venerdì 25 giugno 2010

Possiamo dirlo? Siamo commossi













Guardate cosa ci hanno mandato alcuni lettori. Ormai sta diventando una moda. E' l'unica arma che abbiamo. Con una mafia potentissima e pronta a tutta, con un Comune che la protegge, questa è l'unica arma che abbiamo nell'attesa di una inchiesta della magistratura ampia, profondissima, che faccia male (malissimo) a questi criminali ed ai loro protettori. E allora mano alle bombolette. Dobbiamo rendere il loro lavoro antieconomico, inutile, dobbiamo sputtanarli con tutti i loro clienti che dovranno smetterla di acquistare spazi su impianti abusivi o abusivamente autorizzati. Cosa dobbiamo dirvi? Andate avanti così, su Cartellopoli le vostre azioni troveranno sempre la massima visibilità...

20 commenti:

  1. Se continua così, al posto dello spray arriverà presto la cacca.

    PS: propongo una spedizione col frullino, tagliare una decina di cartelloni, portarli via con un furgone e scaricarli sotto casa di Alemanno. Documentare tutto con foto.

    Che il responsabile di questo scempio ne veda gli effetti ogni mattina davanti al portone di casa!

    RispondiElimina
  2. Tanto per farvi capire con chi abbiamo a che fare:

    http://tv.repubblica.it/edizione/roma/zero-chiama-alemanno-ma-e-uno-scherzo-di-rds/49519?video=&pagefrom=1

    Giudicate voi chi ci governa.

    RispondiElimina
  3. Anonimo delle 11.22 io sarei anche d'accordo ma a dire il vero molti come te vengono qui postano commenti incendiari ma poi non ci regalano neanche 1 ora per raccogliere firme e siamo sempre i soliti pochi a rubare tempo alla famiglia, allo studio e al lavoro per organizzare la resistenza ai barbari dei cartelloni.
    Non volermene ma credo che se qualcuno volesse davvero fare un'azione del genere non verrebbe a pubblicizzarla qui

    RispondiElimina
  4. Alex ma cosa c'entra, è semplicemente uno scherzo . Vi ricordate Veltroni con la borgata pinarelli ? Cosa si dovrebbe pensare di un sindaco che non conosce neanche la zona che amministra ?

    Ciao fitz come stai ? Ti sento un po triste, ormai sei un vero antieroe! Combatti ma con sguardo disilluso !

    RispondiElimina
  5. Bene così! L'unione fa la forza!

    RispondiElimina
  6. Monteverde è diventato un montecartelloni. Sono OVUNQUE. Non più tollerabile. Personalmente sto rendendo edotti del problema tutte le persone che conosco. E, a loro volta, costoro fanno con i loro conoscenti.

    Per la delibera, sarebbe ANCHE da mettere nella buca della posta di ogni condomino/condominio alcune righe con un rimando a questo blog per far comprendere il problema di questo SCEMPIO ASSOLUTO.

    RispondiElimina
  7. E' interessante come le aziende che acquistano questo tipo di spazi non si rendano conto come i loro marchi siano associati al degrado, con un evidente effetto antieconomico... che magari non arriverà immediatamente, ma una volte che sarà entrato nella percezione comune, non sarà più possibile rimuovere. E poi, hai voglia a recuperare il danno di immagine!!! Non ci si ricorderà magari più il nome di queste dittarelle, ma il Dixan, la nokia, mcdonalds... in pubblicità non è vero quel detto "parlatene ben, parlatene male, basta che se ne parli"...

    RispondiElimina
  8. Il problema, ad esempio con la Mc Donald, è che affida la gestione di singoli esercizi anche a diverse ditte a partecipazione mista, purché rispettino rigorosamente i protocolli di vendita, arredamenti interni etc...

    Per la pubblicità, le singole ditte, solo localmente, possono avvalersi dei mezzi cartacei e di affissione che vediamo in queste foto (leggasi cartelloni). Mentre per il volantinaggio la recente ordinanza del sindaco ha posto un divieto (rispettato solamente dalle "grandi" del mercato...), per l'anacronistica pubblicità su cartelloni si scatenano senza problemi, nel MARASMA generale.

    Ora, sensibilizzare una grande multinazionale non è cosa da poco, ma vedere associato il proprio marchio a tale NEFANDEZZA e SCEMPIO può essere molto controproducente, eccome...

    M'auguro che la Magistratura faccia chiarezza.

    RispondiElimina
  9. che spettacolo! :))))))

    a me viene in mente una cosa diabolica: l'unione tra i graffitari e gli antidegrado:

    GRAFFITARI DISEGNATE SUI CARTELLONI NON SUI MURI!!!!!!!

    :)

    RispondiElimina
  10. semmai la temporanea conversione degli antidegrado in writers, ma solo per le orride plancie cartellonare..graffitari mai!

    RispondiElimina
  11. Faccio notare che il cartellone nr.2 è di una multinazionale della pubblicità, che noi spesso lodiamo, JC decaux.

