mercoledì 16 giugno 2010

Bosi-segnala: a proposito di favelas di Sao Paulo, come hanno ridotto Piazza Brasile?



Si trasmette in allegato la planimetria della zona di Piazzale Brasile con evidenziati i seguenti 8 impianti di mt. 1 x 1 che vi risultano installati e di cui si allegano anche le rispettive foto:
1) cartellone installato sul ponte sopra il Viale del Muro Torto dalla ditta MG ADVERTISING successivamente al 31/12/2009, che porta il numero di codice identificativo 0056/AZ848/P (senza indicazione della località);
2) cartellone installato sul fronte opposto del ponte sopra il Viale del Muro Torto dalla ditta G.I.P. GESTIONE IMPIANTI PUBBLICITARI S.R.L., che porta il numero di codice identificativo 0107/BP548/P;
3) cartellone installato in Corso d'Italia all'altezza del civico n. 3 dalla ditta PUBBLICITA' ZANGARI, che porta il numero di codice identificativo 0050/AK778/P;
4) cartellone installato a fianco del precedente dalla ditta GRUPPO ODP PUBBLICITA', che porta il numero di codice identificativo 0079/AR014/P (senza indicazione della località);
5) cartellone installato a fianco del precedente sempre dalla ditta GRUPPO ODP PUBBLICITA', che porta il numero di codice identificativo 0079/AR015/P (senza indicazione della località);
6) cartellone installato in Piazzale Brasile all'altezza dell'inizio di via Pinciana dalla ditta STUNT PUBBLICITY S.R.L., che porta il numero di codice identificativo 0012/BO297/P;
7) cartellone installato in Piazzale Brasile (a 30 metri dall'ingresso di Villa Borghese) dalla ditta STUDIO ZETA PUBBLICITA' S.R.L.. che porta il numero di codice identificativo 0112/BO296/P;
8) cartellone installato in Piazzale Brasile dalla ditta MORETTI PUBBLICITA' S.R.L., che porta il numero di codice identificativo 0023/AC697/P.

Si fa presente che il 1° comma dell'articolo 18 del Regolamento approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 37/2009 dispone che "é vietata la collocazione di impianti e mezzi pubblicitari nei seguenti siti....: ... e) a meno di cinquanta metri da ambedue i lati delle Mura Aureliane".

Si evidenzia che l'ultimo degli impianti suddetti (con codice 0023/AC697/P) é stato installato a 35 metri dall'ingresso del fronte opposto all'altezza del civico n. 1 di Piazzale Brasile, che è un piccolo ingresso che porta dentro le Mura Aureliane, da cui risulta essere il più distante rispetto a tutti gli altri 7 impianti: ne deriva che tutti gli 8 impianti risultano installati in violazione del suddetto divieto del Regolamento comunale.

Si mette altresì in risalto che lo stesso articolo 18 sopra richiamato prescrive anche il divieto di "collocazione di impianti e mezzi pubblicitari nei seguenti siti....: ... c) parchi pubblici e ville storiche nonché le vie che delimitano il perimetro di queste...;
h) aree in consegna al Servizio Giardini già attrezzate a verde>>: ne deriva che tutti gli 8 impianti risultano installati in violazione anche dei due suddetti divieti del Regolamento comunale, perché sono ubicati sul Piazzale Brasile che delimita il confine di Villa Borghese.

Se ne chiede pertanto l'immediata rimozione ai sensi del comma 13-bis dell'art. 23 del Codice della Strada, senza possibilità alcuna di ricollocazione dei medesimi impianti in altra parte della città, a maggior ragione perché dal 1 gennaio 2010 non risulta essere stato concesso alcun rinnovo delle autorizzazioni: l'eventuale loro ricollocazione in altra parte della città spetta al Piano Regolatore delle Affissioni che risulta essere in corso di redazione e che verrebbe condizionato da autorizzazioni concesse anticipatamente dal Servizio Affisisoni, anche se temporanee della durata di 1 anno, rilasciate ai sensi del comma 14 dell'art. 34 del Regolamento .

