mercoledì 19 maggio 2010

Tutti a Piazza Volsino

Ci avevano già provato un mese fa (foto in alto) predisponendo dei profondi buchi nel marciapiede, ma poi avevano desistito.
L'altra notte, invece, sono tornati in azione e stamane gli studenti della scuola materna ed elementare "Mazzini" al quartiere Trieste si sono trovati davanti un maxi cartellone con il cemento dei sostegni ancora fresco, ma con già la pubblicità (Magnum Algida, va da se: siamo in estate quasi).
Il cartellone - installato in piazza Volsinio - è in palese violazione di diverse norme del Regolamento Comunale sulle affissioni: vicinanza ad altri cartelloni, vicinanza a semaforo e attraversamento pedonale, vicinanza a cassonetti, marciapede stretto, etc. etc.
Ma quel che è più grave e che per "far posto" abusivamente al nuovo maxi cartellone sono stati persino smontati degli impianti bassi che -pur osceni- questa volta fungevano da paratia di sicurezza per convogliare l'attraversamento dei ragazzi in entrata e in uscita da scuola.

I residenti del quartiere stanno organizzando un sit-in di protesta davanti al maxi cartellone per chiedere il rispetto della legalità. La riunione si terrà quest'oggi alle 13 e già si narra che il nostro uccellino preferito, il frullino, potrebbe tornare a cantare. Guardate le immagini, sono qualcosa di fuori da ogni immaginazione. Speriamo, nel pomeriggio, di potere documentare la liberazione civica di questo marciapiede. Che i cittadini si sveglino e abbattano questa porcheria. Durante il blitz sarà possibile firmare la Delibera di Iniziativa Popolare, chiedete in giro.


18 commenti:

  1. Hanno proprio rotto le palle, è ora che la giunta comunale tolga tutti questi schifo di cartelloni e se ne vada per MANIFESTA INCAPACITA' A GOVERNARE !

    RispondiElimina
  2. Altro sputtanamento sui giornali: dopo il Corriere arriva la Repubblica:

    http://roma.repubblica.it/prima

    Questi non lo hanno ancora capito, tra non molto vedranno con i loro occhi una massa critica manifestare contro la loro merda.

    RispondiElimina
  3. Praticamente in quel pezzo di marciapiede non si può più neanche passare! E' una muraglia senza soluzione di continuità! Ma non c'è mai nessuno che a questi qui li ferma e li prende a brutte parole? Tipo "a stronzo, levati, vattene!". Vogliamo la rissa, perché la rissa fa il nostro gioco! Con la rissa quel cazzo di ebete che abbiamo in campidoglio non potrà più starsene zitto se 10 cittadini compreso qualche operatore finisce all'ospedale con costole incrinate, ematomi vari e denti saltati

    RispondiElimina
  4. ovviamente all'ospedale ci finiranno loro e non noi.

    RispondiElimina
  5. Buona idea, mandare una email congiunta a tutti gli operatori del settore e al sindaco. Recitante le seguenti parole: il prossimo che becchiamo all'opera a distruggere la nostra città lo corchiamo di botte!

    RispondiElimina
  6. Oltretttutto gli impianti APA sono osceni, deturpanti e montati sempre nei posti strategici con la conseguenza di inorridire il territorio circostante. Guardate a Piazza della Repubblica ( DICO PIAZZA DELLA REPUBBLICA!!!) dove hanno avuto il coraggio di piazzare il loro maxischifo: tra l'Aula Ottagona ed il Grand Hotel...roba da piscacrci sopra!
    APA VERGOGNATEVI!!!
    Mc Daemon

    RispondiElimina
  7. La cosa pazzesca è questa: questi rimuovono impunemente cartelli preesistenti.
    Delle due: i parapedonali erano APA ?
    E dove li ricollocano ora ?
    Ma se non erano APA, io fossi il proprietario degli stessi, mi "incazzerei un pochino".
    Adesso comunque aspettiamo il solito legale dell'APA, le ventose per arrampicarsi sugli specchi glie le fornisco io, ok ?

