martedì 31 agosto 2010

Cartellopoli si iscrive al Fabrizio Ghera Fun Club


Ma pensate un po' cosa tocca fare a Cartellopoli. Iscriversi niente di meno che al fanclub di Fabrizio Ghera, giovane assessore ai Lavori Pubblici che, per ora, si è distinto solo in lavori stradali portati a termine in maniera approssimativa, sovente senza gara pubblica d'appalto per scegliere la ditta.
Eppure... eppure in questo ampio articolo sul Messaggero Ghera dimostra di avere assorbito, e di essere maturo per divulgare ed esternare ai giornali, una serie di concetti di cui ci facciamo portavoci da mesi.
Innanzitutto che la pubblicità in città (anche in pieno centro, per carità) ci può anche essere, può anche essere un male necessario ma deve essere, appunto, necessario a qualcosa e soprattutto a far guadagnare dei denari all'amministrazione in modo che questa possa permettersi il "lusso", ad esempio, di investire nella riqualificazione urbana, nel rifacimento dei marciapiedi e via così...
Ma Ghera non dice solo questa, non afferma solo questo sacrosanto postulato. Ghera dice anche qualcosa di più grande. Ghera mette il sigillo su uno dei principi che anima il nostro lavoro, la nostra protesta, la nostra tigna quotidiana di fare informazione e controinformazione sul tema della pubblicità esterna in questa città: quando parla di cartelloni stradali e della possibilità di concederne l'installazione in cambio di manutenzione stradale Ghera non solo si rivela molto realista, ma afferma quello che noi affermiamo da sempre. Ovvero che gli interessi criminali dei cartellonari non c'è modo alcuno di combatterli con le armi, spuntatissime, della legge e che bisogna invece combatterli contrapponendo loro un altro interesse. Questa volta legale, questa volta trasparente.


Ecco l'articolo.


di Mauro Evangelisti
ROMA (30 agosto) - Per i lavori di manutenzione di piazza Venezia - dalle aiuole ai sampietrini - servono 2,5 milioni di euro. Dove trovare questi soldi? L’assessore ai Lavori pubblici, Fabrizio Ghera, propone uno strumento innovativo: il cantiere con lo sponsor. «Fino ad oggi - precisa - è stato usato per i monumenti, pensiamo all’iniziativa per il Colosseo, o accompagnando il rifacimento di una facciata di un palazzo con i cartelloni pubblicitari. Ma strade o piazze rifatte grazie al contributo di uno sponsor sarebbero una novità. Secondo me di grande utilità. Certo, potremmo attingere direttamente dai fondi a disposizione per la manutenzione stradale, che però non sono infiniti. Ma se con un bando pubblico troviamo uno sponsor, che può abbinare il suo marchio a un’opera in una zona di pregio della città, possiamo allora risparmiare denaro da investire per la manutenzione e i lavori nella periferia. L’operazione sponsor può essere sperimentata anche in un’altra area che necessita un intervento per i marciapiedi, il Gianicolo».

Andiamo per gradi. Fra alcuni mesi, partiranno i lavori di manutenzione delle strade per i quali ci sono già risorse, in via del Corso (2 milioni di euro di spesa), corso Rinascimento e via Petroselli (1,5). «Per i lavori di corso Rinascimento, adiacenti al Senato, chiederemo anche la collaborazione di Palazzo Madama, quanto meno per il decoro delle vie limitrofe. Un esperimento simile era stato fatto con i lavori nella zona della Camera». Secondo Ghera, tenendo conto anche degli altri interventi già conclusi - da via dei Fori Imperiali a via Nazionale - per arrivare al completamento dell’opera di riqualificazione delle strade e delle aree verdi del centro bisognerà raggiungere anche in piazza Venezia. E qui appunto si pensa allo sponsor. Ma se quando ristrutturi un palazzo puoi usarne la facciata per allestire un maxicartellone pubblicitario, come può un cantiere offrire spazio allo sponsor?

