venerdì 18 giugno 2010

Prima e dopo in Borghese



E' stra-abusivo ma il Comune non lo rimouoverà mai. Quando lo farà, il tizio che lo gestisce avrà guadagnato così tanto dall'affitto dei suoi spazi pubblicitari che, capendo l'antifona, ne installerà altri cento e ancora cento e altri cento in giro per la città (come effettivamente ha fatto). Poco importa dove è consentito e dove è vietato.
Un invito: buttiamolo giù noi. Questo cartellone, dalla strada, toglie la vista del Museo Borghese. Ci siamo spiegati? Andiamo a buttarlo giù: il Comune non lo farà mai, e se lo farà si tratterà di ricollocazione.
Come se in Sicilia i magistrati e la polizia invece di cercare di debellare la mafia, puntassero a dislocarla un po' meno concentrata: un poco in Sardegna, un poco in Abruzzo, un poco in Molise.
Forse dalle parti dell'assessorato al commercio e del relativo dipartimento dovrebbero capire un semplice concetto: la criminalità si combatte. D'accordo?

3 commenti:

  1. E, ovviamente, poteva mancare l'unoxuno con "orologio"? Certo che no...

    M'auguro che la Magistratura faccia chiarezza.

    RispondiElimina
  2. VA BUTTATOO GIU'!!

    RispondiElimina
  3. Si era parlato di scossa se non sbaglio..

    RispondiElimina