mercoledì 21 luglio 2010

Via Lepanto mormorò, non passa il cartellonaro



Ci piace. Ci piace da matti che ci siano dei cittadini che, ieri, hanno fatto questo a Via Lepanto. Ci piace da matti che ci siano altri cittadini che, avendo visto, entusiasti, hanno scattato e ci hanno inviato le foto. Ci piace da matti che i resistenti eroici che hanno compiuto il blitz lo abbiano firmato con la url del nostro blog. Ci piace tutto meno il fatto che, comunque sia, dei figli di puttana abbiamo ucciso un albero e si apprestino a installare un 4x3 in pieno Rione Prati, nel cuore della città, in un area che non dovrebbe ospitare altro che, tuttalpiù, arredo urbano pubblicitario (toilette, cestini dell'immondizia...).

E ci piace da morire il fatto che si inizia a protestare -anche- così. Scritte, cartelloni (questa volta però civili, non camorristi come i loro), lenzuoli con frasi che spieghino a tutti i cittadini cosa sta succedendo. Utilizziamo le loro armi. Invadiamo di messaggi di civiltà e di verità i punto a più grande visibilità. Copriamo i cartelloni più visibili con lenzuoli dove scriviamo i nostri messaggi. Di cosa abbiamo bisogno? Bhe di vernice spray, ma quella non è un problema visto quante sono, ormai, le persone che detengono la loro personale cartuccera (ad agosto le scritte "abusivo" paleseranno una vera invasione della città, dovrete mettere un vigilantes armato per ogni cartellone, cari i nostri 'ndranghetisti!!!) e poi di scampoli. Di pezzi di pezza. Di lenzuoli in disuso. E su questo chiediamo l'aiuto dei lettori. Di coloro che sono a conoscenza di depositi di materiale tessile, tendaggi, lenzuolame. Siamo alla ricerca di superfici sulle quali scrivere quello che scriviamo qui su questo blog. Aiutateci a rendere ancora più efficace, visibile e divertente la nostra battaglia. Ma quale battaglia, guerra!

23 commenti:

  1. Ho scritto alla Lega per la difesa degli alberi, attendo loro risposta, intanto scrivete anche voi, più soggetti sensibilizziamo e più la nostra battaglia avrà visibilità e crescerà:

    legalberi@hotmail.it

    http://legalberi.blogspot.com/

    RispondiElimina
  2. Resistenza Attiva21 luglio 2010 18:26

    Grande guerriero!! Avrei voluto essere con lì con te.

    RispondiElimina
  3. Ve lo giuriamo cartellonari maledetti: quest'estate (ma anche dopo..) non vi daremo tregua!RESISTENTI..Preparate le scorte di CEMENTO e le cartuccere di BOMBOLETTE!
    Ci vuole una sollevazione popolare contro questi criminali perchè è ormai evidente, solare direi (vista la stagione..), che i Vigili e il Comune sono completamente impotenti e incapaci a fermarli

    RispondiElimina
  4. Sessorium questo è niente, vedrai tra qualche giorno.

    RispondiElimina
  5. 4V4NGV4RD14NT1D3GR4DO21 luglio 2010 19:14

    A settembre, quando Alemanno tornerà dalle vacanze, troverà uno striscione di protesta per ogni cartellone, uno stillicidio senza fine.

    Ezechiele 25:17
    "Il cammino dell'uomo timorato è minacciato da ogni parte dalle iniquità degli esseri egoisti e dalla tirannia degli uomini malvagi. Benedetto sia colui che nel nome della carità e della buona volontà conduce i deboli attraverso la valle delle tenebre perchè egli è in verità il pastore di suo fratello e il ricercatore dei figli smarriti. E la mia giustizia calerà sopra di loro con grandissima vendetta e furiosissimo sdegno, su coloro che proveranno ad ammorbare ed infine a distruggere i miei fratelli. E tu saprai che il mio nome è quello del Signore quando farò calare la mia vendetta sopra di te"

    RispondiElimina
  6. Lo straordinario risultato della raccolta di firme sul referendum per l’acqua pubblica, i No espressi dagli operai nel referendum a Pomigliano, le lotte degli operai Fiat contro il taglio del premio di produzione e i licenziamenti, sono le ultime espressioni, in ordine di tempo, di una soggettività non pacificata che attraversa il paese. E’ nostra convinzione che non si tratti di fenomeni isolati quanto di espressioni di una situazione generale: una crescente insofferenza per lo stato di cose presenti che non sempre riesce a trovare i canali attraverso cui esprimersi.
    A partire da questa soggettività emergente e sulla possibilità che si esprima in forma generalizzata si basa la nostra scommessa politica di costruire una sinistra di alternativa, anticapitalista ed antipatriarcale in questo paese. Il luogo ove questa soggettività emerge e questa scommessa si gioca è la crisi economica, che mostra sempre più chiaramente il suo carattere di profonda crisi del sistema capitalistico.

