sabato 5 giugno 2010

Il Comitato per la Bellezza nella Città del Brutto

Le parole di Vittorio Emiliani del Comitato per la Bellezza in una agenzia di qualche giorno fa ci fanno riflettere su due questioni. La prima questione è che siamo riusciti -ormai definitivamente- a porre il problema dei cartelloni all'attenzione di tutti. Ormai quando si parla di degrado, è obbligatorio fare cenno anche ai cartelloni. E questo è un primo passo verso la risoluzione del problema che, prima della nostra azione martellante, semplicemente non era considerato un problema. Ci pare roba non da poco. Anzi!!!
La seconda questione riguarda Francesco Giro. Siamo convinti che non conti nulla la destra, il centro, la sinistra. Siamo convinti che conti solo chi ha a cuore o chi non ha a cuore il territorio che amministra. Siamo convinti solo che conti la buona o la cattivissima fede. E' per questo che vi domandiamo, ad esempio: se uno come Francesco Giro fosse stato sindaco di Roma, lo scandalo-cartellopoli sarebbe stato plausibile? Secondo noi assolutamente no.
E' proprio per questo che sollecitiamo Giro e tutto il Ministero dei Beni Culturali a muoversi in forze contro la mafia cartellonara, contro il Comune di Roma, contro l'Assessorato al Commercio e contro l'Ufficio Affissioni. Altrimenti, caro Giro, visto che pensiamo bene di te, ci farai ricredere.
Poiché è inaccettabile che tu ti schieri -giustamente- con durezza contro il sindaco reo di avere autorizzato una burinissima discoteca in mezzo a Villa Borghese e non ti accorgi che a due passi da quella discoteca lo stesso sindaco ha autorizzato qualche dozzina di cartelloni abusivi. Giro, non ci prendere in giro!

7 commenti:

  1. non offendiamo gli zingari, loro per quanto zingari sono piu' ordinati, puliti e decorosi di chi governa roma e di coloro che li appoggiano.
    Oggi sono andato al maxxi, il famosissimo cartellone nuovi skazzi sta sempre li, ma quello è niente...percorrendo via guido reni in direzione dell'auditorium all'incrocio con viale tiziano c'e' un muro di cartelloni che nasconde totalmente il palazzetto dello sport, opera pregevole di Pierluigi Nervi. Una vergogna. In centro storico a corso vittorio emanuele la APA ha piazzato in mezzo alla carreggiata un duexdue subito prima dell'incrocio col lungotevere, uno scandalo marchiato SPQR (cosi sta scritto sull'orrido impianto pieno di manifesti semistaccati). Magistratura rimuovili (l'assessore e i suoi "amici").

    RispondiElimina
  2. ALEDANNO SINDACO DEI CARTELLONI - BORDONI SERVITOR DI DUE PADRONI

    RispondiElimina
  3. Francesco Giro, vuoi attaccare Alemanno?

    E allora FALLO sui cartelloni, stanno dovunque, davanti ai monumenti, nei parchi, nelle finestre della gente!

    Su quello è indifendibile, martellalo senza pietà! E un bell'accenno ai camion bar non ci starebbe male.

    Se il risultato è abbellire la città ti voto.


    Un amico.

    RispondiElimina
  4. Francesco Giro è una persona seria e pratica, speriamo in lui perche' questa storia dei cartelloni, l'arroganza delle ditte e la connivenza del Campidoglio che per bocca del suo assessore prende per i fondelli i cittadini con le sue frasi "ah ma come non lo hanno ancora rimosso???" sta facendo fare una figura di cacca a tutto il centrodestra. Altro che nuova Italia... A Roma possiamo dire che il centrodestra (e non solo per i cartelloni) è suonata la campana dell'ultimo....Giro !!!!
    Carlo

    RispondiElimina
  5. giorni fa davati santa maria maggiore tra camion di chincaglierie e panini dentro l'area pedonali, piu 5 extracomunitari che vendevano obrellini di carta.. Questa la città di alemanno e bordoni, abusivi, abusivi degli abusivi e cosi via..In fondo c'è in Campidoglio un consigliere del Pdl che è il Re dei camion bar a roma, vero???? Nel passato la sua famiglia mi pare ebbe qualche problemino..per il modo diciamo "brusco" che adottò contro la concorrenza...

    RispondiElimina
  6. ECOMAFIE
    Lazio seconda regione per i reati ambientali
    "Illegalità diffusa" da Roma al Sud Pontino
    Il Rapporto annuale di Legambiente fotografa un territorio 'aggredito' dai reati contro il patrimonio faunistico e contro il territorio. Latina terza provincia in Italia per infiltrazioni mafiose. Record di abusivismo edilizio nella capitale

    E' un rapporto di Legambiente...E' evidente che il business dei cartelloni a roma ed in altre città è molto vicino al problema di cui sopra...

    RispondiElimina
  7. ma non si può fare qualcosa per i troll che scrivono cose tipo "Alecazzo zingaro"?

    mi ricordano i deficienti che scrivono le tags sui muri...

    RispondiElimina