martedì 17 agosto 2010

Alla faccia della sicurezza stradale. Smascherate le magagne del Nuovo Codice della Strada. Articoli e commi scritti da e per la mafia cartellonara


Il DDL 1720 di riforma del Codice della Strada, entrato in vigore il 1° agosto 2010, contiene l'ennesima subdola nonché vergogonosa norma infilata a bella posta per favorire i cartellonari, questa volta gli infestatori delle strade extraurbane.
Il Codice della Strada precedente appena aggiornato, ovvero l'ormai noto D. Lgs. 285/1992 stabiliva infatti in materia di cartellonistica pubblicitaria sulle strade extraurbane "É vietata qualsiasi forma di pubblicità lungo e in vista degli itinerari internazionali, delle autostrade e delle strade extraurbane principali e relativi accessi. Su dette strade è consentita la pubblicità nelle aree di servizio o di parcheggio solo se autorizzata dall'ente proprietario e sempre che non sia visibile dalle stesse".
Con la riforma del codice, il capoverso in questione è stato cosi modificato:
"Nelle more di una revisione e di un aggiornamento degli itinerari internazionali, i divieti e le prescrizioni di cui al comma 7 dell'articolo 23 del decreto legislativo n. 285 del 1992, come da ultimo modificato dal comma 2 del presente articolo, si applicano alle strade inserite nei citati itinerari che risultano classificate nei tipi A e B (quindi solo autostrade e superstrade a 4 corsie, con o senza barriera centrale, ndr).
"Nel caso di strade inserite negli itinerari internazionali che sono classificate nel tipo C (ovvero strade a due sole corsie con banchina laterale, ovvero tutta la Statale Romea classificata come E55, oppure l'Aurelia da Civitavecchia fine A12 fino all'inizio del tratto a 4 corsie a Tarquinia, classificata come E80, ndr), i divieti e le prescrizioni di cui al periodo precedente si applicano soltanto qualora sussistano comprovate ragioni di garanzia della sicurezza per la circolazione stradale, da individuare con decreto del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti".


Sarà ora interessante capire se il Ministero ritenga se ci siano comprovate ragioni di sicurezza sulla Romea, o sul tratto di Aurelia che molti di noi conoscono andando in Toscana, tali da mantenere ben saldo il divieto totale alla cartellonistica pubblicitaria (ma sono solo i primi due esempi), tanto più che l'ultima revisione degli itinerari internazionali data al 2000, e che guardando la relativa mappa che alleghiamo non si trovano motivi plausibili che possano giustificare la modifica degli itinerari E55 ed E80.
E' il caso di vigilare con attenzione, eventualmente con pronta diffida congiunta ad ANAS e Ministero a classificare di nuovo come esenti da pubblicità le strade suddette, e molte altre sicuramente di pari importanza in giro per l'Italia.
E meno male che il DDL si intitolava "misure per la sicurezza stradale". Vigilare sempre, i cartellonari e la loro lobby, come vedete, non riposano mai !
Marco F

8 commenti:

  1. Se cominciano pure sulle statali è la fine!

    RispondiElimina
  2. Les, le statali sono già, devastate. Si salvavano appunto alcune statali come la Romea per via della classificazione "E" (per dire, l'aurelia da torre in pietra a civitavecchia è devastata, al km 82 diventa "E" e infatti niente cartelloni), appunto, con questa modifica l'hanno regalata ai cartellonari, aho dovessero da lascià 145 km sgombri dai cartelloni !!!

    RispondiElimina
  3. PS
    La mappa è quella degli itinerari "E" aggiornata al 2000 e pubblicata in gazzetta ufficiale; è da lì che mi si è accesa la lampadina, perché si tratta al 99 % di autostrade o superstrade a 4 corsie, poi, "casualmente" c'è la Romea che è di tipo "C" (una sola corsia per senso di marcia) e lì ho scoperto la truffa.

    RispondiElimina
  4. Classe politica ignorante ed incompetente,
    da destra a sinistra schiere di coatti che pensa solo a tingersi i capelli.

    RispondiElimina
  5. Ma si, aiutiamo ancora di più questi LAIDI, SORDIDI, IGNOBILI affaristi cartellonari. Facciamogli leggi ad hoc...

    E Roma? E' diventata tutta un SUK, uno sfacelo completo, regna l'anarchia totale, l'affarismo più esasperato, la bancarellopoli, la cartellpoli, i camion bar a go go, gli urtisti, IL DEGRADO.

    Un'amministrazione che mi ha DELUSO profondamente. VERGOGNA!!

    RispondiElimina
  6. Una veloce, analisi della tremenda situazione globale italiana... E poi ci lamentiamo se questa gente sta li quando poi la vogliamo "noi"...

    http://www.youtube.com/watch?v=DGYgxE26rLI

    RispondiElimina
  7. Lo so Marco, era per dire, conosco bene l'Aurelia in quel punto e pare una fiera campionaria dei cartelloni..

    RispondiElimina
  8. Ma che se poi uno volesse Voi sapete mica dirmi dove può trovare il testo del nuovo codice? ...
    perchè per il sito ministeriale quello in vigore è ancora quello del 1992 ...

    RispondiElimina