martedì 15 giugno 2010

Benvenuti a Cartellonia. Casalotti e altre storie




Appena si esce dal GRA direzione Casalotti si capisce subito che si è in territorio Cartellonia... Fra un platano e l'altro solo cartelloni... E fortuna che i platani sono di alto e largo fusto, altrimenti ci sarebbero molti più cartelloni... Prima dell'inizio della salita per Casalotti, alla nostra sinistra si può ammirare la "collina dei cartelloni". Una ventina di impianti uno attaccato all'altro, come una Grande Muraglia che ti accompagna verso Casalotti... Infatti, nella salita che porta alla borgata, non documentato dalle foto, si contano su entrambi i lati della strada, in un centinaio di metri, un'altra ventina di impianti, alcuni anche di grandi dimensioni (due 4 x 3 affiancati). Uno schifo abominevole. Se invece dalla Boccea si vuole prendere il GRA nella direzione Aurelia, si possono ammirare, oltre al retro di tutti i cartelloni della collina prima citata, anche un bel cartellone spuntato proprio sotto il grande cartello delle indicazioni stradali. Una bella confusione di messaggi ai nostri occhi... Che ne dite???
F. F.

17 commenti:

  1. Ho i conati di vomito, queste bestie devono pagare

    RispondiElimina
  2. mi chiedo ma i commercianti e le ditte che hanno pagato e commissionato la loro pubblicità ai cartellonari, lo sanno che hanno speso soldi per niente visto che un mucchio tale di cartelli uno sopra l'altro non permette di notare manco una sola pubblicità??? Creano solo fastidio all'occhio e alla mente? Cioe' pubblicità negativa, positiva solo per il cartellonaro che si ruba i soldi del commerciante. Cari commercianti se leggete il blog spargete tra voi la cosa..state buttando soldi, non è cosi che si fa pubblicità.
    carlo

    RispondiElimina
  3. E' la mentalità provinciale e caciottara del romano medio, pensare che basti replicare in serie il nome del proprio negozio o del proprio prodotto per avere più clienti. In realtà la pubblicità sui cartelloni i romani nemmeno la vedono più tanto sono bombardati e la gente è talmente esasperata che a breve finirà per maledire le aziende stesse che danno mercato a questa mafietta. E se la barbara pratica ha ancora una sua convenienza economica, questa basta appena a racimolare qualche spiccioletto in più, una pagnotta, un piattino di pasta e fagioli. E così per un piatto di minestra devastano Roma. Come alternativa alla pubblicità selvatica, al commerciante affamato suggerirei di fare un salto alla Caritas. Lì son sempre propensi a fornire pasti caldi confezionati a chi ne fa richiesta.

    RispondiElimina
  4. Ottima l'idea delal Caritas. Una buona alternativa per il romano affamato.

    RispondiElimina
  5. mi vergogno di stare a Roma

    RispondiElimina
  6. Se volete metto a disposizione la mia cucina per offrire un pasto caldo ai commercianti che non arrivano alla fine del mese.

    RispondiElimina
  7. Se fate le pennette alla puttanesca vengo pure io. Non uso i cartelloni per farmi pubblicità ma è ora di pranzo e m'è venuta fame. Accettate un imbucato?

    RispondiElimina
  8. http://www.lavocedelnordestromano.it/politica/2010/06/14/strappati-i-manifesti-con-cui-la-sinistra-puntava-il-dito-sulle-troppe-spese-per-feste-sagre-e-parquet-%E2%80%9Callarmante-escalation-di-intolleranza%E2%80%9D/

    Leggetevi questa

    RispondiElimina
  9. Mo je faccio na scureggia e li butto giù come birilli!

    RispondiElimina
  10. Ma è pazzesco quell'articolo!

    "Allarmante escalation di intolleranza a Fonte Nuova".... "sono stati stracciati i manifesti affissi recentemente sui muri della città"... "incivile atto, lesivo della libertà d'espressione e d'informazione".... MA SIAMO ALLA FOLLIA!!!!

    Ben venga chi strappa manifesti attaccati ai muri, di qualsiasi colore politico essi siano.

    RispondiElimina
  11. Rip..e se per ipotesi i commerciati avessero ricevuto un "consiglio che non si può rifiutare"
    di sottoscrivere contratti con certe imprese cartellonare..per te sarebbe fantascienza?
    Pensaci..questo spiegherebbe perchè accettino una pubblicità così cafona, invadente e controproducente..

    RispondiElimina
  12. http://www.youtube.com/watch?v=4ZxnUzReZzI

    RispondiElimina
  13. Ah, come no, la testa di cavallo. Un classico

    RispondiElimina
  14. Gli amici di Alecazzo:

    http://www.corriere.it/cronache/10_giugno_15/rizzo-furbi-condono-roma_e5cd8b70-783d-11df-9d05-00144f02aabe.shtml

    Condoni e scempi edilizi anche a Fontana di Trevi. La città in mano ai peracottari.
    NO al governo dei condoni, NO al sindachello dei cartellonari.

    RispondiElimina
  15. che Scempio del paesaggio ! roba da criminali !

    RispondiElimina
  16. Questa zona di Roma Nord è ancora molto verde, selvaggia e pulita....è proprio un peccato che la bellezza dell'area sia deturpata da cartelloni che proseguono uno accanto all'altro impedendo agli occhi di godere del panorama...Stimo ed ammiro le persone che si impegnano volontariamente in una iniziativa sociale come questa per il bene dei cittadini romani.

    RispondiElimina