venerdì 14 maggio 2010

L'intervista a Bordoni oggi su Repubblica

Cartellopoli, Bordoni si difende "È un caos, ma adesso finirà"
"La sinistra ci attacca. In arrivo regole più severe e presto il Piano regolatore"
CARLO ALBERTO BUCCI

Ieri ha dato il via alla rimozione dei mega cartelloni a piazzale Clodio. E ha annunciato che le pubblicità sulle edicole, dopo la multa, «saranno rimosse». Eppure Roma rimane nella morsa di "Cartellopoli". E in molti pensano che l´assessore Bordoni e la giunta Alemanno abbiano favorito lo sfascio con la delibera 37 del 2009. «Le cose non stanno affatto così - risponde l´assessore al Commercio Davide Bordoni - e dobbiamo cominciare col ricordare la legge nazionale del 1993 che chiedeva ai Comuni di dotarsi di un piano regolatore degli impianti pubblicitari. Le precedenti amministrazioni capitoline non l´hanno realizzato. Nel 1997 fu varato sì il piano di riordino. Ma quando io nel 2008 sono arrivato in questi uffici - dice seduto alla sua scrivania in via dei Cerchi - era ancora tutto da fare, regnava il caos e noi abbiamo iniziato a lavorare a quel Prg delle affissioni che entro l´anno porterà ordine nel marasma dei cartelloni»
Intanto però le ditte continuano a invadere la città con gli impianti che la vostra delibera ha in qualche modo autorizzato introducendo le autocertificazioni.
«No, con la 37 abbiamo introdotto regole più rigide: in caso di impianti illegali, multiamo anche gli inserzionisti e facciamo togliere il cartellone entro 48 ore, altrimenti decade il titolo. Abbiamo poi realizzato un database che ha permesso di schedare e tenere sotto controllo più di 31mila cartelloni».
Ci sono stime, a ribasso, secondo cui in realtà "Cartellopoli" conta adesso almeno 60mila impianti.«È un numero campato in aria».
Eppure ogni giorno ne sbucano di nuovi con il regolare cartellino in metallo del Comune.«Non sono aumentati. Spesso sono impianti ricollocati perché si trovavano dove sono in corso cantieri, come quelli della metro. E, se si tratta invece di irregolari, noi le perseguiamo, fino alla rimozione».
Il Comune è passato da 9 a 20 milioni di incassi in due anni grazie ai tributi delle aziende di pubblicità. È un chiaro indizio che i cartelloni sono aumentati, non le pare?
«No, vuol dire solo che abbiamo fatto emergere il sommerso. Pensi che nei centri commerciali, alla stazione Termini o allo stadio Olimpico prima non si pagava»
Quanto si paga al Comune per installare un cartellone?«Per un 4 metri per 3, 1800 euro per ogni facciata all´anno ma sulle strade di pregio la tassa raddoppia».
I cartelloni sono collocati in spregio al Codice dei Beni culturali. Ma contravvengono anche al codice della strada che, tra l´altro, li vieta negli spartitraffico inferiori a 4 metri, in prossimità degli incroci, dei semafori, delle strisce pedonali, delle mura. A Roma poche aziende rispettano le distanze.
«Ma al codice della strada si è andati purtroppo in deroga grazie alla delibera comunale, la 193 del 2004, che si limita a richiedere il rispetto dello "spazio di avvistamento". E non siamo stati noi a farla».
Nel prossimo prg dei cartelloni farete rispettare alla lettera il codice della strada?«Posso dire solo che le deroghe saranno molte, molte di meno».