Si resta in attesa di un cortese riscontro scritto, che anche se per via telematica si richiede comunque ai sensi degli articoli 2, 3 e 9 della legge n. 241/1990.

Distinti saluti.

Inviato da VAS - Verdi Ambiente e Società a segnalazioniaffissioni@comune.roma.it il 9-6-2010

30 commenti:

  1. Ma mi chiedo (e chiedo a Bosi): c'è mai stato fino ad ora un riscontro da perte del Comune rispetto a queste puntuali denunce?
    Hanno mai risposto?

    Ottimo lavoro, comunque. Grazie.

    RispondiElimina
  2. a bosi ma non ciai un cazzo da fa' tutto il giorno.......

    RispondiElimina
  3. Anonimo va a toje un pò de cartelloni va..che tra poco te li buttamo giù
    Cominciate a strigne eh?
    Massacratori di Roma..inutile offendere la gente perbene, non ci intimidite..

    RispondiElimina
  4. BOSI SEI UN GRANDE CONTINUA COSI' ...QUESTI FOTTUTI BARBARI FACCE DI MERDA NON VINCERANNO!!!!!

    RispondiElimina
  5. anonimo che scrivi VAS fascisti secondo me hai battuto la testa contro qualche cartello posto in mezzo ai marciapiedi. Oppure sei un cartellonaro o aspirante tale o uno del comune che coi cartellonari ce magna..

    RispondiElimina
  6. perchè coi cartellonari LORO ce magnano...cosi come ce magnano coi parcheggiatori abusivi che sono invisibili ai vigili urbani cosi come sono invisibili ai vigili gli ambulanti abusivi o semi abusivi. Ve la ricordate striscia la notizia nella quale si dimostrava che gli ambulanti abusivi si coordinano coi vigili disonesti nel senso che danno la percentuale ai vigili disonesti e vengono avvisati quando se ne devono andare per non incorrere nella retata..???? Ovviamente sto parlando di disonesti e il corpo dei vigili urbani di certo non lo è se no staremmo anche peggio.

    RispondiElimina
  7. BORDONICARTELLONI: DIMETTITI
    ALEDANNO: VAI A FARE POLITICA CHE COME SINDACO HAI FALLITO, SEI COMPLICE DEI PARCHEGGIATORI ABUSIVI

    W I MAGISTRATI - W LE FORZE DELL'ORDINE

    RispondiElimina
  8. a proposito del brasile.. guardate qual'è stata la politica comunale di san paolo, contro lo sfregio estetico della pubblicità in città :
    http://www.travelblog.it/post/9791/brasile-san-paolo-contro-linquinamento-visivo
    m. mariani

    RispondiElimina
  9. Ma certamente, anche a Brazil stanno meglio di noi. Noi stiamo PEGGIO DELLE FAVELAS BRASILEIRE!!
    Che città di merda, ma perchè il sindaco non se ne va affanculo?

    RispondiElimina
  10. All'anonimo delle ore 1,02 faccio presente che ha dato dei "fascisti" a quelli di VAS sicuramente perché chiedono il rispetto di 2 leggi che ha fatto fare il Duce nel 1939,una (la n. 1089) a tutela dei beni archeologici e del patrimonio storico-monumentale,l'altra (la n. 1497) a protezione delle bellezze panoramiche del nostro paese.
    Restando sull'accostamento, a Morgestern delle ore 0,09 faccio sapere che a tutt'oggi mi é stato risposto in modo dilatorio solo dalla Segreteria dell'Assessore Bordoni, ma se da qui a breve non verranno rimossi gli impianti illeciti o comunue abusivi, di tutte le segnalazioni di VAS farò un bel "fascio" per allegarle ad un esposto-denuncia che chiederà di accertare tutte le eventuali omissioni di atti dovuti d'ufficio.
    Quanto all'anonimo delle ore 0,51 che (usando il suo stesso forbito linguaggio) non gliene frega un cazzo delle bellezze panoramiche di Roma né dello Stato e della Regione Lazio che le hanno volute vincolare, faccio presente che battersi per il rispetto delle leggi che ci siamo dati non significa affatto non avere un cazzo da fare tuto il giorno, ma si chiama "democrazia partecipata" che richiama direttamente la "politica" ai suoi doveri.
    Ne deriva che caso mai é proprio questo anonimo che all'una circa di notte non ha un cazzo da fare e non trova niente di meglio da fare che scrivere quello che ha scritto, in modo quanto meno comodo (per non dire di peggio), perché si copre dietro l'anonimato, che ho rinunciato invece ad usare per rispondergli.

