lunedì 12 luglio 2010

Tira fuori la bestia. E butta fuori questi politici!


ROMA - Roma off limits per un manifesto di una bevanda energetica ritenuto offensivo e volgare ed oltretutto affisso abusivamente perché senza autorizzazione. Il sindaco di Roma Gianni Alemanno ha emesso un'ordinanza per la rimozione o la copertura su tutto il territorio comunale delle immagini dei manifesti che pubblicizzano una bevanda energetica (Shark Energy Drink) che "mostrano rappresentazioni del corpo umano in evidenti atteggiamenti sessuali".
Nel manifesto sono immortalati due giovani avvinghiati, appoggiati ad un'armadietto e la scritta: 'tira fuori la bestia'. Tra l'altro, precisa il Campidoglio, i manifesti comparsi stamani in diversi luoghi della città sono "del tutto abusivi". Gli operatori del Dipartimento Attività Economico-produttive sono al lavoro per individuare e quindi coprire tutti i manifesti che per il Campidoglio costituiscono "offesa per la pubblica decenza" e "alterano il decoro urbano".


Cosa scopriamo leggendo questo comunicato e commentando questa notizia che ha circuitato a lungo nei giorni passati? Scopriamo, innanzitutto, che dopo la politica anche grazie all'invasione cartellonara ora anche entità totalmente commerciali ritengono normale affiggere manifesti dovunque. Abbiamo imparato che il sindaco è un poveretto, ma no questo già lo sapevamo. Abbiamo imparato che i manifesti che "alterano il decoro urbano" vanno oscurati e che chi deve farlo è il "Dipartimento attività economico-produttive". Vi pare che abbiamo imparato poco?

6 commenti:

  1. Qualche settimana per finire di raccogliere le firme e insieme ai cartelloni cominceremo ad oscurare tutta la cartaccia che i politici incollano sui muri grazie ai loro amici attacchini!

    RispondiElimina
  2. Ah quest'estate avremo un mucchio di tempo libero, stai tranquillo che li facciamo neri. La pressione diventerà intollerabile, garantito. Su questa storia il sindaco si giocherà la riconferma. Farà la fine del sorcio!

    RispondiElimina
  3. soprattutto abbiamo imparato che il comune quando vuole fare qualcosa, la fa e basta, senza tirare in mezzo piani regolatori, banche dati, progetti pilota, filo diretto con i cittadini etc.

    RispondiElimina
  4. Alemanno forse era meglio che andava a fare il sindaco di un bel paesino pieno di vecchiette abbarbicato su qualche montagna...

    RispondiElimina
  5. Ma Alemanno non è nato a Bari....? Tornasse li nel caso.

    RispondiElimina
  6. Ci vuole un colpo in testa e un politico chiuso in un cofano.

    RispondiElimina