mercoledì 2 giugno 2010

Ci mancava solo il lenzuolo bianco...



Siamo un paese in cui se tira le cuoia un cristiano, magari per strada o in metropolitana, la gente gli passa sopra facendo finta di niente. E non succede solo a Napoli. Siamo il paese dell'indifferenza, della latitanza degli enti preposti al pubblico controllo e, soprattutto, alla pubblica sicurezza. Siamo il paese in cui la dignità della persona non c'è semplicemente più, neppure formalmente.


Ma se muore un cartellone, signori. Diventa più sacro di una persona, più degno di rispeto, di tutela, di attenzione.


Guardate questo pezzo ignobile di Secondo Municipio -già da noi immortalato- dove (abusivamente a fianco di Villa Ada) un cartellone s'è sconocchiato al suolo casualmente proprio dopo la nascita di un altro cartellone adiacente e più grande.


Lo hanno rimosso? Lo hanno buttato via brutto com'è? Hanno finalmente colto l'occasione per liberare un pezzo di marciapiede dal recinto cartellonaro unico al mondo? Niente affatto: hanno cicoscritto la "zona del delitto", hanno intabarrato tutto di fettuccia. Come ci fosse stato un attentato. Come se fosse stata uccisa una persona rispettabile, degna di essere tutelata. Tra un po' arriveremo a fare, in chiesa, anzi in Cattedrale, in funerale dei cartelloni caduti. Amen.

9 commenti:

  1. Ma quest'apa continua ad installare cartelloni pubblicitari adiacenti ad una villa storica come villa Ada?

    Ma nel divieto, LE AUTORITA' E LA MAGISTRATURA QUANDO INTERVIENGONO?

    M'auguro che la Magistratura faccia chiarezza.

    RispondiElimina
  2. "Intervengono", scusate per l'errore di battitura. Parrebbe non ci crederci persino la mia tastiera ad un AUSPICATO intervento in tempi brevi.

    RispondiElimina
  3. asgard..te lo ripeto.
    Solo la sana rivolta popolare dei romani potrà respingere l'orda barbarica assetata di bottino piombata come stormo di avvoltoi sull'Urbe.
    Vatti a vedere le foto su Repubblica.it di quello che Ale-Danno ha autorizzato,RIVENDICANDOLO, al Circo Massimo.
    Per questo incredibile personaggio la tutela dello straordinario patrimonio storico-archeologico si chiama IMMOBILISMO.
    Capito chi è il sindaco di Roma?
    Uno che vuole trasformare il centro storico in macchina dello spettacolo permanente, un divertimentificio tipo Las Vegas.
    Buon sangue non mente..i suoi predecessori in camicia nera chiamavano gli intellettuali "il culturame"..e non sono cambiati asgard..ricorda le facce stravolte e le teste rasate che facevano il saluto romano con gli occhi di fuori il giorno della sua elezione: fu il loro biglietto da visita.
    Pensi che a questa gente possa importare qualcosa della Bellezza, dell'Armonia, della Storia? Al Circo Massimo i cartelloni li hanno messi già da tempo...e anche davanti al Tempio di Ercole..vai a farti un giro e vedrai la loro indifferenza/complicità cosa ha generato.
    E pensare che cantavano l'inno a Roma questi buffoni!

    RispondiElimina
  4. E questa è la Polizia Municipale, fanno 'ste core pure al Colosseo che ve credete? A pascolare i bovini devono andare!

    RispondiElimina
  5. Pare che l'invasione cartellonara si stia affievolendo. Ormai i marciapiedi sono saturi e non c'è quasi più spazio per nuove istallazioni. Almeno fino a quando non si darà il via libera all'invasione barbarica del centro storico (ma li andremo in strada con le mazze da baseball, se solo si azzardano scateniamo il finimondo!). La cricchetta cartellonara sta mangiando gli ultimi rimasugli del rancio gentilmente offerto dal duo Alecazzo-Bordone. Se stanno a fà la scarpetta, se stanno a ciuccià le dita zozze de sugo.

    RispondiElimina
  6. Anonimo delle 18.47
    guarda che l'assalto al Centro storico è iniziato da tempo.
    Certo non hanno ancora osato piazzare un 4x3 davanti al Colosseo, ma, come documentato qui, a Via Veneto ci sono 70 (settanta!!) 1x1 che la sera sono tutti illuminati (uno spettacolo tragicomico degno di una baraccopoli..IN VIA VENETO...).
    Hanno piazzato da mesi cartelli pubblicitari davanti al Tempio di Ercole e S.Maria in Cosmedin e al Circo Massimo (che stanno sventrando con le ruspe per la buffonata del beach volley..!!!), un assurdo 1x1 Pitran (e chi se no?..) è piazzato davanti all'ingresso dell'edificio del 600 dell'ospedale S.Giovanni, le vie del centro sono stracolme di orologi farlocchi e falsi cartelli segna-strada (anche a due passi dal Pantheon)..continuo?
    Non ho ancora visto nessuno usare le mazze da baseball ma se volete farlo avvisatemi.
    Io non ne posso più di tanta violenza contro Roma

    RispondiElimina
  7. Altra mazza da baseball volontaria pronta ad unirsi !

    ALEMANNO E BORDONI A CASA!!! BASTA DANNEGGIARE ROMA!!!

    Mc Daemon

    RispondiElimina
  8. Le mazze da baseball chiaramente sono da usare sui cartelloni.

    RispondiElimina
  9. Ale-Danno VATTENE3 giugno 2010 08:47

    molto meglio le mazzette da muratore..fidatevi

    RispondiElimina