Dire che l'assessore dovrebbe vergognarsi è un eufemismo. Buttiamola giù così: se fosse vero che i circa 80mila impianti che mortificano Roma sono stati ricollocati a partire dai cantieri della metropolitana, significa che a Roma sono in costruzione, contemporaneamente, una quindicina di linee di metrò con almeno 250 stazioni. Assessore Bordoni? Ci senti? E allora segnati questa: dimissioni immediate e commissariamento del settore. Dimissioni immediate e commissariamento. Sciò.
A scanso di ogni equivoco a mo' di commento definitivo alle puttanate di questo indegno rappresentante dei cittadini Cartellopoli dichiara -ed è pronto a testimoniarlo davanti alla magistratura quanto prima possibile- di avere parlato con questo e quel cartellonaro e di avere ricevuto dichiarazioni chiare rispetto non certo al ricollocamento, ma all'aumento vertiginoso dei cartelloni pubblicitari. I cartellonari che abbiamo via via sentito ci hanno detto chiaro e tondo "ci siamo trovati in questa sanatoria e ci siamo buttati dentro installando il più possibile".
Poi, non c'è nessun bisogno di affermare questo. Basta affacciarsi alla finestra. L'assessore, politico navigato, dovrebbe saperlo che le bugie plateali, oltre ad essere ridicole e indecenti, hanno le gambe corte: Molto corte.
MAGISTRATURA, MAGISTRATURA, MAGISTRATURA, MAGISTRATURA, MAGISTRATURA !!!

45 commenti:

  1. No, non c'è niente da fare. Questi qui non capiscono proprio. Bordoni dice che i cartelloni non sono aumentati. Allora c'è una sola coda da fare, occultare tutti gli impianti pubblicitari. Quando il Comune latita i cittadini si devono muovere. A che punto è la raccolta delle firme?

    RispondiElimina
  2. Se qualcuno di voi organizza qualche azione di protesta, fateci un fischio. Veniamo a dare manforte.

    RispondiElimina
  3. Che coraggio. Senza dignità. Senza vergogna.
    Uomo ignobile.

    RispondiElimina
  4. niente, è così difficile un sussulto di dignità e di onestà dal MITICO bordoni?

    RispondiElimina
  5. Bordoni non leggi i giornali vero ?
    Non vedi che tira un'ariaccia ?
    Non capisci che se solo i giudici decidono di mettere mano all'ufficio affissioni fai la fine di bertolaso in 15 minuti netti ?
    Bordoni, ti faccio uno schemino o c'arrivi da solo ?

    RispondiElimina
  6. Aggiungo: visto che sono ricollocamenti, Bordoni, MI SPIEGHI come mai a via della pisana abbiamo dei 4 x 3 con numero progressivo 3 e 4 ?
    Come hanno fatto a ricollocarli se la ditta è nuova ?
    Aggiungo (e porterò documentazione fotografica appena posso) come mai nel tratto di via aurelia da largo perassi (via aurelia antica) allo svincolo di acquafredda, passato in competenza al comune da un annetto scarso, ora ci sono già 12 (DODICI) cartelli, quando un anno fa essendo dell'anas non c'era nulla ?
    Sono ricollocamenti o NUOVE RICHIESTE visto che un anno fa i cartellonari neppure sapevano che quel tratto di via aurelia passava in competenza comunale ?
    E potrei continuare a lungo, ma mi fermo, le bugie hanno le gambe corte, è notorio, specie quando le stesse domande te le farà il giudice.

    E potrei continuare a lungo ?

    RispondiElimina
  7. Ma la "Nuovi Spazi" che è una ditta nuova cosa deve ricollocare?
    Solo sta ditta ne avrà piantati a dir poco 500 de cartelloni.
    Qui si mente sapendo di mentire ma non molliamo una giustizia ci dovrà pur essere.
    Ale