«Pensiamo - replica Ghera - al recinto di protezione del cantiere. Ecco, quella può diventare un’area appetibile, che convince una azienda privata a fare un investimento grazie alla visibilità che può ottenere in un’area così interessante. L’importante è fissare un chiaro termine temporale, dai 3 ai 6 mesi. La strada della collaborazione del privato può essere sfruttata però, con il project financing, anche in periferia». E qui si arriva al secondo progetto di Ghera: quando il Comune deve realizzare una nuova strada o semplicemente deve ammodernarla può chiedere al privato di farlo, in cambio gli concede per un lungo periodo la possibilità di gestire i cartelloni pubblicitari da cui ricavare degli introiti. «In questo modo - è la tesi dell’assessore ai Lavori pubblici - avremo un doppio effetto positivo. Da una parte fisseremo regole certe sui cartelloni pubblicitari, che in passato sono stati caratterizzati da abusi e scempi. Dall’altra il privato che ha la concessione sarebbe il primo a vigilare contro gli abusi, proprio perché dovrebbe difendere il suo interesse economico». Conclusione di Ghera: «In questi mesi abbiamo fatto molto sul fronte della manutenzione stradale, ma è stato calcolato che per recuperare il terreno perso in passato servirebbero 250 milioni di euro ogni anno per cinque anni. E’ inevitabile trovare strumenti nuovi. Intanto, abbiamo raggiunti accordi inediti con le società appaltatrici, che in alcuni casi hanno accettato anche di lavorare al sabato e domenica, rompendo un tabu esistente a Roma».

33 commenti:

  1. mentre vado in giro con la digitale per immortalare i nuovi cartelloni SCI presenti in tutta Roma, leggo sulla cronaca di ROMA della Repubblica questo articolo surreale:
    http://roma.repubblica.it/cronaca/2010/08/31/news/alemanno_ara_pacis-6641482/
    cioé: per buttare giù un muretto di una cosa che comunque è un'opera d'arte (piaccia o non piaccia) si scomoda il sindaco e tutto si può fare, per rimuovere cartelloni e cartellini il buon BORDONI trova sempre l'appiglio regolamentare e normativo per non farlo. e poi perché buttare giù il muro? per poter vedere meglio il paninaro di TREDICINE?

    RispondiElimina
  2. Questo è il coglionazzo che ha sbandierato ai quattro venti i lavori di rifacimento di Viale dei Colli Portuensi, venite a vedere come hanno fatto i lavori, sono incompleti dozzinali, tutto un disordine di cavi e materiale edile. Le ditte che lavoravano Hanno distrutto P.za Morelli.

    GHERA DOVREBBERO TAPPARTI LA BOCCA CON LA MERDA!!

    RispondiElimina
  3. Resistenza Attiva31 agosto 2010 10:30

    Ghera fan club? Ditemi dove ci si iscrive e...gli starò alla larga!! Quello che dice è di una ovvietà disarmante. Ma quello che ha dimostrato di saper fare è di una schifezza unica. Come al solito sta giunta predica bene e razzola male.

    RispondiElimina
  4. aggiungo la mia esperienza: la mirabolante ristrutturazione di corso trieste e via salaria, ci lavorano da mesi MOLTI troppi mesi.con caos totale del traffico..hanno riasfaltato qualche tratto, hanno ripavimentato qualche marciapiedi senza rialzarli come lungo villa ada dove i nuovi (?) marciapiedi sono alti si e no DUE CM e manco li hanno protetti e sono sempre totalmente occupati da auto in sosta vietata!!!! A corso trieste le aiole centrali non sono mai state cosi brutte spelacchiate piene di cartelli abusivi, queste sarebbero le meravigliose riqualificazioni di Ghera???? la magistratura dovrebbe indagare quanto ci costano questi lavori e se valgono la spesa!!
    carlo

    RispondiElimina
  5. Allora facciamo una cosa, paghiamo anche i ladri così non rapinano più le banche no? che genio questo ma chi cazzo l'ha votato?

    Ci aveva già pensato mio figlio ha 5 anni...

    RispondiElimina
  6. Si Alemanno vuole abbattere il muretto del museo dell'Ara pacis perche' copre un pochino le antiche chiese!!!!!!!! e invece i 150.000 catafalchi che ditruggono la vista di alberature, giardini, aiole, palazzi storici, parchi et.etc. quelli no, quelli li lascia!!! ho gia scritto un commento su Repubblica segnalando questo blog. Hanno una faccia tosta da schifo.
    carlo

    RispondiElimina
  7. Eh solo un altro favore agli amici camorristi, non ripulite le strade e non togliete i cartelloni abusivi...già state pensando dove steccare la mazzetta con le nuove affissioni.

    LA MAGISTRATURA DEVE INTERVENIRE QUESTI MAGNANO DA MORI'!!!

    RispondiElimina
  8. avete visto questi grandi?!
    http://disintossicazionecerebrale.blogspot.com/2010/08/roma.html

    RispondiElimina
  9. ma, la mia opinione è che i cartelloni non servono a un'emerita mazza, ma chi è che riesce a leggere e imprimere nella mente il messaggio di un cartellone? quasi nessuno. secondo me non servono a niente dal punto di vista pubblicitario.

