mercoledì 14 luglio 2010

Ma ha senso commentare?




O forse è meglio, banalmente, far parlare le fotografie? Succede che in una città occidentale, nel più chic e rappresentativo dei quartieri chic e rappresentativi, delle ditte più o meno legali possano tranquillamente decidere, un giorno (queste foto si riferiscono a ieri), di piantare due mega cartelloni (guardate che razza di pali) zappando il marciapiede e recintando, occludendola alla vista, una delle piazze più importanti della città.

Sono cose che in qualsiasi città civile vedrebbero scendere in piazza la popolazione (specialmente quella parte che ha fatto magari qualche sacrificio per comprarsi casa proprio li, sborsando 900mila euro per avere la vista sul parco), vedrebbero organizzare sit-in, vedrebbero bivacchi e camping di cittadini "non ce ne andiamo da qui finché non li rimuovete", vedrebbero gente incatenata ai cartelloni, vedrebbero gente pronta a darsi fuoco sotto di essi. E invece? Qualcuno si sveglia o no? Ben presto nel giardino di Piazza Mazzini non ci sarà neppure spazio per entrare...

27 commenti:

  1. Cartellonari zappatori, tutti appesi a testa in giù! BBBBBBBBUURRRRPPPPPPPPPPPPPP

    RispondiElimina
  2. Resistenza Attiva14 luglio 2010 17:45

    ma se pò fa a Piazza Mazzini?

    Bosi aiutaci tu!!

    Almeno con le leggi... che con le bombolette poi ce pensamo noi!

    RispondiElimina
  3. regà, annamo in 5-6 al commissariato di zona e li denunciamo

    RispondiElimina
  4. Il folle impiantamento di cartelloni e cartellini continua anche su Via Cristoforo Coombo- da Palaeur alle Mura Aureliane. Oggi ne sono spuntati 5 nuovi.

    FINCHE' NON SI PRENDONO DI PETTO ALEMANNO E BORDONI LA SITUAZIONE PEGGIORA DI GIORNO IN GIORNO. I RESPONSABILI DI QUESTO SCEMPIO DEVONO PAGARE DI TASCA PROPRIA.

    CORTE DEI CONTI, CI SEI ?

    RispondiElimina
  5. Anonimo, che c'entra la Corte dei Conti?

    RispondiElimina
  6. In questo caso basterebbero due persone che si appoggia ai due pali e li spingono verso l'interno, per deformarl ie renderli inutilizzabili. Un gioco da ragazzi.

    RispondiElimina
  7. La Corte dei Conti c'entra perchè -vista l'abnorme incontrollabile quantità di impianti che nascono ogni giorno fuori da ogni controllo e logica umana- la conseguenza inevitabile è che vi è DANNO ERARIALE per i mancati introiti che dovrebbero essere legati alle concessioni e per i COSTI ABNORMI CHE RICHIEDERA' (SE MAI VI SI RIUSCIRA'- ma ne dubito) RIPORTARE "ROMA" IN PRISTINO STATO.
    VA POI VALUTATO QUALE SIA IL DANNO PRODOTTO ALLO STATO DAL FATTO CHE LA MAGGIOR PARTE DI QUESTI IMPIANTI SONO COLLOCATI IN VIOLAZIONE DI :
    A) CODICE DELLA STRADA;
    B) CODICE DEI BENI CULTURALI E PAESAGGISTICI;
    C) VINCOLI POSTI A SALVAGUARDIA DI ARRE AMBIENTALI E PARCHI NORMATIVAMENTE PROTETTI
    Inoltre,se volete,ma è un altro paio di maniche, si può aggiungere l'irreparabile danno di immagine (ed all'indotto, x es. il TURISMO) che Roma e chi ci vive deve subire per colpa di questi inetti collusi.
    E' Sufficiente ?

    RispondiElimina
  8. Si anonimo, ma per la Corte dei Conti ci vorrà tempo, questa è una emergenza e serve una reazione immediata o presa di posizione di qualcuno... megistratura, polizia?

    RispondiElimina
  9. L'unica reazione cher può avere un qualche effetto di breve periodo è (Ahimè) quella del Comune.
    Se Alemanno e Bordoni subodorano l'ipotesi (peraltro molto concreta) che siano chiamati a rispondere-di tasca propria- dalla Corte dei Conti vedrete come corrono ai ripari...

    RispondiElimina
  10. alemanno, il protettore dei cartelloni abusivi, ha dichiarato di darsi 7+ come voto. bene 7 è il primo addendo, il secondo l'ha lasciato libero in quanto equivale al numero dei cartelloni abusivi che lascia installare. ad oggi saranno 100.000 quindi l'addizione diventa 7+100.000. Pero siccome il numero cresce di ora in ora giustamente il sindaco ha fatto scrivere 7+ !!!

    RispondiElimina
  11. Anonimo ma che cazzo stai a dì?

    RispondiElimina
  12. Nati proprio questa notte:
    V. Cristoforo Colombo direzione centro prima dell'incrocio con V.le Africa;
    V. Cristoforo Colombo direz. centro accanto al Parco della solidarietà (trattasi di forchetta in attesa di nuovo splendido cartellone in pregiatissima plastica bianca);
    V. Cristoforo Colombo direz. centro poco prima di L.go Loria ( qui trattasi di due eleganti pali in ferro nero pronti ad accogliere altrettanti raffinatissimi 1 x 1, uno prima ed un dopo (effetto tramezzino)rispetto ad altro capolavoro in plastica che reclamizza la premiata ditta di onoranze funebri GIOVANNONI- che, del resto, ha martoriato in questo modo tutta la zona limitrofa fino a Circ.ne Ostiense ma anche oltre...et voilà!