    RispondiElimina
  8. Ci tengo a controribattere alle seguenti dichiarazioni dell'Assessore Bordoni.
    1 - "con la 37 abbiamo introdotto regole più rigide: in caso di impianti illegali, multiamo anche gli inserzionisti e facciamo togliere il cartellone entro 48 ore, altrimenti decade il titolo" - La sanzione "in solido" anche agli inserzionisti é prevista dall'art. 23 del Codice della Strada e non é quini un merito della 37.
    Quanto alla rimozione degli impianti entro 48 ore, basti dire che dei 56 cartelloni installati dentro il Parco di Veio (da me denunciati ormai più di 2 mesi fa)al posto degli 8 rimossi per merito esclusivo caso mai dell'Ente Parco ne sono stati installati 8, di cui 7 con codice identificativo assegnato dal Servizio Affissioni, quando - a detta del Dott. Paciello -non sono state rinnovate tutte le autorizzazioni scadute alla fine dell'anno scoprso e dal 1 gennaio non vengono più accettate nemmeno le "autodenucie" di impianti abusivi.
    Non può pertanto decadere un titolo che é già decaduto al 31.12.2009.
    La verità che emerge é che anche gli impianti abusivi sono sfruttati dal Comune per fare cassa, perché ritardandone all'infinito la rimozione si ricava da essi tanto l'indennità dovuta pari al canone (1.800 €/anno per ogni 4 x 3) quanto la sanzione amministrativa stabilita dal comma 13-bis dell'art. 23 del Codice della Strada nella misura minima di € 4.351 e massima di € 17.405 (sempre inferiore comunque per le Ditte di quello che guadagnano illecitamente per tutto il tempo che non vengono rimossi i loro impianti)
    2 - «Non sono aumentati. Spesso sono impianti ricollocati perché si trovavano dove sono in corso cantieri, come quelli della metro. E, se si tratta invece di irregolari, noi le perseguiamo, fino alla rimozione» - Detto così, presupporrebbe una istrutoria a monte da parte del Servizio Affissioni che invece non c'é stata fino al 31.12.2009, dal momento che - in cambio del pagamento del CIP (Canone Iniziative Pubblicitarie)o della "indennità" (dovuta in misura pari al CIP per gli impianti abusivi autodenunciati) - ha accettato acriticamente anche le ricollocazioni volute dalle Ditte e non certo stabilite dal Comune.
    3 - «Ma al codice della strada si è andati purtroppo in deroga grazie alla delibera comunale, la 193 del 2004, che si limita a richiedere il rispetto dello "spazio di avvistamento". E non siamo stati noi a farla» - All'Assessore sfugge il lapsus in cui é incappato, perché il Sindaco, la Giunta e la maggioranza del Consiglio Comunale si son guardati bene dall'abolire proprio con la 37 le deroghe, che invece siamno costretti a chiedere noi con la delibera di iniziativa popolare.

    RispondiElimina
  9. Ragazzi, propongo un blitz con striscioni anti-cartelloni davanti alla sede del Tribunale. Magari si svegliano.

    RispondiElimina
  10. Ma Bordoni dove abita? A Milano?

    RispondiElimina
  11. L'impudenza di questo personaggio offende l'intelligenza e la sensibilità dei cittadini romani. Un cumulo di menzogne che dobbiamo smentire vigorosamente scrivendo in massa a Repubblica, a cominciare dal preparatissimo e documentatissimo Rodolfo Bosi!
    Non si possono far passare queste offese alla realtà dopo aver consentito il Grande Scempio!
    Organizziamo un "No cartellone day"!!
    Nel frattempo vi comunico che la raccolta di firme va alla grande..molto alla grande, e tanta gente mi chiede di organizzare manifestazioni..capito?? A dopo...

    RispondiElimina
  12. Per Marco 1963
    Ciao MArco.Ho visto che sei della zona pisana bravetta aurelia antica.
    Io e il Pd Pisana Bravetta stiamo cercando di vederci chiaro su questa questione dei cartelloni abusivi in zona ed eventualmente agire segnalandoli ed anche (perchè no) imbrattarli.
    Se mi scrivi via mail posso spiegarti meglio.Lorenzo
    lorenzofortino@libero.it

    RispondiElimina
  13. Bene Lorenzo, visto che ci siete, smettete di attaccare manifesti abusivi sui muri, voi del PD.
    -
    Onorevole Bordoni, per salvare la faccia dovete commissariare l'ufficio affissioni e pubblicità.

    RispondiElimina
  14. COMMISSARIAMENTO UFFICIO AFFISSIONI!!!
    COMMISSARIAMENTO UFFICIO AFFISSIONI!!!
    COMMISSARIAMENTO UFFICIO AFFISSIONI!!!
    COMMISSARIAMENTO UFFICIO AFFISSIONI!!!
    COMMISSARIAMENTO UFFICIO AFFISSIONI!!!