    RispondiElimina
  10. Questo signore ha la classica credibilità del politico italiano lascia-interviste.
    Solo due parole: PRENESTINA BIS. Chi sa ha già capito.

    RispondiElimina
  11. seh, giusto "fun" club..
    -
    "Da una parte fisseremo regole certe sui cartelloni pubblicitari, che in passato sono stati caratterizzati da abusi e scempi."
    -
    IN PASSATO?!! NO, NEL PRESENTE, GRAZIE ALLA TUA GIUNTA DI PERACOTTARI!!!!

    RispondiElimina
  12. Il privato paga per i lavori stradali e il Comune "in cambio gli concede per un lungo periodo la possibilità di gestire i cartelloni pubblicitari da cui ricavare degli introiti."
    -
    Gestire i cartelloni pubblicitari?
    QUALI CARTELLONI PUBBLICITARI? Quelli già presenti sulle strade e che DEVONO ESSERE RIMOSSI? Nun ce provà Ghera!

    RispondiElimina
  13. Fate un bando, assegnate la gestione dei cartelloni a una o poche ditte che si occuperanno della rimozione dei cartelloni attuali per metterne di nuovi più belli, moderni e sicuri E SOLO ALLORA I PRIVATI POTRANNO PUBBLICIZZARE I LORO MARCHI.

    RispondiElimina
  14. ALEMANNO COON QUESTA STORIA DELL'ARA PACIS SI E' RICOPERTA E SI RICOPRE DI UN RIDICOLO ASSURDO...MENTRE LA CITTA' E' IRRIMEDIABILMENTE DANNEGGIATA DAI CARTELLONI CHE NON POTRANNO MAI ESSERE RIMOSSI IN QUAnto totalmente fuori da ogni controllo e da qualunque sorta di banca dati : nessuno ha piu' il controllo della situazione. ormai A ROMA IL SETTORE DELLE AFFISSIONI E PUBBLICITA' E' E RESTERA' INGOVERNABILE.

    LA PIANTASSE DI ROMPERE I C... CON QUEL POCO DI BUONA ARCHITETTURA CONTEMPORANEA CHE SI E' RIUSCITI A REALIZZARE A ROMA. Lo ripeto : RIDICOLO!!!!

    Mc Daemon

    RispondiElimina
  15. La cosa triste è che il fans club dovrebbe nascere non per motivi di decoro ma per motivi economici ! Per soldi, per tanti soldi .......e meno male che cartellopoli non ha fini economici ! Meno male...

    RispondiElimina
  16. ma va a cagar bis...

    Mc Daemon

    RispondiElimina
  17. incredibile, quando si parla di soldi vi sentite tutti chiamati in causa.....che schifo ! Ed i giornali tengono nascosti questi interessi economici che sono fondamentali per voi ! Anzi sembra sia l'unica cosa che v'interessa !

    RispondiElimina
  18. ABBRACCIA LA TAZZA DEL CESSO E CANTA "NON SON DEGNO DI TE!!"

    RispondiElimina
  19. Ma questo Ghera dice sul serio o dice queste cose come provocazione parte di un esperimento sociologico per saggiare la reazione delle persone? Cioè lui per rifare una strada (che ne so asfalto, marciapiedi o altro) vorrebbe tenere aperto un cantiere per 6 mesi in modo da consentire di fare pubblicità sulle recinzioni del cantiere? 6 mesiiii?????? e intanto la gente impazzisce in strada per cercare un posto per poter passare con l'auto?
    e poi le pubblicità sulle recinzioni non c'entrano nulla con i 100.000 cartelloni abusivi messi in città e che staranno lì all'infinito e non solo 6 mesi.
    con l'abusivismo il comune e la collettività non guadagnano nulla e perdono solo in decoro.
    capito che vi dicono: una città come Roma, che sulla carta dovrebbe essere la municipalità più ricca del mondo viste le potenzialità turistico/economiche, dovrebbe ridursi a dover chiedere i soldi agli inserzionisti pubblicitari incentivandoli a ricoprire la città di pubblicità!!!!!!
    una città che solo di turismo dovrebbe incassare miliardi di euro l'anno e che invece non incassa nulla perchè siamo una città di commercianti che evadono il fisco, di ristoratori che evadono il fisco, di cartellonari che evadono il fisco, di tassinari abusivi e non abusivi che frodano i turisti ed evadono il fisco, di attacchini che evadono il fisco, di chioscatari che evadono il fisco, di squallidi finti gladiatori che scippano i turisti, di lavavetri rompicoglioni, di accattoni che chiedono l'elemosina ad ogni angolo di strada e chi più ne ha più ne metta.
    CHE SQUALLORE DI CITTA' E CHE SQUALLORE DI AMMINISTRATORI. FACCIAMOLI VIAGGIARE ALL'ESTERO COSI' FORSE C'E' LA POSSIBILITA' CHE QUALCUNO DI QUESTI SI RENDA CONTO DI CHE COSA SIA LA CIVILTA'.
    VERGOGNAAAAAAAAAAAAAAAAA

