sabato 8 maggio 2010

Sono transitati degli eroi, in quel del Pantheon...




15 commenti:

  1. 300 volantini, eran giovani e forti, ma sono morti.

    300000 cartelloni, cartellini, orologi, false targhe stradali sono lì in tutto il Centro e sono vivi e crescono malgrado la gloria e il coraggio di pochi resistenti: li fa vincere

    il LUCRO malavitoso
    LA CONNIVENZA,

    ma, soprattutto
    L'I G N A V I A

    RispondiElimina
  2. Sere fa passando per via di campo marzio tra il parlamento e san lorenzo in lucina ho notato che ad ogni incrocio hanno piazzato cartelli addossati alle facciate dei palazzi, una vera indecenza da suk nel cuore pregiato di roma. Pure davanti l'entrata di palazzo borghese hanno piazzato il cartello. Altro che parole di comprensione del signor bordoni, assessore responsabile, la magistratura deve andare avanti e fino in fondo perche c'è gente che sta facendo soldi a palate sulla pelle della città, del decoro e della storia di roma che è patrimonio del mondo!
    Carlo

    RispondiElimina
  3. E' vero, Carlo, tra le schifezze tipiche di Roma ci sono i cartelli piazzati contro i muri del centro storico, col nome della Via per far finta che servano a qualcosa..

    RispondiElimina
  4. Esattamente come i famigerati cartelloni con OROLOGIO.

    Mi stra-auguro che la Magistratura faccia chiarezza.

    RispondiElimina
  5. Ma quelli stanno lì da almeno 10 anni...Ormai neanche la magistratura può fare niente, se vizio procedurale c'è stato.

    RispondiElimina
  6. No guarda, i cartelloni con orologio sono TRIPLICATI, solo su via Cola di Rienzo ne ho contati 25. Non ne parliamo su via Veneto, via del Corso... Nuovissimi, aggiunti, triplicati.

    E, ovviamente, moltissimi non rispettano le distanze ex artt. Cod. d. Strada.

    RispondiElimina
  7. Fra le zozzerie pubblicitarie abusive, voglio raccontarvi dell'ultima trovata delle agenzie immobiliari: attaccare il volantino cOn i dati degli appartamenti in vendita sui portoni dei palazzi!!!! ora mi sono davvero stufata!!! me ne hanno piazzato uno proprio sul vetro in cima al portone! per staccarlo dovrò salirci cn la scala! assurdo! CHE SCHIFO!

    RispondiElimina
  8. Per il benaltrista decennale così fan tutti: ricordo che l'orrore delle targhe stradali finte davanti a quelle in travertino del '700 è di uno squallore inaudito di rapido contagio tra l'indifferenza degli ignavi SOLO DA POCHI MESI ed è frutto della recente spartizione malavitosa della città. Solo a via del Corso ce ne sono 15, anche su chiese e facciate di palazzi prestigiosi tra cui ROSPIGLIOSI !!! Ma ra quotidiani e blog questa è la prima volta che vedo una foto di denuncia!!!!

    RispondiElimina
  9. A proposito, ma
    l'inflessibile SOVRINTENDENZA

    D O V E E' ????

    RispondiElimina
  10. I cartelloni in centro sono piccoli, costituiscono un problema relativamente piccolo, ci organizziamo in 5-6 e li andiamo a segare col frullino.

    RispondiElimina
  11. Giusto Riprendiamoci! Avanti con il boicottaggio
    Nessuna tregua ai nemici di Roma
    Oscuriamo la loro merda senza stare a sottilizzare: è troppo grave lo sfregio inflitto all'Urbe e io non voglio trattare coi criminali! Odio la loro arroganza, la loro prepotenza, la loro violenza..non è certo un problema usare le bombolette spray per colpire i loro cartelloni merdosi

    RispondiElimina
  12. Ripeto per i cartelloni piccoli c'è una soluzione più rapida:

    cospargerli di benzina e dargli fuoco, e poi attaccare (con lo scotch) un manifestino lì vicino con scritto "no cartelloni abusivi"

    se li tagli col frullino nessuno si accorge della scomparsa. con l'altro metodo il messaggio passa.

    RispondiElimina
  13. Come al solito, visto che si rema tutti dalla stessa parte (spero !) qualcuno pensa bene di buttarla in caciara, forse per salvare le precedenti giunte, mi viene maliziosamente da pensare.
    Bene, chiariamo subito: i cartelli 1 x 1 nel centro storico con il nome della via sopra, ex sipa o ex zangari (che poi è la stessa cosa, ovvero oggi la clear) stanno li da tempo immemorabile, alcuni credo dagli anni '80, tanto sono vecchi e arrugginiti, di sicuro hanno almeno una decina d'anni di vita, mediamente; aggiungo che gli stessi, nonché gli odiosi orologi, si vedono spesso addirittura nei film b/n degli anni 60, quindi la piaga è antica, anzi atavica, di certo non sono spuntati ora (il criterio di riconoscimento consiste nel guardarli lateralmente, dovrebbe esserci il segno della vecchia targhetta ottonata che si usava per le autorizzazioni negli anni 90 - inizio 2000)

    RispondiElimina
  14. Io remo da sempre nella direzione giusta, inoltre amo e conosco bene le architetture di Roma e quindi SO BENE DISTINGUERE I RECENTISSIMi E SFRONTATI obbrobri che sono stati spudoratamente messi in ogni via davanti o addirittura in linea con la vecchia targa in travertino del '700, degradando facciate barocche di Chiese e palazzi. E' merda fresca e si riconosce facilmente per la lucida plastificazione nera. Sono stati messi lì da pochi mesi, sicuramente non vuol salvare nessuna giunta precedente Google street, provare per credere. Ho buona e incazzata Memoria.

    RispondiElimina
  15. Bruciarli? Si, come no, così rimarrebbero in bella vista affumicati per decenni. Per non parlare dei fumi tossici sprigionati dalla fusione delle plance metalliche e del pericolo di estendere l'incendio a cose/edifici circostanti. Non siamo moderni Neroni, meno che mai dei degradatori. Se un cartellone è irregolare e viola una legge lo si frullina e via. Se è stato autorizzato da qualcuno poco importa, quel qualcuno era evidentemente incapace di intendere e di volere e/o incapace e basta. Ogni azione meritoria promossa dai cittadini che porti indubbio beneficio alla collettività (sempre nell'ambito del rispetto della legge) deve avere l'appoggio delle istituzioni. Il principio di sussidiarietà è sancito dalla Costituzione all'art.118. Non c'è spazio peri barbari a Roma.

    RispondiElimina