    RispondiElimina
  11. BOSI SIAMO TUTTI CON TE!!!

    Queste facce di merda che hanno devastato la nostra (certo non loro) pagheranno tutto.

    Mc Daemon

    RispondiElimina
  12. ... la nostra città, ovviamente

    Mc Daemon

    RispondiElimina
  13. Rodolfo, grazie per la risposta.

    RispondiElimina
  14. Bravo Rodolfo..
    "democrazia partecipata"..ma chissà se l'australopiteco che tenta vanamente di sminuire la serietà del tuo e nostro impegno può arrivare a comprendere il significato di una tale nobile espressione.
    Probabilmente ha postato qui tra una riproposizione di qualche rissa stile "uomini e donne" o un'intervista a Fabrizio Corona e Lele Mora, le icone viventi della deriva umana e culturale di questo paese, esempi di un degrado della civiltà e dell'uso del mezzo televisivo per abbrutire i gusti di intere generazioni..ecco perchè non si accorgono del degrado..La notte successiva al terremoto di L'Aquila, oltre a quelli che sghignazzavano pensando ai profitti in arrivo, c'erano (dicono..) 10 milioni di italiani rapiti dalla finale del Grande Fratello, capito?
    Sei un grande, certe scureggette prodotte da cervelli inutilizzabili non meritano neanche un attimo del nostro tempo prezioso

    RispondiElimina
  15. Caro Bosi non si preoccupi per il cretino di turno magari prezzolato che fa vergognare questo Paese di esistere in quanto lontano anni luce da una cultura di società civile che Paesi molto meno abbienti del nostro invece stanno sviluppando e grazie a ciò tra qualche anno ci manderanno a lavare i cessi con un calcio in culo vendicandosi giustamente per esserci creduti dei padrieterni solo perchè avevamo qualche euro piu' di loro. Grazi quindi a chi cerca di far crescere questo nostro Paese in mano al malaffare, alla corruzione, alle finte privatizzazioni e alla finta meritocrazia degli imbucati in giacca e cravatta ma pur sempre imbucati e ladri.
    carlo

    RispondiElimina
  16. inoltre, chiedere il rispetto di leggi ancor oggi attualissime risalenti all'epoca fascista non significa essere fascisti ma essere intelligenti, in quanto la tutela del paesaggio e dell'ambiente con la sua storia e cultura significa salvaguardare la principale nostra ricchezza contro i furbi bancarellari, cartellonari, palazzinari che si stanno mangiando Roma e la sua ricchezza con la complicità di chi dovrebbe amministrare la città nell'interesse collettivo, una azione sociale come promise il Sindaco, promessa per ora svanita nel nulla...
    Carlo

    RispondiElimina
  17. E comunque qualcosa si muove, di malavoglia, a fatica ma sono costrattei a muoversi... a via del quadraro (area del parco dell'appia antica), i 4x3 segnalati da Bosi SONO STATI RIMOSSI. Unica eccezione il 6x3 sotto sequestro da anni che rimane intoccabile (non si capisce perchè!) e un cartello che NON AVEVA l'identificativo.
    Se ogni segnalazione ci mette anche mesi, ma va a buon fine, è una piccola battaglia vinta.
    Fix

    RispondiElimina
  18. Mi sa che i 6x3 sequestrati sono bloccati da ricorsi su ricorsi.

