mercoledì 26 maggio 2010

A proposito di Maxxi, cliccate qui

Parliamone anche perché la qual cosa ci serve a comprendere il perché del diluvio di impianti comunali (quelli con la nuova livrea) che stanno nascendo in questi giorni in città. Non solo per sostituire i vecchi, ma anche e soprattutto in aggiunta. Servono forse al Comune per far pubblicità alle sue iniziative? Manco per sogno? Servono soprattutto agli attacchini per le loro comunicazioni abusive, ma ancor più serviranno quando il Comune deciderà di spossessarsi di quei metriquadri di impianti dandoli in gestione alle ditte. Come è successo in passato con impianti tipo quello che si vede in questo bellissimo reportage dell'ottimo Malaroma, marchiati SPQR ma gestiti dalle solite srl dei nostri stivali.
Per tutti i dettagli cliccate su Malaroma e vedete che robbba...

8 commenti:

  1. Il nuovo scempio sono i cartelloni SPQR.
    Sono quelli nuovi, stanno comparendo ovunque, servono solo ai manifesti abusivi!

    RispondiElimina
  2. Ma è uno SCANDALO!

    Il comune sta installando suoi vecchissimi cartelloni, a rischio della salute di chi li tocca, e che probabilmente cadranno al primo giorno di temporale - quindi sta mettendo a rischio la pubblica incolumità.

    Poi:
    - lo sta facendo coi NOSTRI SOLDI, gli stessi che dice di non avere quando gli chiediamo lavori di pubblica utilità.

    - lo sta facendo per compensare i privati (criminali) delle perdite che avranno quando il piano regolatore dei cartelloni ridurrà per forza lo scempio attuale. Cioè: tra un po' vi tolgo qualche cartellone, ma in compenso vi dò i miei per attaccare quasi gratise.

    SI TRATTA DI UN REGALO FATTO AI PRIVATI CON SOLDI PUBBLICI. Ripeto: REGALO. Il Comune può dare in gestione al privato alcuni servizi di pubblica utilità, come ad esempio curare i giardini, ecc, ma cosa c'entra la pubblicità? Dov'è l'utilità pubblica nell'affittare i cartelloni comunali ai privati?

    QUESTO È PEGGIO DELLA DELIBERA 37, È IL COMUNE CHE RISARCISCE I PRIVATI DOPO AVERGLI CONSENTITO DI VIOLARE LA LEGGE.

    vergogna.

    RiccardoMA

    RispondiElimina
  3. Basta abbaiare...si deve mordere!

    RispondiElimina
  4. comune e regione vanno in causa anche con le ditte incaricate. conducono la causa senza criterio alcuno, la perdono e risarciscono la ditta.

    la sensazione è del vicolo cieco

    RispondiElimina
  5. su repubblica sito web c'e' un articolo sulla inaugurazione di oggi del museo maxxi di via guido reni e si dice che c'e' stata anche la protesta contro cartellone selvaggio!!!
    carlo

    RispondiElimina
  6. Si, ci ha pensato Athos de Luca a sottolineare la vergogna di quel cartellone giallo della Nuovi Spazi (sempre in prima fila nella lista dei nemici del paesaggio romano) che dovrebbe diventare uno dei nostri bersagli preferiti fino a quando non lo toglieranno..un fuoco concentrico: manifestazioni, scritte con le bombolette, le dettagliate denunce di Bosi, non dobbiamo dargli tregua!!
    Pare che Ale-Danno non si sia fatto vedere..
    Forza ragazzi e grazie, ancora una volta, ad Athos de Luca!!
    CARTELLONIA DELENDA EST!!

    RispondiElimina
  7. De Luca

    estrema serietà, impegno, rigore, coraggio, coerenza, fermezza....

    GRAZIE, flebile ma sincero e commosso dal sudario di Roma ormai agonizzante, devastata dalle BARBARE ORDE CARTELLONARE dell'AleDAnno

    RispondiElimina
  8. Ezio dai Campi Catalaunici27 maggio 2010 22:17

    Anonimo
    non disperare: una piccola ma combattiva legione ha accettato la sfida criminale dei nuovi barbari.
    Arrota il gladio e serra la corazza!
    Avanziamo a testuggine contro gli avvoltoi che vogliono spengere la luce immortale di Roma!

    RispondiElimina