    RispondiElimina
  20. anonimo che ce l'hai col blog ti dedico una poesia eccola:

    ma va a cagar (tris).

    RispondiElimina
  21. ANONIMO CHE CE L'HAI COL BLOG E FAI L'AMORE COI PALI DEI CARTELLONI DOPO AVER GAGAR SCARICATI NEL CESSO E FATTI UNA NUOTATA FINO AL MARE!

    RispondiElimina
  22. vorrei chiarire una cosa, io non ho niente contro i blog di tonelli....ma odio il suo pensiero estremo ! Pensiero che a volte , magari , può essere riconducibile a questioni economiche.
    Dico la verità molti di voi mi deludono sul come accettano supinamente queste imposizioni. Perchè mai ci dovrebbe essere un bando ? incredibile come siete (quasi) tutti d'accordo con questa idea assurda. Les non vede l'ora.....! Tempo addietro l'architetto B. si è ribellato alla deriva cartellonara di Roma ma ha detto assolutamente no alla deriva tonelliana (monopolio, addirittura indica delle ditte di fianco a destra ) ! Capisco che alcuni di voi potrebbero non avere gli strumenti per capire come stanno le cose, ma questa non può essere una scusante!
    Svegliatevi !

    Questo è tutto, la cosa incredibile non sono i post che mi vengono cancellati, la cosa incredibile è come vi scagliate a difesa del vostro leader....forse voi non siete cosi ingenui e forse avete interesse che passi il monopolio...! Come disse qualcuno, " io so , ma non ho le prove...".

    RispondiElimina
  23. Ebbene la misura è colma, alla isterica che continua a sproloquiare qui sopra diciamo che non c'è più spazio per perdite di tempo come questa. Stiamo compiendo una battaglia seria e difficilissima e non possiamo più permetterci di dare spazio a chi tenta quitidianamente di buttarla in caciara. Non hai le prove del mio personale coinvolgimento in qualche ditta di cartelloni cui vorrei far vincere il bando? Benone. Torna quando hai le prove. Nel frattempo ogni tuo commento ingiurioso, ignobile, infamante o semplicemente (come il 99%) stupido e privo di senso contro il lavoro di questo blog sarà eliminato.
    Non è accettabile proseguire oltre con questo degrado. Siamo qui per combattere il degrado della città, non possiamo permetterci di ospitarlo qui. Le fogne come te, cara amica, si facciano un blog fogna e commentino lì.
    Ogni ulteriore commento idiota verrà cancellato.

    RispondiElimina
  24. se odi il pensiero di tonelli non venire sui suoi blog razza di cane lurido

    RispondiElimina
  25. Cartellonaro muori

    RispondiElimina
  26. iO NON DIFFAMO NESSUNO, SEMMAI PROVO AD APRIRE GLI OCCHI....PERCHè NON CENSURI CHI MI MNACCIA E MI INGIURIA ?
    CONTINUERò A PARLARE.....FINCHè POTRò !
    Signori è questa la gente di cartellopoli.......! repubblica e corriere, perchè non scrivete di questo ?

    RispondiElimina
  27. Anonimo che ce l'hai con tonelli e col blog non sai che un blog è un diario personale, quindi il titolare del blog è libero di scrivere cio' che pensa, chi commenta è ospitato dal titolare del blogger. Pertanto nessuno qui è ostaggio di Tonelli, chi scrive qui ha a cuore il decoro della propria città e critica lo scempio in atto in quel settore e non solo, non siamo sudditi di Tonelli stai certo, io personalmente manco lo conosco. Se vuoi esprimi il tuo pensiero in modo meno confuso perchè sono mesi che vai avanti con la stessa musica ma non s'è capita una mazza di quel che proponi. Se invece vuoi solo insultare o criticare banalmente perchè ti rode che siamo uniti nella battaglia allora il titolare del blog ha tutto il diritto di buttarti fuori. Il blog è casa sua e a casa propria uno riceve gli amici che vuole. Se vuoi puoi sempre crearti un tuo blog e dire che le cose come vanno ora ti stanno bene, che sei per la mafia delle affissioni e che bordoni e paciello sono due amministratori modello. Sei libero di farlo. bye
    carlo

