giovedì 24 giugno 2010

Scandalo a Piazza Cinque Giornate. Guardate che cazzo di impianto, manco in una stazione di servizio del Oklaoma... pagherete caro, pagherete tutto



Questo il nuovissimo cartellone in piazza cinque giornate che abbiamo cercato inutilmente di far rimuovere segnalando il pericolo a 112 (indifferenti), 113 (hanno chiamato i vigili e si sono attivati), 115 (sono venuti) e municipale (venuti per la pressione della PS e di Roberto Tomassi per vie terze). Niente da fare. Hanno chiamato al telefono per controllare il codice e poi se e sono andati dopo aver verbalizzato, alla faccia della chiara e segnalata irregolarita' del "cantiere". Chiaramente i lavori non sono terminati dal momento che ancora devono attaccare la luce per l'illuminazione e per la rotazione delle pale dell'impianto multicartellone. Scommetto che nessuno domani andra' a controlarne la regolarita' mentre gli operai saranno al lavoro. Frustrante. Ma non molliamo.
Roberto Crea - Cittadinanzattiva

18 commenti:

  1. Questo entra di diritto nei primi 5 maggiori scempi credo!
    Ed i vigili urbani che non fanno nulla mentre viene creato un cantiere irregolare e transennata un pezzo di piazza? Sarei curioso di sentire cosa dice il comandante del XVII gruppo...
    Tutti in galera devono andare!
    Andrea

    RispondiElimina
  2. Cornici di metallo di ogni dimensione, in tutta la città.
    Milioni di euro illeciti.

    RispondiElimina
  3. Ragazzi un paio di braccia robuste e qualche sampietrino.
    Bisogna farlo, lo capite?

    RispondiElimina
  4. che catafalco

    a sto punto lo poteva mettere in mezzo alla strada


    scrivete al publicizzato

    RispondiElimina
  5. Se i carabinieri, la polizia, i vigili non cominciano a muoversi prima o poi scoppia il putiferio. Questi qui ti ci portano loro nell'anarchia più totale. Quando Roma finirà così, non vengano a prendersela con noi.

    RispondiElimina
  6. grandi!
    http://roma.repubblica.it/cronaca/2010/06/24/news/basta_scempi_via_ai_no_cartellone_days-5105439/

    RispondiElimina
  7. Io vedo solamente un cartoncino attaccato al cartellone che tempo un giorno verrà strappato dai manovali dei cartellonari di passaggio. Tutto qui? Il comitato promotore è riuscito a produrre un misero cartoncino attaccato peraltro su un cartellone già battezzato?

    RispondiElimina
  8. Sul cartellone è scritto: "Puoi anche non parlare".
    Forse è finito il momento di parlare e di passare all'azione seria e decisa che non sia dei fogli A3 scritti col pennarello.
    Con questa amministrazione non cambierà nulla è ora di ficcarselo in testa, sanno già che a fine mandato andranno a casa e stanno cercando di mangiare il più possibile. Punto.

    RispondiElimina
  9. ma sto cartello di che ditta è ?

    RispondiElimina
  10. La ditta "dellanimadelimortacciloro".

    RispondiElimina
  11. Ale77 sono d'accordo con te.
    Contattaci..Noi siamo persone civili anche se molto indignate e fino ad oggi abbiamo attaccato fogli A3, ma visto che i mafiosi li rimuovono dopo pochi giorni, visto che controllano così bene il loro territorio che sono arrivati a ridipingere con vernice grigia le basi dei cartelloni sulle quali erano state tracciate alcune scritte di protesta (un pò di tempo però glielo abbiamo fatto perdere a queste merde..)è forse arrivato il momento che la gente faccia anche altre azioni di protesta, visto che NESSUNA autorità sembra in grado di arginare questa fetida marea nera che sta sommergendo Roma.

    RispondiElimina
  12. Le azioni di boicottaggio e di imbrattamento devono essere continue, giornaliere, a sciame. Dobbiamo renderegli inservibili centinaia di impianti al giorno, ai quattro angoli della città.

    RispondiElimina
  13. Se non ho capito male ormai abbiamo decine di referenti in ogni municipio pronti a segnalare ogni cosa che non va. Basta contattarli tutti e invitarli al no cartellona day di cui parla repubblica e che si dovrebbe svolgere con cadenza settimanale.

    RispondiElimina
  14. WRITERS UNITEVI24 giugno 2010 14:55

    Cartelli a Monteverde, L.go bel respiro sono stati purgati con la scritta rossa Abusivo, io propongo di coinvolgere qualche forum di Writer che sostengano la battaglia...pensate se tutti i writer di Roma cominciassero a scrivere Abusivo sui cartelloni.

    RispondiElimina
  15. Sono tutti corrotti, non si muovono perchè beccano le mazzette, come nel VIII municipio per le gare di appalto per la copertura delle buche stradali. Se qcuno viene beccato ne esce fuori un bel pò, Roma è in mano ai banditi-mafio-mazzettari. Basta veder dove c'è mezzo cantiere che facce girano, ma non degli operai, ma dei gangster in Mercedes nera luccicante con le seconda elementare e le pecore in giardino ! E' questa la verità tocca ribellarsi a questi pezzi di merda !

    RispondiElimina
  16. Esatto Nokia
    ineccepibile analisi.
    La criminalità organizzata ormai si è impadronita di Roma e forse proprio per questo il garrulo Bordoni fa sfoggio di virtù democratiche..tanto non possono fare niente.
    Solo la rivolta popolare..quindi continuiamo ad alimentare il fuoco della ribellione ai comitati d'affari, perchè questa è ormai la politica:
    vincere e spartirsi il bottino

    RispondiElimina
  17. Se non puoi sconfiggere i tuoi nemici, prova a metterli uno contro l'altro.

    E' quello che stiamo facendo. Se Alemanno vuole favorire i cartellonari, finirà con la faccia nel fango.

    RispondiElimina
  18. Non si può attaccare una catena ad un'auto e tirare giù questi cartelloni?

    RispondiElimina