venerdì 23 luglio 2010

Ma quando si fermeranno? La città da stuprare non è ancora finita?





Ve lo ricordate il doppio buco sulla Gianicolense? Doppio buco in parte saturato da alcuni resistenti con del cemento a presa rapida (il primo blitz di questo tipi)? Ebbene, purtroppo ci sono cattive notizie. Come vedete il cartellone è arrivato, più enorme e più brutto che mai.
Naturalmente con il suo tagliando scritto a pennarello e ovviamente privo di identificazione della strada. L'azienda? E' la Sci, una delle società considerate più "serie" del settore. Alla faccia del cazzo, dicono a Lione...
E della Sci probabilmente sranno anche gli altri cantierini, del tutto simili a quello della Gianicolense, che ci sono stati segnalati all'Auditorium ed allo Scalo San Lorenzo. L'invito per tutti è quello di danneggiare quanto più possibile i cantieri, rimepiendoli di ogni sorta di materiale di risulta e saturandoli con cemento a presa rapida. Altrimenti, guardate cosa succede...

10 commenti:

  1. Ecco avv. Paciello ci spieghi se questo non è abusivo e che sono solo ricollocazioni, vero Bordoni?

    RispondiElimina
  2. ORA DI IMBRATTARLI TUTTI!!!!

    QUESTI PEZZI DI MERDA DOVRANNO CAMBIARE LAVORO E CITTA'

    RispondiElimina
  3. E come tanti altri PRENDE IL POSTO DI UN ALBERO, questa volta un PLATANO,

    chissà forse vittima dei roboanti annunci di quell'altro gonaduomo che declamava "...potati dodici mijardi di platani..."

    Guardate bene perchè i filari sono abbastanza regolari e appena ne manca uno ancora non sostituito, ecco che arriva la squadraccia dei BANDITI

    oppure se non muoino da soli o aiutati dalle "potature", sono arrivati a TAGLIARLI (vedi via LEPANTO)...neanche a Medellin!

    RispondiElimina
  4. Siamo anche sul Corriere della Sera:
    http://roma.corriere.it/roma/foto_del_giorno/home/10_luglio_23/leccio-1703444720395.shtml?p

    RispondiElimina
  5. In questo caso basta una scala alta e una chiave inglese, certo, è assai pericoloso.

    RispondiElimina
  6. Noto nel loro sito, questi della SCI, che hanno preso in alcuni casi anche la pubblicità di Armani. Sarebbe da scrivere al marketing della casa di moda e far vedere come stanno stuprando roma...

    RispondiElimina
  7. Fanno schifo....mafiosi cartellonari

    RispondiElimina
  8. E' lo stesso catafalco che offende la memoria dei caduti in guerra a C.so Francia.

    E pensare che era una cosa sacra per tutti, in particolare ai precursori ideologici degli attuali amministartori...come fa cambiare facilmente idea il denaro facile e sporco!

    RispondiElimina
  9. Bordoni puliscite er muso è zozzo de sugo

    RispondiElimina