    RispondiElimina
  28. Invece tu diffami e come.
    Tu sostieni che noi abbiamo l'obiettivo nascosto di arricchirci personalmente favorendo una proposta che assegnerebbe a società internazionali la gestione della cartellonistica outdoor a Roma (pur sapendo che questa è una proposta di Tonelli che non tutti i lettori del blog per ora condividono ma che comunque mi sembra complessivamente valida per uscire da questo "olocausto" della Storia e della Bellezza di Roma).
    Questa si chiama diffamazione aggravata e continuata e devi ringraziare Tonelli se ancora non ti ha denunciato.
    Se hai delle prove delle tue affermazioni forniscile e rendile pubbliche, chiama anche tu i giornali e fai la tua contro-informazione.
    Ma siccome le tue sono solo calunnie velenose non ti rimane che venire qui a provocare tutta la gente che in vario modo si sta impegnando, anche assumendosi dei rischi personali.
    Sono d'accordo con Tonelli: la misura è colma.
    Ricordati che potresti beccarti presto una denuncia per diffamazione aggravata con richiesta di danni morali molto consistente.
    Finiscila.

    RispondiElimina
  29. No assolutamente io dico che mi sembra incredibile che un blog che si occupi di degrado parli di un bando di gara!
    La mia frase sulle prove era un omaggio a Pasolini che non avete colto. Che prove servono ? volete fare un bando e mi basta....! Mai detto che tonelli sia coinvolto in qualche ditta ,al massimo ho sottolineato che le pubblicizza... (stanno li a destra).

    "Sono d'accordo con Tonelli: la misura è colma.
    Ricordati che potresti beccarti presto una denuncia per diffamazione aggravata con richiesta di danni morali molto consistente.
    Finiscila."

    Forse mi sono lasciato andare a qualche insinuazione ma solo dopo le vostre calunnie (e ho tutto il diritto di rispondere) .... dopotutto voi insinuate e parlate di criminalità organizzata.
    Comunque tranquillo che la finisco, cosi potete continuare a cantarvela da soli ed usare il linguaggio che preferite (diciamo caldo).

    Carlo certo che avete tutto il diritto di cancellare i miei messaggi , magari non c'è il diritto di minacciare (proprio di morte, vedi il commento delle 11:23....perchè quello non viene cancellato ?).

    Oggi per questo blog è stato toccato il fondo, minacciato di venir denunciato da quelli che usano termini come criminalità organizzata e fanno delle provocazioni la loro costante !!!

    Fitz non mi rispondere nemmeno, perchè non ti leggo (neanche mi avvicinerò più a questo blog).
    Al massimo querelami e poi ricambio (cosi parleranno i legali)

    RispondiElimina
  30. Forse ti sei lasciato andare a qualche insinuazione?
    Rileggiti i tuoi post delle 20.04 e delle 21.11 di ieri..penso possano bastare, ma se vuoi ce ne sono altre decine dello stesso tono e contenuto nei mesi passati.
    Io sono una persona seria, appassionata ed onesta e non ho mai minacciato di morte nessuno, non sono quindi più disposto a subire le tue calunnie, hai capito?
    Finiscila davvero.

    RispondiElimina
  31. anonimo...sempre la stessa minestra.. Tonelli pubblicizza le ditte?? Quello è un sondaggio! allora anche il comune le pubblicizza, l'elenco sta sul sito del comune. Ce l'hai col bando..guarda che il bando non è monopolio!! se tu partecipi ad un bando di concorso e lo vinci hai fatto qualcosa di male?
    Il bando è una regolare procedura normalmente usata in tanti settori. Tu oltraggi il bando e fai pubblicità ai banditi delle affissioni.
    carlo

    RispondiElimina
  32. Ahò ha detto che nemmeno si avvicinerà più al blog eh!
    era oraaaaaaaaaaa
    si facesse un blog suo dove può fare tutta la controinformazione sleale che crede.
    qui siamo a combattere e fare opinione per cercare di salvare Roma (almeno nell'aspetto cartelloni abusivi).
    speriamo di non rileggere davvero mai più le panzane che scriveva quel tizio. nè le sue nè quelle di qualche altro furbetto del quartierino

    RispondiElimina