giovedì 1 luglio 2010

106

Non è il nome di una vecchia Peugeot. E' il numero dei post che Cartellopoli ha partorito nel corso del mese di giugno, peraltro un mese corto e con ponti a più non posso al su interno.
106 post in un mese, roba che molti blog non fanno in un intero anno. Questo giusto per comprendere e far comprendere quale impegno ci sia da parte di tutti nei confronti della camorra dei cartelloni che è ormai da mesi e mesi ammutolita (vi ricordate quando avevano ancora il coraggio di inviare lettere da parte degli avvocati o, addirittura, senza pudore ne vergogna, di replicare alle lettere indignate dei cittadini pubblicate sui giornali? Bei tempi...).
106 post, una mitraglia continua di foto, contenuti, idee, segnalazioni ufficiali. Un fuoco di fila per farglielo capire, che non molleremo mai. Che continueremo sempre e sempre di più come uno stillicidio. Perché se ancora i politici pensano che questa città serva solamente per fare magnà l'amici e raccogliere qualche briciola, i cittadini si sono stufati. Il proliferare dei blog lo dimostra, l'impegno sul territorio lo dimostra: stiamo aprendo gli occhi a tutti e vi faremo fuori. Vi faremo fuori a voi ed a tutte le mafie che rendono questa città il posto più incivile e indegno d'Europa.
Sarete costretti dalla furia della collera popolare, oggi ben guidata dalla lucidità di seguitissimi blog (che hanno eccezionalmente indirizzato anche la stampa, la politica, l'opinione pubblica) ad andare a delinquere altrove. O a trasformarvi, con fatica immaginiamo, in persone come si deve.

Invece di cacarvi addosso dalla paura e di attrezzarvi ad una guerra di retroguardia che necessariamente perderete, perché non cambiate vostra sponte? Perché non migliorate vostra sponte? Perché non la fate finita di massacrare questa città vostra sponte? Forse perché siete così ridicolamente analfabeti da non capire cosa significa vostra sponte? Deve esser quello...

3 commenti:

  1. Questi vogliono i cartelloni su ogni strada e ogni marciapiede, punto.
    Ma noi non glielo lasceremo fare.

    RispondiElimina
  2. condivido pienamente l'analisi!

    Gli terremo il fiato sul collo tutti i giorni a questi bastardi!

    Mc Daemon

    RispondiElimina
  3. grande, tutto giusto hanno frantumato i coglioni sti pezzi de merda ...nn ne posso piu' di vivere in questi citta' senza regole ..
    toni rock

    RispondiElimina