    RispondiElimina
  13. Stamattina 15 lug sono ancora là : un vero cantiere recintato e soprattutto INDISTURBATO...

    RispondiElimina
  14. Si potrebbe pure passare da quelle parti a dare un'occhiata

    RispondiElimina
  15. organizziamo un sit in in p.zza mazzini contro il nuovo scempio? chi è itneressato mi conttatti su ltempestini@libero.it

    RispondiElimina
  16. Per il nuovo scempio a p.zza mazzini vi invito ad inviare dei fax per denunciarlo:
    - Dott. Paciello del Comune di Roma 06 57287501
    - Comandante Vigili XVII Dott. Bertola 06 67696808
    -Assessore Bordoni 06 67102162
    più fax ricevono meglio è!!!

    RispondiElimina
  17. D'accordo, andrebbe avvisata anche la gente che abita in zona per coinvolgerla. Cque ci sto.
    Partono pure i fax !!

    RispondiElimina
  18. INONDIAMO BORDONI DI FAX DI PROTESTA PER LO SCEMPIO QUOTIDIANO!

    RispondiElimina
  19. Athos de Luca e Roberto Tavani stanno facendo un comunicato stampa. Sentite anche loro. Ma questo schifo è un monito per chi esulta quando rimuovono un cartellone (magari al Parco di Veio o alle Tombe Latine). C'è poco da esultare signori, un cartellone tolto a Vejo sono tre cartelloni nuovi a Piazza Mazzini.
    Questi scempi che vedete nelle foto, infatti, sono tutti frutto di ricollocazioni. Rendiamoci conto. La battaglia non deve essere, in questa fase, contro i cartelloni, perché gli fanno fare il giro di valzer e se ce li togliamo dal naso ce li ritroviamo nel culo.

    La battaglia deve essere soltanto quella di riformare questo settore.

    RispondiElimina
  20. come si fa a mettersi in contatto con De Luca?
    p.s. inondate di fax i soggetti che vi ho indicato in precedenza mi raccomando!

    RispondiElimina
  21. INONDIAMO DI FAX DI PROTESTA GLI UFFICI COMPETENTI. TUTTI I GIORNI !
    PRIMA O POI SI DOVRANNO ARRENDERE.

    RispondiElimina
  22. Ma se scendevano in strada 100 cittadini, i banditelli "spregiudicati" i cartelloni li avrebbero riportati a casa di Liudimilla con la coda fra le gambe.

    L'arroganza arraffatrice di pochi delinquenti è figlia dell'ignavia delle moltitudini pavide...

    RispondiElimina
  23. Quindi Sessorium secondo te è inutile tutto il lavoro di denunce particolareggiate che facciamo da mesi?
    Fammi capire..le segnalazioni martellanti che ho fatto alla mail del comune, le telefonate,i fax..tutto inutile?
    Lo so bene che li ricollocano e proprio questo dovremo ottenere a breve termine: il blocco dei nuovi impianti e delle ricollocazioni. Ma queste rimozioni testimoniano che continua la pressione dei cittadini incazzati neri e fanno capire ai cartellonari che ancora non hanno vinto..servono a tenere desta l'attenzione sul problema mentre con l'estate la città si svuota ma i giornali continuano a parlarne.
    Io credo che tutte queste azioni mirate, inoltre, stiano creando i presupposti per la nascita di quel movimento per la bellezza e il decoro urbano che saprà imporre la riforma di cui parli

    RispondiElimina
  24. Ma dopo tutti questi appelli spero che almeno qche fax sia stato mandato

    RispondiElimina
  25. Non sto dicendo che è inutile, sto dicendo che non bisogna esultare quando vediamo un cartellone che viene rimosso: perché verrà ricollocato da qualche altra parte, probabilmente più prestigiosa e delicata della precedente.

    Le segnalazioni puntuali sono importanti e occorre continuare a farle. Ma devono essere prese per quello che sono: un'azione di disturbo. Le rimozioni sono un fastidio che gli diamo, non certo una nostra vittoria. Purtroppo.

    RispondiElimina
  26. INONDIAMO BORDONI E ALEMANNO DI FAX DI PROTESTA PER QUESTO SCEMPIO ILLOGICO. TUTTI I GIIORNI, SEMPRE ...ALLA FINE CEDERANNO- IO HO INIZIATO. QUELLO CHE STA SUCCEDENDO A ROMA E' INQUALIFICABILE E INCOMMENTABILE. QUESTA E' LA NUOVA RESISTENZA CONTRO I BARBARI ED I CRIMINALI. SIAMO ACFERCHIATIO OGNI GIORNO DI PIU' OCCORRE REAGIRE E LA REAZIONE SARA' FURIOSA!

    RispondiElimina
  27. Continuiamo ad essere SPINE NEL FIANCO.
    Pensavano che ci saremmo dissolti dopo le elezioni regionali, questi buffoni.
    La Resistenza comincia così..poi le sue fila si ingrossano e cominciano le azioni alla luce del sole..A Roma e in Italia deve ricostituirsi il CLN..per spazzare via la cultura dell'aumma aumma (simm a mafia..simm a mafia..)e della bruttezza.

    RispondiElimina