    RispondiElimina
  15. Fitzcarraldo, alla gente che chiede di organizzare manifestazioni sarebbe opportuno lasciare un recapito telefonico o una email. Se c'è gente che vuole scendere in piazza, non dobbiamo farcela scappare. Portiamo un blocchetto di post-it e una penna.

    RispondiElimina
  16. La nuovi spazi ha già superato il 600, come progressivo, magari fossero solo 500 !!

    @lorenzo fortino, inviata mail.

    RispondiElimina
  17. Quando dice "numero campato in aria", 60.000 (!) impianti, se questo numero è campato in aria, quale sarebbe il "vero" numero? Visto che li stanno numerando tutti, dovrebbero conoscerlo questo numero. E comunque, il fatto che li stanno numerando è indice di estrema organizzazione, e si che in questo caso sono efficienti!
    Sulle dichiarazioni, che altro aggiungere...se non che condivido in toto i commenti. Ottima idea la manifestazione, magari oltre ai cartelloni, ci aggiungiamo altre 20 motivazioni altrettanto valide per contestare.
    Kristian

    RispondiElimina
  18. Ma poi...la sinistra ci attacca! No, qui vi attaccano TUTTI! Fate bene a scappare sulle vostre auto blu pagate dalle tasse dei cittadini ONESTI, state creando una situazione esplosiva, ma chi vi può seguire se abbattete alberi e al loro posto mettete cartelloni? Chi? quei commercianti burini de roma? La smettessero di usufruire di questa forma preistorica di pubblicità, se sto a Boccea, che me ne frega se a via Casilina c'è quel negozio di abbigliamento?
    Kristian

    RispondiElimina
  19. Bravo Kristian, ma quale sinistra e destra, qui è una questione di civiltà!

    RispondiElimina
  20. Ma Bordoni chi è quello con la faccia da pizzicarolo?

    RispondiElimina
  21. Voglio vedere quanto ci mettono a levare quelle vergogne sopra le edicole. Forse un paio di anni saranno sufficenti...

    RispondiElimina
  22. Vorrei provare ad esprimere un argomento che può sensibilizzare chi non fa caso all'enorme problema dei cartelloni pubblicitari e ai manifesti sui muri: dite che questi pubblicitari dei miei stivali -VI PRENDONO PER DEMENTI-.
    Ecco il loro rispetto per chi magari fa acquisti della loro mondezza pagata 1 e venduta a 100.
    Vedi un cartellone, dopo cento metri un altro cartellone identico, e così via.
    Guardate anche sulle strade statali, cento km prima pubblicizzano un negozio....
    Sulla Cassia è incredibile, ogni 300-500 metri lo stesso cartello, non ne basta uno!
    Uno dice:
    -ho capito, vendi abbigliamento, basta, sto andando a mangiare fuori alla trattoria non pubblicizzata, non mi interessa il tuo negozio-
    Invece, sei costretto a privarti del paesaggio per leggere appunto pubblicità PER DEMENTI.

    Poi, al confine Lazio-Toscana, sempre sulla Cassia, all'improvviso FINISCONO completamente i cartelloni, come se in Toscana non ci fossero negozi o altre attività. Perchè?
    Kristian

    RispondiElimina
  23. @Kristian, l'aurelia dopo civitavecchia è stata interamente bonificata dall'ANAS fino al confine con la toscana, anni fa aveva messo qualche cartello il noto mobilificio mondo flatulenza, glie li hanno seccati tutti.
    Quindi, basta volerlo.

    RispondiElimina
  24. Inoltre condivido anche il fatto che ci prendono per dementi (ma forse molti romani lo sono, purtroppo), visto che siamo l'unica città al mondo piena di frecce e freccette ad ogni incrocio: ora, come fanno a trovare un negozio negli altri paesi, dove le freccette agli incroci non esistono per definizione ?