    RispondiElimina
  19. Riguardo al cartellone di mt. 6 x 3, che é posto sotto sequestro e che non é stato rimosso assieme agli altri installati su via del Quadraro,faccio presente quanto mi ha datto la stessa Direttrice dell'Ente Parco dell'Appia Antica, Dott.ssa Alma Rossi, e cioé che per essi si allungano i tempi burocratici necessari alla rimozione, perchè occorre attendere il decreto di dissequestro penale da parte dello stesso Giudice che l'ha fatto sequetrare.
    Di certo comunque un impianto posto sotto sequestro non consente alla ditta titolare di continuare a farsi pagare la pubblicità.
    Quanto invece al cartello che non é stato rimosso, benché senza numero di codice identificativo, le ragioni possono essere legate alla lettera-diffida trasmessa dal Comune, a cui la Ditta deve essersi opposta con delle motivazioni che il Servizio Affissioni sta ancora valutando, consentendo così di fatto il prosieguo di una pubblicità irregolare dove non é sicuramente consentita per legge.

    RispondiElimina
  20. Personalmente non attacco minimamente il signor Rodolfo Bosi, che si muove nel rispetto delle più elementari leggi del viver civile. Ma rimango sconcertato dai gregari come Carlo e altri che non ricordo neanche il nome.
    Ma come vi permettete di considerarvi degli eroi se probabilmente non siete neanche in grado di esprimere un voto senza il suggeritore ?
    Democrazia partecipata ? oggi su repubblica c'è un bell'articolo sulla democrazia, pagina cultura....non la conoscete vero ?
    Che dire, scendete dal pulpito perchè non avete proprio niente da insegnare a nessuno !
    L'unica cosa che mi dispiace è che il signor Bosi non interviene quando minacciate di morte altre persone , quando chiamate mafiosi persone che lavorano tutto il giorno. Ma forse è meglio cosi, sicuramente prima o poi commetterete qualche reato grave e lì cadrà tutto il vostro castello.
    PS
    parlo di reati perchè è da un pò che mirate a farli ...specie il vostro capo. Capiterà....facciamo come il cinese e aspettiamo .

    RispondiElimina
  21. Caro anonimo delle 20:54, se tu sei contento di vivere in una città che ormai è divenuta un pisciatoio per colpa di una minoranza affarista, prepotente e che non ha miminmamente idea di cosa voglia dire convivenza civile ma anzi si ritiene al di sopra di tutto e tutti (se la parola MAFIA non è adatta a descrivere questo modo di vivere, allora aiutaci tu a trovare un termine-forse ti sarà d'aiuto la pagina culturale di Repubblica...) non è detto che dobbiamo pensarla tutti come te!
    Saluti

    Mc Daemon

    RispondiElimina
  22. una minoranza affarista, prepotente e che non ha miminmamente idea di cosa voglia dire convivenza civile ma anzi si ritiene al di sopra di tutto e tutti (se la parola MAFIA"

    la parola mafia è adatta a descrivere tutto ciò....! Giuro, quando leggevo ho pensato subito a voi : una minoranza affarista che non ha minimamente idea di cosa voglia dire convivenza civile ma anzi si ritiene al di sopra di tutto e tutti ! ma questo è tonelli ! Ma questo è tonelli !
    Anzi ti invito ad aggiungere l'odio per la democrazia (più volte esposto e motivato dal vostro capo).

    RispondiElimina
  23. democrazia non è devastare una città per far guadagnare pochi.

    Lo capisci o hai bisogno di ulteriore semplificazione ?

    Mc Daemon

    RispondiElimina
  24. e cmq qui ognuno è capo di se stesso.

    Non provare a buttarla in caciara come fai sempre.

    RispondiElimina
  25. Ancora perdete tempo con questo stronzo?

