lunedì 31 maggio 2010

Non c'è vergogna

Più tardi aggiungiamo qualcosa in più su questo capolavoro dei nuovi impianti...



Il bilancio dei primi quattro mesi del 2010 del Settore Affissioni
SOSTITUITI IMPIANTI PUBBLICITARI S.P.Q.R
NEL PRIMO MUNICIPIO

Sopralluogo di Bordoni: «Via le strutture fatiscenti, più ordine e decoro»


L’Assessore alle Attività Produttive Davide Bordoni ha effettuato questa mattina un sopralluogo sul Lungotevere, dove continuano i lavori di sostituzione dei vecchi cartelloni pubblicitari S.P.Q.R. con impianti nuovi, omogenei e a norma di sicurezza.
Il programma di interventi di decoro urbano predisposti dall’Assessorato di via dei Cerchi in collaborazione con l’Ufficio Affissioni prosegue come da calendario illustrato a febbraio e ha interessato, in questa prima fase, la zona del centro storico. Dopo aver completato la sostituzione dei pannelli in via del Teatro Marcello e in via Petroselli, i lavori stanno andando avanti nella zona compresa tra Lungotevere Aventino, Lungotevere Cenci e Lungotevere in Augusta.
Continua, inoltre, l’azione di controllo sugli impianti non censiti dalla Nuova Banca Dati comunale ad opera della Polizia Municipale, attraverso il nucleo speciale del Gruppo Sociale Sicurezza Urbano. Da gennaio ad aprile 2010 sono stati elevati 1.153 verbali che hanno per oggetto cartelloni irregolari o collocati illegittimamente; sono inoltre stati sanzionati 3.688 manifesti abusivi. L’Ufficio Affissioni ha effettuato, fino ad aprile, 600 rimozioni.
«Questa Amministrazione ha avviato un profondo processo di riorganizzazione delle affissioni pubblicitarie - ha detto Bordoni – e stiamo proseguendo alla sostituzione dei vecchi impianti S.P.Q.R ormai fatiscenti e arrugginiti. In collaborazione con i Vigili Urbani abbiamo intensificato i controlli sul territorio comunale con l’obiettivo di sanzionare e rimuovere tutti gli impianti irregolari. In attesa del Piano Regolatore abbiamo inoltre dato il via al primo piano di razionalizzazione della pubblicità, partendo da Piazzale Clodio e riducendo in maniera sostanziale la presenza di cartelloni nell’area».

6 commenti:

  1. "stiamo proseguendo alla sostituzione dei vecchi impianti S.P.Q.R ormai fatiscenti e arrugginiti."
    -
    Sostituzione?!?
    Ma non l'avete ancora capito che gli impianti SPQR sono coperti di manifesti abusivi?
    Dovrebbero essere almeno la metà e poi, a che servono a Lungotevere Aventino?
    A niente.

    RispondiElimina
  2. ALEMANNO E BORDONI A CASA!!!! BASTA DANNEGGIARE ROMA !!!!!

    Mc Daemon

    RispondiElimina
  3. Ma cosa sono, poi, questi nuovi impianti ORRIPILANTI, fatti di tubolari gialli, che stanno venendo fuori, con scritto "circuito affissioni sindacali politiche" o qualcosa del genere? Ci mancavano pure questi.

    Roma sta diventando qualcosa di sempre più allucinante.

    M'auguro che la Magistratura faccia chiarezza

    RispondiElimina
  4. È chiaro che Bordoni ha qualche interesse personale a tirare avanti questa baracca. Qualsiasi altro amministratore dopo uno schifo del genere si sarebbe dimesso, invece lui continua imperterrito.

    Il problema è: come dimostrare che ha l'interesse privato a continuare questo scempio illegale?

    RispondiElimina
  5. un impianto di quelli gialli con scritto affissioni sindacali e che potrebbero essere impianti dove il comune mette la propria propaganda è stato piazzato letteralmente in mezzo allo stretto marciapiedi di via pinciana lungo villa borghese, una persona ipovedenti ci sbatte la testa e casca in terra...Mandare le foto a Guidi delegato per il sindaco agli handicap, io gli mandai diverse foto di cartelli che costituivano barriera architettonica e dopo pochi giorni ha protestato duramente sui giornali!!! La sua email la si trova sul sito comune di roma alla pagine H comune. Mandategli le foto dei cartelli piazzati in mezzo ai marciapiedi, di traverso, vicino le striscie pedonali e i percorsi per non vedenti!!! E' anche lui un portatore di handicap e ha avuto il coraggio di cantarla chiara e tonda!!!
    carlo

    RispondiElimina
  6. bordoni assessor dei cartelloni servitor di piu padroni... Non si dimette e come fa...ha paura e non gli conviene. Il suo "riordino" sta favorendo il business delle ditte e il moltiplicarsi di pubblicita con la scusa che sostituiscono i cartelli con altri e quelli che tolgono li ricollocano non li abbattono come da legge..Cosi moltiplica la pubblicità in tutta la città senza fine....
    VERGOGNA INTERVENGANO I CARABINIERI, SI STANNO MAGNANDO ROMA E LE SUE RICCHEZZE

    RispondiElimina