sabato 15 maggio 2010

Da Via Bissolati a Piazza Alessandria



Inutile dire che, prima, il catafalco osceno non ci stava proprio. Non c'era. Non deturpava il panorama su Largo Santa Susanna, San Bernardo, il monumento di Pietro Consagra, la Fontana del Mosè, l'Istituto Biologico. Ora, invece, questo bel totem della società-che-ci-denuncia-anche-se-solo-parliamo-di-lei ci sta e fa bella mostra di se insieme all'increscioso indicatore stradale, sullo sfondo, che stava lì anche prima del Grande Scempio partito nel 2009.

Sempre riguardo alla solita società, poi, segnaliamo che l'impianto abusivissimo di Piazza Alessandria è ancora lì nonostante i verbali e le denunzie anche mediatiche. A impallare una chiusura del mercato rionale. Ora immaginatevi voi una calamità, un incendio, un crollo, un attentato nel mercato. Immaginatevi la possibilità di un blocco alle porte di uscita dello stesso e immaginatevi la necessità per i cittadini all'interno di uscire dalle finestre dopo averle strappate. Ebbene quel gruppo di cittadini che decidessero di uscire da quell'angolo rimarrebbero intrappolati dentro al mercato in fiamme, trovandosi un cazzo di cartellone oltre il vetro.
Ecco perché, e non per cattiveria verso certi cartellonari pronti a fare le vittime a a destra ed a manca, le leggi vietano il montaggio di cartelloni sulle chiusure degli edifici.
E insomma in caso di incidente chi sarà responsabile? Il comune che non rimuove? I Vigili urbani che non si danno da fare? Il cartellonaro che sta in zona vietata fottendosene delle leggi pur di guadagnare ai danni della città e dei cittadini? Oppure noi che non abbiamo urlato abbastanza. Ebbene noi, tra i responsabili, non ci vogliamo essere. Dunque urliamo: TOGLIETE QUEL VERGOGNOSO CARTELLO! (in attesa dell'ennesima diffida via avvocato, solo perché abbiamo detto che bisogna rispettare le leggi).

3 commenti:

  1. Dopo l'intervista di BORDONI di ieri è tutto chiaro (lo è sempre stato per la verità). Non c'è alcuna intenzione di fermare l'invasione dei cartellonari, anzi c'è la non troppo velata volontà di aumentarne gli spazi di manovra. Quali sono i messaggi che lancia il moderno amministratore che si incensa sul proprio sito con queste parole "Il buon governo dell'ente pubblico locale è l'unica risposta al compito a cui si è demandati per scelta diretta dei Cittadini, i quali sono soggetti di diritto che meritano attenzione totale", ebbene i messaggi sono questi:
    1. il problema non esiste;
    2. ciò che non funziona deriva dall'amministrazione precedente: io dico, è un singolare modo di giustificarsi, se si tratta di favorire qualche lobby si mette subito mano a una delibera, se però qualcosa non va dipende da delibere precedenti???
    3. i cartelloni irregolari vengono rimossi entro 48 ore: quali sarebbero i cartelloni irregolari??? sono tutti regolarizzati; e quale sarebbe la procedura che permette di intervenire in 48 ore?
    4.i cartelloni non sono aumentati, ma sono stati ricollocati: vabbè, qua stendiamo un velo pietoso, ma il problema è che praticamente si dice è che nessun cartellone verrà rimosso, ma ricollocato;
    5. i problemi sono in I e II municipio: quindi, non detto, per tutto il resto del territorio c'è spazio per il saccheggio.
    La mia proposta è questa: Bordoni si prenda un giorno di vacanza così, olytre a non fare danni almeno per un giorno, si potrebbe fare accompagnare da un giornalista in giro per tutta la città e con una macchinetta digitale potrebbe fare un pò' di foto al paessaggio, poi con quelle immgaini si fa latore della candidatura di ROMA 2020 al CONI e al CIO.

    RispondiElimina
  2. BORDONI DEVE DIMETTERSI!!!

    E' ormai evidente che non sa e non vuole gestire il fenomeno : non può restare in questo posto delicatissimo, ne va dell'immagine di Roma (o meglio, ormai è comunque troppo tardi).

    Mc Daemon

    Mc Daemon

    RispondiElimina
  3. L'ho già scritto qualche altra volta, un'arma di ricatto che abbiamo nelle nostre mani è un bel dossier in inglese al CIO, il Comitato Olimpico: se mostriamo alla cricca di AleDanno che possiamo rompergli le uova nel paniere per i Giochi del 2010 magari qualche chance possiamo averla,

    RispondiElimina