venerdì 21 maggio 2010

La truffa nella truffa. Ovvero cartelloni che si fondono


Dove vige il divieto più assoluto di installare cartelloni pubblicitari, come all’interno della Piana di Tor di Quinto soggetta a vincolo paesaggistico dal 1989, l’ufficio affissioni e pubblicità del Comune di Roma ha rilasciato autorizzazioni che hanno illecitamente “legittimato” cartelloni di dimensioni addirittura superiori ai 12 mq. massimi consentiti
Ed ecco dunque un cartellone bifacciale di mt. 8x3 installato dalla ditta “Media” con i numeri 250 e 252 in viale di Tor di Quinto (all’altezza di un distributore di benzina).
Benché costituisca di fatto un unico impianto, l’Ufficio Affissioni e Pubblicità lo ha legittimato come due distinti impianti di mt. 4 x 3 assegnando alla facciata fotografata i 2 numeri identificativi (NDB) 0116/BL057/P e 0116/BL058/P. Sullo sfondo si intravede il casale di Tor di Quinto di cui l’impianto deturpa la visuale.
Rodolfo Bosi

11 commenti:

  1. A parte la INDEGNA costruzione di un simile CATAFALCO, dico anche: la sicurezza di questi cavi elettrici volanti???

    E poi mi chiedo: da dove prende l'energia elettrica per alimentare tutti quei fari? E' alimentato da una presa pubblica? Dove il contatore? Chi accerta i costi e il corretto pagamento? Ricade sulla comunità?

    Uno SCEMPIO assoluto. Complimenti a chi consente tutto questo sfacelo, nella CAPITALE d'Italia. Complimenti davvero...

    M'auguro che la Magistratura faccia chiarezza.

    RispondiElimina
  2. segnalatelo ai vigili urbani anche tramite il sito del comune di roma, link scrivi agli uffici.
    Io lho fatto per in 8x3 su ponte salario e mi hanno risposto con com ufficiale dicendomi che l'accorpamento è assolutamente illegale e lo hanno segnalato al dipartimento competente. Sono pezzi di carta importanti anche per la magistratura che sta indagando e spero che il blog passi tutto quel che puo essere utile.

    RispondiElimina
  3. Oltre i 6x3 sono tutti illegali, ma Alemanno e le sue regole fanno così ridere, visto che tutti sanno benissimo che non saranno mai applicate, che ormai il prossimo cartellone c'avrà le dimensioni der CUPPOLONE.

    Mò aspettiamo il solito che dice che due anni fa era uguale... MA CE L'AVETE L'OCCHI?

    Flavio Gioia

    PS: e per quanto riguarda i cartelloni grandi così, io continuo a proporre di bruciarli.

    RispondiElimina
  4. Articolo molto competente...se magari queste analisi venivano fatte sul prg passato a quest'ora avevamo un sindaco compagno ! Ma questa è un'altra storia...

    RispondiElimina
  5. Ad asgard1 delle 15,32 faccio sapere che, se a fianco di ogni cartellone munito di faretti per l'illuminazione notturna si trova una piccola cabina dell'ACEA Eletricità o dell'ENEL, allora vuol dire che per quell'impianto é stata richiesta una regolare fonitura elettrica: dove non c'é invece questa cabina, é forte il sospetto di un allaccio abusivo ai cavi di elettricità dei lampioni di quella strada o di quelli che portano l'elettricità nelle case.
    Condivido pienamente il commento dell'Anonimo delle 15,40 sull'importanza di denunciare puntualmente in modo ufficiale tutti i cartelloni abusivi, anche per farli diventare, in caso di mancata rimozione da parte del Comune, "pezzi di carta importanti anche per la magistratura che sta indagando e spero che il blog passi tutto quel che puo essere utile".
    Il cartellone bifacciale di mt. 4 di larghezza x mt. 6 di altezza é stato da me denunciato a nome di VAS fin dallo scorso 16 febbraio e ne é stata sollecitata la rimozione il successivo 14 maggio, con richiesta di immediato oscuramento per tutto il tempo "burocratico" necessario a provvedere materialmente a toglierlo di mezzo.
    Se l'Area Vigilanza del Servizio Affissioni non provvederà in tempi ragionevoli alle dovute rimozioni dei molti altri impianti che ho finora segnalato oltre a questo, sarò costretto a presentare alla Procura della Repubblica un esposto-denuncia per chiedere di accertare se nella inerzia della amministrazione comunale si possano ravvisare gli estremi del reato di abuso di potere per omissioni di atti dovuti d'ufficio(art. 323 del Codice Penale).

    RispondiElimina
  6. Bordoni scappa da Roma

    RispondiElimina
  7. Per Rodolfo Bosi: grazie per la precisazione. Certo sarebbe interessante osservare da dove le miriadi di cartelloni, anche in pieno centro, prendono l'illuminazione e sincerarsi della legittimità di tali allacciamenti.

    Nascono dall'oggi al domani, di notte, di soppiatto, con collegamenti elettrici di dubbia autorizzazione.

    Per l'amministratore del sito: sarebbe utile inserire, magari in una seziona apposita, tutti i link ed email dove inviare le segnalazioni e le proteste.

    M'auguro che la Magistratura faccia chiarezza.

    RispondiElimina
  8. caxxo quanto è grosso

    RispondiElimina
  9. Invito asgard1 delle ore 21,25 ad andarsi a leggere il mio commento delle ore 19,33 all'articolo pubblicato su Cartellopoli oggi 21 maggio dal titolo "in sei mesi fanno montare ...", dove indico i limiti dell'indirizzo segnalazioniaffissioni@comune.roma,.it che l'Assessore Bordoni ha voluto far sapere di avere attivato subito dopo la presentazione della delibera di iniziativa popolare.
    Quanto al "dove" inviare le segnalazioni (più che le proteste) invito non solo lui, ma tutti quelli che ci leggono ad andarsi a visitare il sito www.vasonlus.it, dove in un editoriale sollecito tutti a segnalarmi (all'indirizzo vas.roma@alice.it) gli impianti abusivi che mi sono impegnato a denunciare ad uno ad uno.
    Certo, sarebbe anche molto meglio se Cartellopoli accettasse la sua proposta di inserire una sezione apposita con l'elenco di tutti i cartelloni denunciati ufficiaalmente al Comune non solo da VAS, perché un punto di raccolta di questo tipo renderebbe a mio giudizio molto più concreta e quindi più incisiva l'azione che il Blog sta facendo: ma questo non dipende dalla mia volontà.

    RispondiElimina
  10. No vabbè, pazzesco...

    RispondiElimina
  11. tutti i cartelloni denunciati ufficiaalmente al Comune non solo da VAS, perché un punto di raccolta di questo tipo renderebbe a mio giudizio molto più concreta e quindi più incisiva l'azione che il Blog sta facendo: ma questo non dipende dalla mia volontà. "

    Mah,l'idea c'è è verrà sicuramente seguita...dopotutto la volontà della sinistra è molto importante, in questo blog !

    RispondiElimina