sabato 7 agosto 2010

Cosa sarebbero state queste strade se fossero state a Roma?








Vi invio queste foto fatte a Ravenna qualche settimana fa, per disintossicarsi dall'inquinamento visivo che noi romani siamo costretti a subire.
Ravenna è una città di 158.000 abitanti (pochi rispetto a Roma), ma ha il secondo territorio comunale in Italia, come espansione, dopo Roma.
A Ravenna, dichiarata Patrimonio dell'Umanità dall'UNESCO per alcuni suoi monumenti, puoi camminare per centinaia di metri senza vedere cartelloni pubblicitari.
Quelli esistenti sono tutti del Comune, che alcuni li dà in gestione a pochisisime ditte e altri li gestisce direttamente lui per eventi sociali (avvisi alla cittadinanza, pubblicità di eventi e spettacoli per l'estate, necrologi, ecc.).
Per la verità tutti i cartelloni non brillano per bellezza e design, perchè sono su plancia comunale, ma sono talmente pochi che ci si può stare... Lascio immaginare ai lettori come sarebbero questi luoghi immacolati se si trovassero a Roma... ma voglio essere positivo e dico: come sarebbe Roma senza i cartelloni! Con vere piste ciclabili, con veri spazi verdi, con veri parcheggi per torpedoni... Con più vivibilità!

15 commenti:

  1. Legione Monteveede7 agosto 2010 19:07

    Alemanno è ignorante come una capra.

    IL COMUNE DI ROMA HA INFILTRAZIONE CAMORRISTICHE!!!

    RispondiElimina
  2. Resistenza Attiva7 agosto 2010 19:45

    Ormai ha cominciato a parlare del degrado di Roma anche la STAMPA ESTERA:

    http://roma.repubblica.it/cronaca/2010/08/07/news/il_sito_del_wall_street_journal_roma_offesa_dai_graffiti-6136569/

    Per ora di graffiti, a breve di cartelloni..

    RispondiElimina
  3. Tra graffiti e cartelloni, questa città è diventata inguardabile!

    RispondiElimina
  4. ok, ma Ravenna è un'anomalia: anche le aree urbane dell'Emilia Romagna sono strapiene di cartellonistica pubblicitaria squallidissima...

    RispondiElimina
  5. Vogliamo un altro confronto? Barcellona, metropoli dove NON C'È UN SOLO CARTELLONE. E ho detto tutto.

    RispondiElimina
  6. Mah... tocca sempre leggere sti commenti (come quello di Renato delle 20.19) sempre a sminuire quella cosa o quell'altra...
    Ma secondo te Roma non meriterebbe di essere come Ravenna?
    che c'entra dire "eh però anche in emilia romagna..."?
    Ma tutte le città non dovrebbero essere come ravenna si o no?
    a roma non esiste nemmeno una via come quelle di ravenna (o come quella di qualsiasi città europea). all'estero non esiste nulla di quello che dobbiamo sopportare noi a roma. nulla!
    se qualcuno trova un pezzo di strada di roma più lungo di 10(dieci) metri senza nemmeno un cartellone pubblicitario, posti pure la foto così ci andiamo in pellegrinaggio

    RispondiElimina
  7. A vedere molte di quelle foto, mi viene l'idea che stiamo fuori ravenna....troppe poche case.
    OK da noi gli immondi piani regolatori hanno devastato tutto il verde costruendo quartieri ormai irrecuperabili.

    RispondiElimina
  8. Anche se quella fosse la periferia di Ravenna noi romani ci dobbiamo ancor piu schifare della nostra città. Se a Ravenna la periferia la tengono come un gioello figuriamoci come tengono il centro storico..A Roma questa Amministrazione nelle periferie non taglia piu' manco le erbacce alte un metro sui marciapiedi e al posto degli alberi ci mette cartelli pubblicitari con scritto "spazio disponibile" che non si fila nessuno. Idem nelle zone del centro. Il Sindaco di Roma porti in gita i suoi assessori a Ravenna e nelle altre città civili e ordinate del nord italia e si dia una regolata.
    Carlo

    RispondiElimina
  9. Resistenza Attiva8 agosto 2010 11:06

    Sono l'autore delle foto. l'unica zona periferica, dove le case sono tutte a villetta, è quella della terza foto. tutte le altre sono nel centro storico (lo si vede dalle case basse una attaccata all'altra. La quarta e quinta foto sono state scattate davanti l'ingresso dell'ospedale che si trova a 200 metri dal parcheggio dei pulman, in pieno centro. Capisco che è un'oasi felice, ma sicuramente gli amministratori di Ravenna (e i cittadini)sono da prendere ad esempio. Lì, se qualcuno tocca un albero i cittadini stessi ti tagliano le mani sul posto e danno i monconi in pasto ai cani.
    A Roma se dai ai cani un cartellonaro, quelli vomitano!

    RispondiElimina
  10. la differenza con Ravenna: Roma è gestita dalla mafia e popolata , per la maggior parte, da rincoglioniti , arroganti che pensano solo alla Roma alla Lazio ed al suv, per i quali il degrado è ormai uno stile di vita. ROMANI, SVEGLIAAAA!!!

    RispondiElimina
  11. Caro anonimo,
    veramente io sono il primo a scandalizzarmi e ad incazzarmi per la cartellonistica pubblicitaria: la odio e vorrei vederla eliminata.
    Sto solo dicendo che - pur vedendo Roma come afflitta dalla peggiore situazione che si possa immaginare, come in NESSUN'altra realtà occidentale - il resto d'Italia purtroppo presenta lo stesso problema ovunque.
    Anche in Toscana e nelle Marche.
    Salvo felici eccezioni come quella di Ravenna.

    RispondiElimina
  12. A Renatì,
    ma che razzo stai a ddì?

    Guarda che lItalia (e ahimè, L'Europa) la conosciamo un pò tutti.

    Azzardo scommessina: la merda cartellonara che copre ormai Roma è superiore a tutta (TUTTA) quella del resto d'Italia: vogliamo fare un esame a campione, magari lo facesse qualche Istituto specializzato.

    Sicuro di vincere, e con ampio margine, purtroppo.

    RispondiElimina
  13. tesoro mio, ho parenti un pò ovunque, e il mio paese lo conosco.
    Poi ti consiglio di rileggere più attentamente il mio post... per sicurezza ri-espongo le mie considerazione.
    Ripeto: la situazione a Rome è peggiore rispetto a qualsiasi realtà italiana, Napoli compresa.
    Questo non toglie che la mafia cartellonara sia presente ovunque in Italia.
    Con un'aggressività che non ha riscontro nel mondo occidentale.

    RispondiElimina
  14. Scommessino, l'antiScrotino8 agosto 2010 20:56

    E allora, l'accetti la scommessina ?

    (Ricordo angoor: Roma ha un numero di cartelloni e cartellini PIU' ALTO della somma di tutti quelli messi insieme del resto d'itaglia).

    RispondiElimina
  15. ma chi lo nega?
    non io...

    RispondiElimina