    RispondiElimina
  26. L'anonimo delle ore 20,54 mi rinfaccia di non intervenire quando su Cartellopoli vengono minacciate di morte altre persone: lo invito ad andarsi a leggere quanto ho scrito alle ore 1,54 dello scorso 8 maggio a commento del post "rassegna stampa" pubblicato il 7.5.2010.
    Ad ogni buon fine gli riporto il seguente passo di quel commento, riferito al fatto che nel volantino delle delibera di iniziativa popolare é riportato l'elenco di coloro che l'hanno promossa.
    Dal momento che nell'elenco figura anche l'associazione Verdi Ambiente e Società (VAS), in termini sia personali che come responsabile della suddetta associazione ambientalista,a cui interessa molto di più reprimere qualunque tipo di abuso commesso in danno del territorio, prima ancora di mandare in galera chi se ne é reso responsabile, mi dissocio totalmente da chi esulta per un incidente d'auto e machiavellicamente si augura la morte di qualcuno, pur di "dimostrare" le sue buone ragioni, che sono diverse e comunque del tutto opposte alle mie.
    A dimostrazione di questo porto a conoscenza del fatto seguente.
    Dell'incidente del SUV in Via del Tintoretto mi ha dato notizia in anticipo lo stesso giornalista Claudio Marincola che mi ha contattato nel corso della Conferenza Stampa dopo il mio intervento per avere da me alcune ulteriori informazioni: ho immediatamente chiesto al giornalista di darmi i particolari dell'incidente per farne oggetto di una formale segnalazione al Sindaco, all'Assessore Bordoni ed al Direttore Paciello e per conoscenza alla Procura delle Repubblica, con invito-diffida a rimuovere immediatamente non solo i 2 tralicci di via del Tintoretto, ma tutti quelli che mettono a rischio la vita delle persone.
    Dal momento che per Statuto della associazione che rappresento sono chiamato a difendere gli interessi diffusi riconosciuti dalla stessa legge n. 241/1990 (art. 9), il mio preciso dovere di fronte a casi simili é quello di cercare di PREVENIRE, non solo per evitare che si ripetano tali incidenti, ma anche e soprattutto per cogliere al volo l'occasione per mettere all'angolo l'Amministrazione Capitolina e stimolarla ad una sollecita rimozione.
    Cosa che mi riprometto di fare quanto prima.
    Sempre per informazione di questo anonimo, a nome di VAS ho poi trasmesso alla Polizia Stradale una lettera riguardante l'incidente avvenuto allo Scalo S. Lorenzo, oltre a quello su via del Tintoretto.

    RispondiElimina
  27. Rodolfo Bosi non regali perle ai porci.
    L'anonimo provocatore che da mesi viene qui a insultare, ad affibbiare patenti di scarsa democrazia, a tracciare ridicoli profili psicologici dei blogger senza averne mai conosciuto uno di persona, a fare lezioni di democrazia a persone che stanno sacrificando disinteressatamente tanto tempo solo per passione civile, a capovolgere la realtà (tecnica nazi-berlusconiana collaudata ma ormai stantia) per cui i violenti saremmo noi che al massimo scriviamo "abusivo" con la vernice sui cartelloni e non chi sta saccheggiando senza pietà e senza rispetto per nessuno, neanche i ciechi e gli handicappati,tutto il territorio, mura aureliane e insigni monumenti compresi.
    Ieri ho appellato questo personaggio come STRONZO e lo confermo oggi.
    Questo squallido personaggio non vuole dialogare, non vuole esprimere un legittimo dissenso argomentandolo, vuole solo gettare fango sulle persone che stanno impegnandosi in questa battaglia, calunniando e diffamando protetto da un comodo e vigliacco anonimato.
    Nel rinnovarle la stima per la sua preziosa opera di documentata denuncia la saluto calorosamente!

    RispondiElimina
  28. Ok andiamo a montare un pò di cartelli...

    RispondiElimina
  29. aderisco all'appello di Fitz...condivido: quel tipo anonimo è uno STRONZO poveraccio psicolabile ed in cerca di elemosina cartellonara..
    carlo

    RispondiElimina