giovedì 5 agosto 2010

Divorano la città. Ogni giorno.


Questa l'ho scattata ieri mattina, è un po lontana ma può funzionare. La solita APA... e sopra il camion come puoi vedere ne è pronto un altro purtroppo.
Il bando che hai proposto, se ti fa piacere saperlo io lo trovo perfetto nella sua semplicità, coerente con lo spirito e l'obbiettivo del blog che hai creato - a parte l'errore veniale di nominare la ditta che ha vinto a Napoli, mai lasciare appigli al nemico! Peccato invece per quanto è emerso dall'incontro con l'assessore, in certe trattative non bisogna mai cadere nell'errore di entrare troppo nello specifico (quel cartellone sotto casa mia...) si finisce per fare il gioco dell'avversario.

Fa riflettere:
"Divido i miei ufficiali in quattro categorie: gli intelligenti, gli stupidi, i volenterosi ed i pigri. Ogni ufficiale possiede almeno due di queste qualità. Quelli che sono intelligenti e volenterosi sono idonei ad alti incarichi nello Stato Maggiore. Si possono impiegare anche gli stupidi ed i pigri. L'uomo che è ad un tempo intelligente e pigro è idoneo alla più alta funzione di comando: ha il temperamento ed il sangue freddo indispensabile per far fronte a tutte le circostanze. Ma chi sia contemporaneamente stupido e volenteroso costituisce un grave pericolo e deve essere immediatamente destituito"- Von Moltke
Grazie per il costante impegno.
Ludovico

***
Ludovico lungi da noi parteggiare per qualche ditta in particolare. Facciamo spesso l'esempio di Napoli perché è emblematico, molto vicino e verificabile da tutti con un'oretta di treno, non certo per pubblicizzare una ditta piuttosto che un altra. Facciamo spesso anche l'esempio di Parigi, dove il leader è un'altra ditta. Va da se che una capitale occidentale importante come Roma non può vedere gestito un comparto così strategico per l'economia, il decoro e l'immagine della città come quello delle affissioni da 300 peracottari malavitosi, giusto? Bene, ne consegue che -COME IN TUTTE LE GRANDI CITTA' EVOLUTE E OCCIDENTALI, non ci stancheremo mai di ripeterlo- il settore deve essere governato da ditte di grande esperienza, trasparenza e capacità. Ne consegue che, qui come a Londra, a Madrid, a New York, a Parigi, la pubblicità esterna deve essere gestita o da una delle grandi multinazionali del settore (Decaux, Clear Channel, Wall, Cemusa, Cbs...) oppure da una nuova realtà -magari creata da un consorzio di ditte italiane- che abbia però le dimensioni e il peso industriale per gestire in maniera seria e iper-professionale l'incarico. E per dare garanzie, al contempo, sia ai clienti (che chiedono visibilità), sia ai cittadini (che chiedono arredo di qualità e decoro).
-Cartellopoli

7 commenti:

  1. Dal corriere de oggi:

    La denuncia dell’associazione ambientalista, che richiede un intervento d’urgenza, è su piazza Ungheria ai Parioli: «Pur di mettere in funzione il nuovo cartellone pubblicitario luminoso non hanno esitato ad attaccarsi ad una centralina elettrica in piazza Ungheria - spiega Legambiente-. Hanno poi richiuso l’allaccio solo con il nastro adesivo, facendo proseguire i fili con una prolunga che si invola prima su un altro cartellone, poi tra i rami di un albero, quindi passa dietro l'alimentazione della tramvia e infine raggiunge il nuovo impianto. Una soluzione “creativa” quanto estremamente pericolosa e, soprattutto, fuorilegge».

    A PERACOTTARI!! A ZOZZI!!!

    RispondiElimina
  2. Resistenza Attiva5 agosto 2010 19:45

    Notizia di 1 minuto fa al TG3 Regione:

    Rimossi una ventina di cartelloni abusivi su Via Tiburtina.
    Con tanto di video con vigili che assistevano alle rimozioni a colpi di mazza e gru che "sfilavano" i pali dei cartelli 1 x 1 sui marciapiedi.
    Commovente... Forse è vero che sentono il fiato sul collo...

    RispondiElimina
  3. a Piazza Ungheria c'e tra l'altro un cartello piantato davanti la vetrata del gabbiotto dei vigili che invece di vedere l'incrocio vedono il cartello. Ovviamente sta ancora lì, forse i vigili sono contenti di guardare il cartello invece del traffico !!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  4. Questa amministrazione è di un tale pressapochismo che rasenta l'assurdo. Per non piangere, c'è solo da ridere. In faccia a costoro, nella speranza che prima o poi paghino per tutta questa devastazione che hanno portato a Roma. VERGOGNA!

    RispondiElimina
  5. APA LADRI PATENTATI USURPATORI DI SUOO PUBBLICO A SCROCCO DEVASTATORI INFAMI

    A Porci Assurdi!!!!!!!!

    RispondiElimina
  6. Ieri, in PIENO GIORNO, APA è riuscita a trovare spazio per la sua merda dalle uova d'oro ancora inzeppando senza più riguardo nemmeno per l'aria e la luce

    - Ponte Milvio oscurando il giardino con reperti Romani di p.zza Cardinal Consalvi

    - P.le Ankara, via Flaminia davanti lo Stadio Flaminio

    RispondiElimina
  7. APA PAGHERETE TUTTO, FINO ALL'ULTIMO- STATENE CERTI! VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA NON CI SONO ALTRE PAROLE. Finirete anche voi coperti dalla vostra stessa merda.

    RispondiElimina