    RispondiElimina
  25. Esatto, quello che voglio dire è, oltre all'impatto estetico, cerchiamo di far capire la completa inutilità di questi catafalchi.
    Quasi tutti hanno il navigatore, quindi il cartellone col freccione non ci serve.
    Quante volte leggete: " A 5 minuti da qui" e in realtà ce ne vogliono minimo venti?
    Quindi è completamente inutile e ti piglia per il sedere, non andare ad acquistare li, perchè se quello è il rispetto per chi ti porterà i soldi (ricordiamocelo sempre che questo è l'unico potere che abbiamo per non assecondare questi burini) allora è probabile che ci siano altri inganni in agguato al punto vendita.
    Altro trucco, i pubblicitari lo sanno: non fare nomi di marchi pubblicizzati!
    Perchè la regola di questi pubblicitari VERI dementi è che bisogna parlarne, nel bene e nel male, vecchia scuola da due soldi.
    Paradossalmente, anche questo sito involontariamente si presta a pubblicizzare il marchio o negozio, nelle menti malate dei pubblicitari si fa caso a questo aspetto.
    Kristian

    RispondiElimina
  26. Semplicemente SCONCERTANTI LE DICHIARAZIONI DI BORDONI..non trovo altre parole : SCONCERTANTI...Dimissioni necessarie a questo punto !

    Mc Daemon

    RispondiElimina
  27. Come ripeto da alcuni mesi:

    M'AUGURO CHE LA MAGISTRATURA FACCIA CHIAREZZA.

    RispondiElimina
  28. Notare: la sinistra ci attacca.

    Si incolpa sempre la passata amministrazione per ogni problema...invece in questo caso Bordoni dice:

    «Ma al codice della strada si è andati purtroppo in deroga grazie alla delibera comunale, la 193 del 2004, che si limita a richiedere il rispetto dello "spazio di avvistamento". E non siamo stati noi a farla».

    Notate "E non siamo stati noi a farla"...

    Loro non possono farci niente, sono costretti ad installare cartelloni!

    Ecco, questo è un perfetto esempio di completa malafede.

    Kristian

    RispondiElimina
  29. dicono che li perseguono... ah, come rido... se penso che i 6x3 stanno sempre lì, CON L'ORDINE DI ABBATTIMENTO ATTACCATO, e intanto VENGONO USATI, per esempio con i cartelloni elettorali... spettacolare!!!
    Assessore, quante bugie tutte insieme, se ne vada, faccia un piacere a questa povera città!!!

    RispondiElimina
  30. Riprendiamoci...post it e penna sono sempre con me!
    La gente non ne può più dei criminali cartellonari e dei loro amici in Campidoglio e molti vogliono passare all'azione..Dobbiamo organizzare un grande "No-Cartellone day" prima dell'estate...mi sto muovendo già in tal senso..ESTOTE PARATI
    CARTELLONIA DELENDA EST

    RispondiElimina
  31. 60.000 Cartelli è un numero campato in aria assessore?? Verissimo sono molti ma molti di piu !!! tra piccoli e grandi. Basta fare attenzione quando si cammina per le strade o basta usare google maps per averne la prova che sono piu che triplicati, siccome che erano 30.000 lo dite da sei mesi, facciamo il conto.....Tutti i giorni ne spuntano di nuovi che si affiancano a quelli che c'erano prima!!!!

    Carlo

    RispondiElimina
  32. entro 48 ore li rimuovono ???????????????????????? falso, ho segnalato ai vigili urbano piu di un cartello piazzato sullo spartitraffico della via olimpica, cosa vietatissima per la sicurezza dei cittadini. Mi hanno pure risposto ma i cartelli stanno ancora la da settimane e sono aumentati di molto!!!!!!

