorni. La magistratura sta lavorando su questo.

Caro Assessore di cosa dobbiamo parlare? Vuoi risolvere la situazione: oscura, OGGI, tutti i cartelloni posizionati in violazione del Codice della Strada e del Regolamento Comunale. Ovvero il 95% degli impianti. Sequestrali. Impedisci alle ditte la possibilità di lucrare su degli abusi.

Di cosa cazzo dobbiamo parlare dopo aver completamente cinto d'assedio la città, massacrata, trasfigurata, violentata nel suo skyline, nel suo panorama. Dopo aver tolto alla Capitale d'Italia il cielo, il sole, l'orizzonte, il panorama, la dignità ancora vuoi parlare, assessore?

I mezzi per risolvere li hai tutti nelle tue mani, ma qualcuno ci ha detto -e speriamo che non sia vero- che muori di paura rispetto alle lobby di cui sopra. Ti comprendiamo, ma non ti giustifichiamo. Se si ha paura della mafia, non si fa l'assessore al commercio del Comune di Roma. Chi ha l'agorafobia non fa il paracadutista; chi ha il terrore dell'acqua non fa il sommozzatore. Ascolta un consiglio, assessore: la situazione è di una gravità tale che dubitiamo sia affrontabile con la normativa ordinaria. La città è stata così massicciamente e scientificamente massacrata che ci vorrebbe un Piano Marshal da 15 anni per recuperarne la dignità. Ebbene arrenditi: richiedi per il particolare comparto delle affissioni un commissariamento. In questo modo salverai capra, cavoli e la tua faccia. Fidati!

10 commenti:

  1. Ma quale discussione? Piantiamogli un 6x3 nel suo salotto!

    RispondiElimina
  2. Hai capito omino piccolo e incapace? Ti hanno scritto pure la legge. Vediamo almeno se sei capace a leggertela! DAJE CON 'STE FIRME DAJE!

    RispondiElimina
  3. Commento perfetto, complimenti.

    RispondiElimina
  4. COmmento Impeccabile.
    Aderisco ad ogni singola lettera.

    Mc Daemon

    RispondiElimina
  5. GIUSTOOOOOOOOOOOOOO.
    basta con questa retorica del fare cassa. ma quale fare cassa. le normative le hanno fatte apposta per favorire la 'ndrangheta dei cartelloni. hanno guadagnato 20 milioni, fanculo, il costo di 10 appartamenti di lusso. capirai che cassa!!!

    RispondiElimina
  6. Vuoi fare cassa? Evita inutili consulenze.

    RispondiElimina
  7. SIETE GRANDIIIIII!!!!!VI MERITERESTE UN MONUMENTO ... AVANTI COSI'..

    RispondiElimina
  8. Nessuna tregua a chi ha favorito il Grande Scempio! Se ne devono andare questi miseri, improvvisati saltimbanchi. Roma merita amministratori competenti, seri, capaci e non dei buffoni che hanno tentato di prenderci per il culo con l'abbattimento di un vecchio 6x3 in Viale Pilsudsky o le passeggiate propagandistiche a Trastevere con l'ambasciatore americano. Non siamo tutti telelobotomizzati, capito Bordoni e Ale-Danno? Fate un gesto dignitoso:DIMETTETEVI!!! Avete favorito la stupro selvaggio del paesaggio romano da parte di queste sanguisughe e avete pure il coraggio di parlare??????

    RispondiElimina
  9. BORDONI è veramente il peggio del peggio, quando parla o lancia un messaggio via conferenza stampa, mi fa veramente incazzare, lui pensa che ci può prendere per il culo con le sue frasi da politichese dei sta minchia, ma l'abbiamo capito tutti che sei tu il motore di questo schifo.

    RispondiElimina