lunedì 10 maggio 2010

Entrate nella matrice

Semplicemente commovente. Già solo in questi due giorni di finesettimana sono affluite una tale quantità di mail di adesione, di persone che vogliono fare il coordinatore municipale, di cittadini che non ce la fanno più pronti a tutto pur di farla finita con la cartellopoli romana.
Se tanto ci dà tanto, in qualche giorno arriveremo alle 5 mila firme richieste. E dunque potremo andare avanti, fino a luglio, fino alla scadenza, per dimostrare a tutti quanto sia sentito questo indecoroso problema che esiste solo a Roma.
Qui trovate il link sempre aggiornato sui referenti regionali che potete chiamare per chiedere informazioni e su come votare. La sinergia popolare che si è generata e coagulata attorno a questa battaglia civica è impressionante. Un ulteriore segno che si è calcata la mano, che si è esagerato, che si è andati oltre. Qualcosa si è smosso negli occhi dei cittadini romani. L'assuefazione al brutto impedisce a uomini e donne di questa città, abituati a vivere da anni e anni nella più degradata città d'Europa, ha concesso l'invasione. Ma proprio per questo è sufficiente rendere edotto il cittadino per far si che, automaticamente, diventi un attivista. Chi vede questo degrado è impressionato. Ma ancora centinaia di migliaia di persone in questa città non lo vedono. A noi il compito di aprirgli gli occhi, con la consapevolezza che quando tutti vedranno, quando tutti sapranno, quando tutti capiranno, bhe, ci sarà poco da fare: sarà sollevazione popolare, se l'assessore di turno non provvederà a decisioni radicali e ineluttabili.
Dunque coraggio. Mancano ancora dei Municipi da coprire (mentre in altri già c'è più di un referente), tra gli altri anche l'XI del gajardo presidente Catarci. Rendiamoci conto che stiamo creando una matrice per combattere i cartelloni, ma una matrice che potrà essere utilizzata anche in altre realtà, in altri ambiti, in altri comparti.
Basta con i vetero comitati di quartiere inutili e raffazzonati. Noi stiamo creando una macchina da guerra che oggi combatte contro i cartelloni e domani -dopo la vittoria- potrà combattere contro le altre mille forme di degrado e di... "prepotenza imprenditoriale" che si stanno portando via la nostra città.

6 commenti:

  1. I comitati civici antidegrado dovranno spendersi anche sul problema dei graffiti vandalici, che a Roma ha raggiunto livelli inaccettabili in qualsiasi capitale occidentale.

    RispondiElimina
  2. Vero Les, vero

    RispondiElimina
  3. Poi andiamo a prendere i furgoni della banda Tredicine. L'ultimo si è piazzato sull'Appia Antica angolo Tor Carbone, una cosa scandalosa ed unica al mondo.

    RispondiElimina
  4. mi stavo commuovendo...

    http://www.davidebordoni.it/cosa_penso.php

    RispondiElimina
  5. simao a posto, il sito lo possiamo chiudere, ci ha già pensato il buon bordoni ha risolvere il problema... 1000 strumenti tecnici... zero risultati... leggete:
    "Per quanto attiene al settore delle Affissioni e degli spazi pubblicitari abbiamo nel primo anno potenziato le azioni di contrasto all’abusivismo (Direttiva Assessorile n. 1/2008) ed attivato una serie di interventi che hanno prodotto un significativo Incremento delle Entrate, già registrate nel Bilancio 2009, sia attraverso le procedure di recupero dei crediti pregressi che della regolarizzazione amministrativa e contabile delle postazioni.
    In previsione l’istituzione di un nuovo circuito di impianti temporanei, in occasione di eventi speciali, finalizzata al reperimento di nuove risorse Abbiamo inoltre emanato la Delibera Quadro e nuova regolamentazione comunale ed avviato il progetto “Documentazione del territorio” con connessa attivazione della Nuova Banca Dati per la mappatura delle postazioni pubblicitarie esistenti sul territorio comunale.
    Da evidenziare l’approvazione del Nuovo Regolamento sulla pubblicità (D.C.C. n. 37/09) e l’avvio del procedimento per la redazione del Piano Regolatore degli impianti pubblicitari quale documento complementare per la gestione dell’impiantistica, la revisione della regolamentazione comunale ed il connesso riordino della rete degli impianti esistenti.
    Istituito l’Osservatorio delle Affissioni e Pubblicità che coinvolge le imprese di categoria per monitoraggio e coordinamento del settore."

    RispondiElimina
  6. Manca solo il servizio di Emilio Fede su come è migliorata Roma e il quadro è completo...

    ALEMANNO e BORDONI benefattori, scusateci tanto che non ce ne eravamo accorti!

    Orgoglio

    RispondiElimina