    RispondiElimina
  33. l'intervista di bordoni è una mera operazione di comunicazione in situazione di crisi, la crisi per lui scatenata dalla rivolta dei cittadini. Quindi cerca di tappare la falla come può mica può dire che hanno fatto un regalo alle ditte che li hanno sostenuti, ovvio. La situazione è sotto gli occhi di tutti, perfino il dott.Guidi, delegato per i problemi degli handicappati ha protestato pubblicamente per la "piantagione" di pali e paletti che costituiscono migliaia di barriere architettoniche per i cittadini. Altro che riordino, scusi ma l'ordine dove sarebbe???? Il decoro dove sta? la legalita dove sta? quanti sono i cartelloni? quanti erano? Quanti saranno? Quali sono le regole da rispettare e quanti di questi impianti le rispettano? Queste cose bisogna dire, se si puo' ovviamente
    carlo

    RispondiElimina
  34. STANNO QUASI TUTTI NEL 1 E 2 MUNICIPIO???????????????? MA E' UNA BUFFONATA QUESTA, LE PERIFERIE SONO PIENE DI 4X3, CI SONO MURAGLIE DI CARTELLI DI TUTTI I GENERI, I VIALI ALBERATI SONO DIVENTATI CARTELLONATI, CI SONO MIGLIAIA DI IMPIANTI ABBANDONATI NELLE PERIFERIE.VERGOGNA!

    RispondiElimina
  35. Attenzione a quel che dice...cioe' che i cartelli sono quasi tutti in 1 e 2 municipio, con il loro nuovo piano ne toglieranno un po dai quartieri ricchi del centro e dei parioli e simili e lascieranno gli altri anzi li aumenteranno nelle periferie!!!!!!! Tanto ha detto che nelle periferie non ci sono!!! che faccia tosta incredibile.

    RispondiElimina
  36. Per chi non lo sapesse, dietro la S.r.l. "Nuovi Spazi" c'é la ditta "Nevada Pubblicità".
    Al numero di codice indentificativo 0066 della Banca Dati del Comune c'é scritto testualmente:
    NEVADA PUBBLICITA' (in corso procedimento di voltura a NUOVI SPAZI SRL).

    RispondiElimina
  37. BORDONI ? Fuori dai C....ONI !

    RispondiElimina
  38. storace in consiglio comunale ha tirato la cartellina in faccia a de luca, speriamo inizino a tirarsi i cartelloni 4x3 almeno ne togliamo un po!!!

    RispondiElimina
  39. Sono stufo di essere preso per il culo da questo individuo!!!!

    A casa!!!

    RispondiElimina
  40. la nevada mi pare ricordare che non fosse proprio a posto ai tempi della giunta veltroni.....Basta quindi mettersi la maschera e si continua a fare soldi ...Idem la MG quella dei cartelloni 6x3 ancora sotto sequestro che si è riciclata coi cartelli piu piccoli piazzati a centinaia e che ha ancora dei cartelli di OTTO metri per tre composti da due 4x3 attaccati, vedi sulla salaria prima dello svincolo per l'olimpica lato della vecchia torre salaria.

    RispondiElimina
  41. la csa si commenta sa sola!! come si fa a negare l'evidenza??? e sì che i cartelloni sono sotto gli occhi di tutti!!! INCREDIBILE!

    RispondiElimina
  42. Ma è proprio sicuro che LUI ha trovato il caos o per caso lo hanno fatto con LUI, mi sembra che fino a pochi anni fa 2/3 le rimozioni fossero state fatte a tappeto e molti pubblicitari anche arrestati oltre che i cartelloni coperti....... Cosa è cambiato oltre il colore politico della Giunta e il Sindaco?
    La legge è legge a prescindere dal colore politico, fino a quando si potranno continuare a sopportare i politici incapaci e bugiardi? vOTATELI....

    RispondiElimina
  43. Ma non trova pietà per se stesso uno che si rende così palesemente responsabile della decadenza della sua città??
    marko

    RispondiElimina
  44. Anonimo delle 12:02, una persona normale avrebbe il sentimento che descrivi così bene in poche righe...evidentemenete, qui ci troviamo di fronte a qualcosa di "nuovo"...povera Roma!!!

    RispondiElimina
  45. I camorristi cartellonari non si fermano..la scorsa notte hanno piantato un altro cartellone nell'aiuola spartitraffico in Via della Pineta Sacchetti angolo via S.Cleto Papa.
    Cari resistenti forse è giunta l'ora di far cantare MASSICCIAMENTE il frullino

    RispondiElimina