    RispondiElimina
  12. Ci sono passato oggi a Piazza San Giovanni di Dio, ho visto il Cartellone giallo con la scritta rossa ABUSIVO, proprio affianco alla fermata dell'8. La gente si ferma a guardarlo, ma l'unico commento che ho sentito, purtroppo, è stato "tu guarda questi vandali".

    Tuttavia ho avuto modo di parlare con un paio di persone, spiegando loro il problema del proliferare dei cartelloni abusivi. Mi hanno detto "ora che mi ci fai pensare, è vero, siamo praticamente accerchiati". Ho chiesto loro di venire a firmare e di parlarne in famiglia. Piano piano stiamo aprendo gli occhi ai romani.

    RispondiElimina
  13. Les il problema è delicato, perché è vero che con queste azioni si apre gli occhi alla gente e si sputtanano i responsabili dello scempio, ma se poi i cartelloni non vengono rimossi rimane il degrado..

    RispondiElimina
  14. Bingo! Non ho visto rimozioni in seguito alle scritte fatte con la vernice. Ulteriore degrado al degrado... Sensibilizza, ma solo se si fa ragionare la gente (come ha dimostrato Riprendiamoci Roma la gente nota per prima cosa l'atto di vandalismo, poi pensa all'eventuale abuso)

    RispondiElimina
  15. Non vedo proprio dove sia il problema.
    Hanno invaso ogni angolo della città, te li hanno piazzati sui percorsi per ciechi, davanti alle Mura Aureliane, hanno trasformato il centro in un surreale tappeto di orologi farlocchi,Via Veneto sembra Las Vegas (vacci una sera di queste) hanno impiantato mostri 10x3, hanno distrutto il paesaggio urbano, calpestano violentemente i diritti dei cittadini, il codice della strada, il codice dei beni culturali..e tu impartisci lezioncine di educazione civica? Ma mi faccia il piacere..
    e vada a raccogliere le firme..

    RispondiElimina
  16. ecco dal sito del Comune di Roma...Ormai sentono il fiato sul collo e il calcio sul culo...

    Roma, 23 giugno – Primi interventi, questa mattina, per rimuovere i cartelloni pubblicitari collocati sulle edicole, iniziando dalle strutture di piazzale degli Eroi, viale Medaglie D'Oro, corso Francia e piazza Walter Rossi, in XVII, XVIII e XIX Municipio. Le operazioni, portate avanti dal Gruppo Sicurezza Sociale Urbana insediato presso l'Ufficio Affissioni in collaborazione con i Gruppi Territoriali di Polizia Municipale, continuano anche domani.

    «Dopo la lettera di diffida e l'arrivo delle prime notifiche – spiega l'Assessore alle Attività produttive Davide Bordoni – stiamo dando seguito alla bonifica dei cartelloni sulle edicole. Continuano anche le rimozioni degli impianti non in regola mentre le azioni di controllo su tutto il territorio della Capitale sono state intensificate grazie alla sinergia tra Polizia Municipale e Guardia di Finanza, che stanno operando verifiche sulle evasioni fiscali. Il decoro della città resta una nostra priorità. Il filo diretto stabilito con i cittadini, attraverso il servizio di segnalazione di posta elettronica, sta dando i suoi frutti e permette agli uffici di unire al lavoro quotidiano anche operazioni di controllo specifiche. Ieri abbiamo fatto una riunione con i vertici di Legambiente Lazio e nelle prossime settimane incontreremo altre associazioni cittadine per fare il punto sul settore affissioni e discutere eventuali iniziative comuni».

    Per smentire le balle del COmune vi dico che almeno 2 mesi fai segnalai il maximpianto da OTTO metri di ponte salario, i vigili dopo pochi giorni mi risposero ufficialmente che aveva segnalato l'irregolarità al dipartimento del signor bordoni...il quale racconta alla gente la balla che entro 48 ORE i cartelli irregolari sono abbattuti. BUGIA CLAMOROSA SONO PIU DI 48 GIORNI...che quel cartellone doveva essere abbattuto ma sta ancora li !!!!! BUFFONI.
    CARLO

    RispondiElimina
  17. ottima idea se i graffitari utilizzassero i maxicartelloni non per banali scritte ma per bei murales che coprano completamente la pubblicità mandando in rovina i cartellonari togliendo loro i clienti !!!!!!!!!!!!!!!!!!
    arte di strada con finalità sociale !!!!!!

    RispondiElimina
  18. DEVASTIAMO CHI HA DEVASTATO ROMA. Niente altro li ferma. E non c'è Stato di diritto.

    RispondiElimina
  19. Alessandro delle ore 02.16
    per farti capire meglio chi è questa gente e come "controlla" capillarmente il territorio sappi che uno dei cartelloni "battezzati" in Via Anastasio II è stato ripulito dalla vernice dopo neanche 48 ore.
    Mi comprendi? Dai, su! A raccogliere firme!
    Sostieni concretamente questa battaglia.
    Da oggi troverai banchetti alla Festa dell'Unità e ogni sera alle 20.30 circa in Piazza Vittorio..

    RispondiElimina
  20. Siamo attorniati dalla Mafia ! E le istityuzioni non muovono un dito ! BELPAESE!!

    RispondiElimina