giovedì 26 agosto 2010

E così hanno recintato l'ennesima piazza







lo scorso mese avevo inviato un contributo ed era stato inserito un post dal titolo "Un perché grande così" (http://www.cartellopoli.com/2010/07/un-perche-grande-cosi.html).
Ebbene approfittando di queste calde notti agostane, i nostri beneamati cartellonari colpiti da insonnia hanno pensato bene di arricchire il panorama della piazza in questione (Largo Michele Unia) di un secondo 'perché' e quindi di un nuovo scintillante gioiello d'arredo urbano.
In effetti SCI avrà pensato che, essendoci già lì un cartellone perfettamente abusivo della Nuovi Spazi, un angolino spettasse anche a loro. Milionesimo esempio di abrutimento civile della città, schifosamente oltraggiata da persone senza scrupoli e una amministrazione incapace della benchè minima iniziativa (chissà perché) che meriterebbe il commissariamento. Da notare il bel lavoretto di fino fatto sul marciapiede per poter piantare quella mostruosità. Saranno contenti i residenti della zona e le persone che andranno a sedersi sulle panchine del parco, così potranno godersi a tutto schermo le pubblicità che propineranno.
Alessandro Albanesi

12 commenti:

  1. La ditta SCI sta facendo una strage di spazi, sta installando negli ultimi giorni migliaia di impianti di grande e media superficie. Stamattina ho notato l'ennesimo cartellone di colore scuro su via del foto italico incrocio con via salaria, alle sue spalle è sparito un altro pezzo del parco di monte mario-villa ada.
    VERGOGNOSA SCI - NON COMPRATE PUBBLICITA SUI QUEI CARTELLI - LA GENTE LI ODIA E ODIA I VOSTRI PRODOTTI

    RispondiElimina
  2. tanto questa gente raccoglierà il frutto amaro di ciò che ha "piantatao". Non so quando ma prima o poi succederà...

    Mc Daemon

    RispondiElimina
  3. MASSA DI BEDUINI, IN GALERA TUTTI!

    RispondiElimina
  4. BOSI fai un esposto contro la SCI, in agosto ha piantato cartelloni in oghni angolo della città, l'amministraZIONE non può fare finta di niente!!!

    RispondiElimina
  5. ROMA INVASA DAI SORCI
    http://roma.repubblica.it/cronaca/2010/08/24/news/emergenza_topi_in_citt_nelle_strade_troppi_rifiuti-6467622/index.html?ref=search#commentatutti

    RispondiElimina
  6. maronna che schifo


    ci vorrebbe'na secchiata de merxa a sti zozzoni !!!

    RispondiElimina
  7. BORDONI VA MESSO IN GALERA.SUBITO.
    MAGISTRATURA E FORZE DELL'ORDINE INTERVENITE CONTRO IL MALAFFARE A ROMA.

    RispondiElimina
  8. Vi ricordo che la SCI è la stessa "impresa" che ha piazzato il suoi schifoso impianto in Via Lepanto (dove qualcuno, chissà chi, tagliò un leccio sanissimo prima dell'installazione..è la stessa che ha piazzato due mostri enormi in Circonvallazione Gianicolense nonostante i generosi tentativi dei cittadini di bloccarne l'installazione e le clamorose bugie dei vigili del 16° gruppo che assicuravano gli stessi di averle bloccate..è la stessa che si è scatenata negli ultimi 2-3 mesi piazzando centinaia di impanti in ogni angolo della città. Come mai adesso e non prima?
    Cosa si nasconde dietro questa incessante attività di rapina del territorio proprio adesso?
    Chi ha dato luce verde all'ennesimo stupro della città?
    Belle domande per il Magistrato che sta esaminando il caso...

    RispondiElimina
  9. bordoni e paciello in pubblico dicono una cosa e appena tornano in ufficio ne fanno un'altra anzi si regolano sulle mosse dell'avversario e pianificano l'assalto dei cartelloni di concerto con le ditte..C'e' sicuramente motivo su quel che sta accadendo. E' importante segnalare alla MAgistratura questi strani fatti e la loro tempistica.
    carlo

    RispondiElimina
  10. BORDONI E PACIELLO DIMISSIONI E RISARCITE I DANNI ALLA CITTA' DI ROMA.

    RispondiElimina
  11. PURTROPPO le foto non sono aggiornate, in quanto su quel marciapiede da qualche giorno è possibile "godere" della vista di un altro mostro. CHE INDECENZA!!

    RispondiElimina
  12. Claudio67
    organizza la resistenza nel tuo quartiere..vedi il post di oggi sull'Auditorium :-))
    Non ci vuole molto..cartoncini bristol, colla, pennarello e bombolette..
    Non diamo tregua a questi infami

    RispondiElimina