mercoledì 12 maggio 2010

I presidenti dei Municipi non hanno il Bilancio ma si sbilanciano a favore nostro

Durante l’iniziativa sul Bilancio fantasma, organizzata per quest’oggi, 12 maggio 2010, alle ore 17 presso l’Alpheus, dai Presidenti dei Municipi di Centro-Sinistra, promuoveremo l’iniziativa contro cartellone-selvaggio lanciata da oltre cento associazioni, comitati, coordinamenti e movimenti cittadini, anche raccogliendo le firme per la presentazione di una Delibera d'iniziativa popolare, da consegnare in Consiglio Comunale. La proposta è stata depositata il 27 aprile ed entro 3 mesi bisognerà ottenere 5000 firme di sostegno" dichiara Andrea Catarci Presidente del Municipio XI.

La Giunta Alemanno con la Deliberazione 37 del 2009 ed il cosiddetto ‘censimento’ si è resa responsabile dell’aumento esponenziale dei mega impianti pubblicitari, che si è verificato. E' inoltre colpevole dell’eccessiva tolleranza, al limite dell’impunità, nei confronti di chi erige nottetempo centinaia di strutture abusive, che restano sempre al loro posto per mesi e che spesso ci restano a tempo indeterminato”.

Inviteremo tutti i presenti" conclude il Presidente Catarci "ad appoggiare con l’impegno concreto questa battaglia di civiltà, per raggiungere nel più breve tempo possibile l’obbiettivo delle 5000 firme e per presentare liberare Roma da queste pericolose mostruosità.”


Fin qui Catarci che come al solito ci fa godere. E voi, anticartellonari incalliti, smettetela di fare la ola e mettetevi in marcia verso l'Alpheus. Abbasso queste "pericolose mostruosità"...

6 commenti:

  1. Catarci come Obama!!

    RispondiElimina
  2. Riporto dal web:


    PIAZZALE CLODIO, APPROVATO PROGETTO RIDUZIONE IMPIANTI PUBBLICITARI

    La giunta comunale, presieduta dal sindaco Gianni Alemanno, ha approvato, su proposta dall'assessore alle Attività Produttive, Davide Bordoni, il Piano di Localizzazione di Piazzale Clodio. Il progetto prevede la riduzione e la sostituzione di tutta l'impiantistica pubblicitaria presente nell'area, nodo nevralgico della vita cittadina: dove oggi insistono cartelloni diversi per forme e colori verranno presto installati solo impianti parapedonali di un'unica dimensione (m.1x0,7), distanziati di un metro l'uno dall'altro e in piena conformità con il Codice della Strada. La superficie totale destinata alla pubblicità sarà, in questo modo, più che dimezzata - da 600mq a 210mq - e ricadrà sul perimetro del parcheggio e nella zona dei capolinea dei bus. Saranno così salvaguardate le alberature e i cartelloni non saranno più di ostacolo a segnali stradali, attraversamenti pedonali e scivoli e parcheggi per disabili. "Il Piano Regolatore degli Impianti Pubblicitari, che doveva essere redatto dal 1993 e la cui mancata attuazione dimostra la negligenza della passata amministrazione, è in fase di redazione - spiega l'Assessore Bordoni -; nel frattempo attivato un percorso, a titolo sperimentale, funzionale a migliorare la fruibilità di alcune piazze cittadine, riducendo l'impatto della pubblicità sull'ambiente circostante, con recupero del patrimonio storico, artistico ed architettonico delle aree interessate dal provvedimento. Abbiamo scelto di intervenire su Piazzale Clodio per la sua particolare morfologia, condizionata dalle esigenze di circolazione del traffico e dalla sosta organizzata di auto private e di automezzi di linee pubbliche. Contiamo comunque di estendere l'esperimento ad altre zone nevralgiche della città". (omniroma.it)

    RispondiElimina
  3. Le ultime notiziePIAZZALE CLODIO, APPROVATO PROGETTO RIDUZIONE IMPIANTI PUBBLICITARI
    La giunta comunale, presieduta dal sindaco Gianni Alemanno, ha approvato, su proposta dall'assessore alle Attività Produttive, Davide Bordoni, il Piano di Localizzazione di Piazzale Clodio. Il progetto prevede la riduzione e la sostituzione di tutta l'impiantistica pubblicitaria presente nell'area, nodo nevralgico della vita cittadina: dove oggi insistono cartelloni diversi per forme e colori verranno presto installati solo impianti parapedonali di un'unica dimensione (m.1x0,7), distanziati di un metro l'uno dall'altro e in piena conformità con il Codice della Strada. La superficie totale destinata alla pubblicità sarà, in questo modo, più che dimezzata - da 600mq a 210mq - e ricadrà sul perimetro del parcheggio e nella zona dei capolinea dei bus. Saranno così salvaguardate le alberature e i cartelloni non saranno più di ostacolo a segnali stradali, attraversamenti pedonali e scivoli e parcheggi per disabili. "Il Piano Regolatore degli Impianti Pubblicitari, che doveva essere redatto dal 1993 e la cui mancata attuazione dimostra la negligenza della passata amministrazione, è in fase di redazione - spiega l'Assessore Bordoni -; nel frattempo attivato un percorso, a titolo sperimentale, funzionale a migliorare la fruibilità di alcune piazze cittadine, riducendo l'impatto della pubblicità sull'ambiente circostante, con recupero del patrimonio storico, artistico ed architettonico delle aree interessate dal provvedimento. Abbiamo scelto di intervenire su Piazzale Clodio per la sua particolare morfologia, condizionata dalle esigenze di circolazione del traffico e dalla sosta organizzata di auto private e di automezzi di linee pubbliche. Contiamo comunque di estendere l'esperimento ad altre zone nevralgiche della città". (omniroma.it)

    RispondiElimina
  4. ...uno...




    ...due...




    ...3...














    bauahhahahahahahahahahahahaaaaaaaaaaaa

    RispondiElimina
  5. ma i parapedonali si possono sfondare a calci?

    RispondiElimina
  6. No, non si POSSONO sfondare a calci. Si DEVONO sfondare a calci.

    RispondiElimina