    RispondiElimina
  7. Il prossimo 20 Luglio a Genova arriva dopo un 30 Giugno ricordato con convinzione. Ricordato e manifestato da una sinistra plurale, non solo da quella piccola parte che in tutti gli anni scorsi, rifiutando la stanca commemorazione ufficiale, ha continuato a denunciare il pericolo della presenza di un fascismo strisciante nella nostra società, perfino nelle nostre istituzioni. Che cosa unisce le giornate del ’60 a quelle del 2001? Ne parlavamo alcuni giorni or sono a Palermo, dove cinquanta anni fa il governo Tambroni fece tre vittime, dopo i cinque morti di Reggio Emilia e uno di Catania. A Genova non fecero vittime: i lavoratori scesero in piazza in gran numero, tanto che i fascisti del Msi dovettero rinunciare al loro congresso e le violenze delle forze dell’ordine furono respinte. Anche quest’anno la presenza pacifica e determinata di numerosi cittadini e cittadine ha impedito una provocazione della destra che voleva tenere nello stesso giorno un incontro polemico nello storico albergo Bristol, dove il Cln decise l’insurrezione.

    RispondiElimina
  8. Resistenza Attiva21 luglio 2010 21:19

    ahoooooo ma l'afa te confonde i neuroni pure oggi?
    Hai sbagliato blog... quì siamo contro i cartelloni di centro, di destra e di sinistra.
    e basta!

    RispondiElimina
  9. Compagno delle 21:05
    occhio che questi sono fasci travestiti di rosso ! Il nemico del proletariato siede da sempre a sinistra ed è stato anche sindaco di Roma. Veltrusconi, come venne battezzato da liberazione !

    RispondiElimina
  10. Passato stasera a Via Tuscolana: incredibile che schifo pietoso è diventata questa strada ad alto scorrimento. SE CI ABITASSI ME NE VERGOGNEREI, ma me ne vergogno comunque da romano.

    Cartellonari merde figli di puttana pagherete tutto !! Voi e questo ridicolo omuncolo che siede in Campidoglio congtro la volontà di Dio.

    I vostrio figli si vergogneranno di quello che avete fatto!! BASTARDI PEZZI DI MERDA SENZA UN BRICIOLO DI DIGNITA'!!!

    RispondiElimina
  11. Anonimo delle 22.49
    il tempo dirà chi erano i fasci e chi erano i compagni.
    Al Campidoglio ci sono le caricature dei fasci.
    Io ho sempre lottato per la giustizia sociale, per la difesa del bene pubblico,per la dignità di ogni essere umano..se tu pensi che io sia un fascio sinceramente me ne sbatto le palle.
    Adesso lotto contro questo branco di avvoltoi criminali che stanno spolpando Roma e se accanto a me lotta qualcuno con idee di destra per me non è un problema..
    Il mondo è cambiato..ancora co fasci e compagni?
    Aripijate..è ora!

    RispondiElimina
  12. Anche la Lega per la difesa degli alberi ha pubblicato un post sulla vicenda, sul suo blog, dopo segnalazione:

    http://legalberi.blogspot.com/

    RispondiElimina
  13. Legione Monteverde22 luglio 2010 09:51

    Grandi, un applauso a tutti. A C.ne Gianicolense la soc SIC ha completato i due mostri sulla tranvia 8 e le scritte Abusivo sono state cancellate a P.za del bel Respiro. DOBBIAMO CONTINUARE A SPUTTANARLI CON LE SCRITTE E I CARTELLI, QUESTO GLI FA PIU MALE DEL CEMENTO.
    TIRARE SASSI SUI CARTELLONI 1X1 E ROMPERE LE PALINE.

    RispondiElimina
  14. Un cartellone dice: "Roma stuprata da 100.000 cartelloni".
    Magari.

    RispondiElimina
  15. Notizia pubblicata anche in quest'altro sito ambientalista:

    http://www.ilrespiro.eu/emergenze/948-cartellopoli-tagliati-due-lecci-sani-per-installare-un-cartello-pubblicitario-in-via-lepanto-a-roma/

    RispondiElimina
  16. Mandiamo le foto anche a Repubblica e Il Messaggero, più persone vengono messe al corrente dello scempio e meglio è.

    RispondiElimina
  17. Ma perchè non le mandi te?

    RispondiElimina
  18. L'ho fatto già, ma può darsi che se è più gente a mandarle e più facile che la cosa venga pubblicata, no?

    RispondiElimina
  19. non siamo soli!
    http://www.antipub.org/

    RispondiElimina
  20. Bene, anche Repubblica ha pubblicato, visto? ;-)

    http://roma.repubblica.it/cronaca/2010/07/22/foto/cartellopoli_blitz_in_via_lepanto-5760937/1/

    RispondiElimina
  21. Analogo cantiere con transenne e buchi su marciapiede pronti ad ospitare stanotte o domani megacartellone a coprire l'ultimo lembo dell'AUDITORIUM. Non avevo fotocamera.

    RispondiElimina
  22. Confermo quanto detto da anonimo delle 20.14.

    Davanti all'Auditorium c'è pure un ridicolo 1x1 che ancora recita "tuo per 100 € al mese"... orrendo e rovina ovviamente in maniera ridicola tutto il contesto.

    100 calci in culo al giorno, cartellonari di merda!!

    RispondiElimina
  23. Si muove anche Legambiente, che annuncia un esposto, per il leccio tagliato a via Lepanto:

    http://www.romatoday.it/municipio/17-prati/prati/cartelloni-pubblicitari-protesta-legambiente-taglio-leccio.html

    RispondiElimina