    RispondiElimina
  8. Incapace di un Alemanno, levati dai coglioni!

    RispondiElimina
  9. APA AVETE ROTTO IL CAZZO!
    Non so se è chairo...

    RispondiElimina
  10. Ma una volta che ne avete menato uno che abbiamo risolto?

    RispondiElimina
  11. Stamattina (incrocio viale Pilsudski/via Flaminia) due operai Apa stavano bucando il marciapiede, sto per fargli una foto ma ecco arrivare un vigile, io ingenuo ho pensato ora li ferma e quindi proseguo. Non so perchè ma non mi sono mica fidato! Torno indietro, il vigile aveva ripreso a dirigere il traffico, i due operai erano ancora li a bucare. Mi fermo a parlare con il vigile il quale mi dice: " ho controllato sono in regola (in un'incrocio?), tolgono 3 cartelli e mettono questo (il famoso riposizionamento?), anche io sono stufo che la nostra bella città venga deturpata, poi il codice della strada è importante bla bla bla....tra poco le cose miglioreranno!" e conclude "poi c'è la crisi (!!!!!)". Che amarezza.
    Ludovico

    RispondiElimina
  12. Quel vigile a natale mangia gratis...? No, perchè a questo punto uno pensa che ha trovato il modo di superare "la crisi" a modo suo...

    RispondiElimina
  13. Magari gli hanno mostrato una foto della figlia imbavagliata con un coltello alla gola per convincerlo a desistere.

    RispondiElimina
  14. Ancora ricordo la lettera lamentosa della signora Paglia, amministratrice dell'APA, al Corriere della Sera in cui tuonava contro di noi che a suo dire diffamavamo una società seria e responsabile con decenni di esperienza sulle spalle. Ancora ricordo la diffida del suo legale che arrivò al titolare di questo blog.
    Ma gli SCEMPI vergognosi che l'APA continua imperterrita ad infliggere a Roma e ai suoi cittadini dimostrano solo una voracità di guadagno da raggiungere ad ogni costo, un disprezzo assoluto per le regole della convivenza civile, un'indifferenza totale verso i più deboli (anziani, bambini, portatori di handicap). In attesa che la Magistratura completi il suo lavoro affermo a voce alta di considerare l'APA un'associazione a delinquere che danneggia gravemente gli interessi della collettività e per questo mi sento legittimato a colpire i suoi impianti che offendono e sfregiano il paesaggio della mia città e calpestano il diritto dei cittadini alla sicurezza e alla bellezza.

    RispondiElimina
  15. Non so se già è stato segnalato ma poco distante, a Corso Trieste, ne hanno piazzato uno simile in mezzo all'aiuola spartitraffico, all'altezza di Piazza Istria. Così anche chi ci porta a spasso il cane è costretto a fare una sorta di limbo!!!
    Che schifo, il II Municipio è diventato peggio di un suk!!

    RispondiElimina
  16. ma possono fa sti lavori senza precauzioni

    coi frullini in mezzo alla strada ?

    RispondiElimina
  17. Loro possono farlo, hanno 50 anni di esperienza... criminale.

    RispondiElimina
  18. Roba anche da ispettorato del lavoro: non sono necessarie segnalazioni di lavori in corso? E se in quel tratto di strada fosse arrivato un motorino, uno scooter proprio mentre abbattevano i "parapedonali"? E specialmente, gli operai INDOSSANO I CASCHI REGOLAMENTARI? Dove sono gli abbigliamenti di protezione? Dove le speciali calzature? Dove le strisce di rifrazione sui vestiti per chi lavora in ambiente stradale?

    UNO SCHIFO TOTALE. Documentate e mandate alla Procura di Roma.

    M'auguro che la Magistratura faccia chiarezza.

    RispondiElimina